La Materia NON Esiste:Tutto é vibrazione ed energia.


5 min letti
11 Dec

Nell’Ottocento la scienza era convinta di aver compreso tutti i principi fondamentali della natura. Gli atomi erano i “mattoncini” con cui era costruito il mondo, le leggi gravitazionali di Newton spiegavano il moto dei pianeti e di tutti gli altri corpi, l’Universo intero sembrava funzionare come un gigantesco orologio.

Ma nei primi decenni del Novecento, uno studio più approfondito dell’atomo e dei suoi componenti ha dato origine alla teoria dei quanti che,facendo perdere gran parte delle certezze su cui si basava la fisica classica, ha gradualmente fatto comprendere che la conoscenza della realtà era ben lontana dall’essere completa.

Il motivo?

Nel mondo microscopico i corpi non seguono le normali leggi della meccanica classica, quelle che normalmente valgono nel nostro mondo macroscopico.Per interpretare il comportamento delle particelle e i fenomeni naturali microscopici è stato necessario formulare nuove leggi della fisica.

La teoria dei quanti quindi,venne introdotta nei primi anni del Novecento dallo scienziato tedesco e premio Nobel della scienza,Max Planck,per rimediare appunto alle carenze della fisica classica.

Planck elaborò ed introdusse il concetto di quanto di energia o di quantizzazione.Secondo lo scienziato tedesco,quantità fisiche come l’energia,possono essere scambiate per mezzo di pacchetti energetici (quanti),possedendo valori di energia ben specifici e non illimitati come sosteneva la fisica classica.

Nonostante ciò,quello che incuriosiva di Planck e della sua personalità,è il fatto di essere stato anche uno scienziato attento e propenso alle questioni filosofiche.

Egli era infatti convinto che il mondo spirituale e quello scientifico si completavano a vicenda,ed è proprio grazie a questa sua visione “olistica” e a questa sua propensione verso il mondo spirituale,che a Firenze nel 1944,fece una dichiarazione senza dubbio sconvolgente:


 “ Avendo consacrato tutta la mia vita, alla Scienza più razionale possibile, ovvero lo studio della materia, posso dirvi almeno questo a proposito delle mie ricerche sull’atomo :La materia come tale non esiste! Tutta la materia non esiste, che in virtù di una forza, che fa vibrare le particelle, e mantiene questo minuscolo sistema solare dell’atomo .Possiamo suporre al di sotto di questa forza,l’esistenza di uno Spirito intelligente e cosciente. Questo spirito, è la ragione di ogni materia “

Parole che potrebbero sembrare per un certo verso quasi da fantascienza,tuttavia, le apparenze ingannano:La realtà solida risulta essere meno solida di quanto sembri,tant’è che se analizzassimo quanto scoperto dalla scienza e provassimo a sezionare un atomo,noteremmo che esso è formato da un nucleo composto da protoni (particelle positive) e neutroni (particelle prive di carica) al cui intorno ruotano senza seguire un’ orbita ben definita ma ad una definita distanza ,gli elettroni ,che altro non sono particelle negative della stessa quantità dei protoni.

Tuttavia se andassimo ad ingrandire il nucleo atomico alla grandezza di un sasso,l’elettrone ruoterebbe intorno al nucleo alla distanza di ben 1 km! Quindi questo comporta che la maggior parte dello spazio all’interno di un atomo sia composto da spazio vuoto.

Esattamente per il 99,999999%.



“Se vuoi scoprire i segreti dell’universo devi iniziare a parlare in termini di energia,frequenza e vibrazione.”

Nikola Tesla


Questo cosa significa? 


Ciò significa che il dispositivo su cui stai leggendo questo articolo, la sedia su cui ti siedi, la casa in cui vivi, la terra in cui vivi,quella cosiddetta realtà solida,è formata per la maggior parte da spazio vuoto

Un rapido calcolo ci mostra che la parte solida di un atomo è solo lo 0,0000001 percento della massa dell’intero atomo. È inconcepibile che gli oggetti solidi siano costituiti da una materia solida così piccola. Tuttavia secondo la fisica quantistica,non esistono di per sè le”particelle”,è l’energia ad essere alla base della realtà materiale.Ogni tipo di particella è concepita come una vibrazione quantistica di un determinato campo: gli elettroni sono vibrazioni nei campi degli elettroni, i protoni vibrano in un campo di protoni e così via. Tutto è energia,e tutto è collegato a tutto il resto attraverso questi campi.

Al suo livello più elementare, la materia non si presenta come piccole particelle isolate; tutta la materia è essenzialmente una e indivisibile, un tessuto connesso e dinamico di campi  vibranti di energia.

In breve...

Secondo gli scienziati l'energia riuscirebbe ad esprimersi sotto forma di frequenza e vibrazione.Gli oggetti sono composti da spazio vuoto e da atomi che,per rendere solida una determinata struttura vibrano ad una determinata frequenza.

Un esempio pratico per rendere chiaro il concetto,potrebbe essere quello dei cantanti lirici,i quali riescono a frantumare interi bicchieri di vetro grazie alla potenza delle vibrazioni della loro voce.

La spiegazione è molto semplice:L'aria che vibra ad una certa frequenza,entrando in risonanza con il cristallo, fa esplodere il bicchiere.Potete ben intuire che questo fenomeno avviene perchè la materia,e quindi anche i bicchieri,vibrano ad una determinata frequenza.

Ciò che percepiamo come il nostro mondo materiale fisico quindi , in realtà non è affatto fisico o materiale, in realtà, è tutt’altro.

Niels Bohr, un fisico danese che ha dato un contributo significativo alla comprensione della struttura atomica e della teoria quantistica dichiarò:

Se la meccanica quantistica non ti ha profondamente scioccato, significa che non l’hai ancora capita. Tutto ciò che chiamiamo reale è fatto di cose che non possono essere considerate reali. 


Anche Nikola Tesla,famoso per le sue rivoluzionarie scoperte confermava questo concetto:


Ogni atomo misurabile è differenziato da un fluido tenue, che riempie tutto lo spazio con un movimento circolare, come un vortice di acqua in un lago calmo. Mettendo in movimento questo fluido, l’etere, diviene materia.”

Un altro punto importante su cui i ricercatori della teoria quantistica hanno dedicato i lori studi,è sul fatto che non solo le particelle sono costituite da energia, ma anche lo spazio circostante è “impregnato” di energia. Questa è la cosiddetta energia del punto zero.


 “ L’universo non è fatto da cose.Ma da reti di energia vibratoria che emergono da qualcosa di ancora più profondo e sottile”

 Werner Heisenberg




NOTA:Questo articolo è un piccolo estratto del primo capitolo della nostra rivista Scienza Spirituale.



Che cos'è Scienza Spirituale? Sono Circa 50 pagine composte da esperimenti,ricerche e scoperte inerenti al mondo spirituale.Scoperte che hanno permesso alla scienza di scoprire e attraversare confini inaspettati,rendendo la dimensione scientifica sempre più complementare a quel mondo apparentemente così lontano e opposto della spiritualità.

Se sei curioso di scoprire ulteriori informazioni che mettano in relazione scienza e spiritualità clicca qua sotto su "Scarica il PDF" per scaricare gratis il primo capitolo di Scienza Spirituale.Nell'estratto sarà  presente anche uno speciale su Nikola Tesla,uno scienziato che nel corso dell'ultimo secolo ha fatto parlare molto di sè per la sua visione incredibilmente rivoluzionaria.Per cui,avrai la possibilità di scoprire la sua storia,la sua profonda visione spirituale, e infine le sue incredibili invenzioni,le quali sfruttavano una fonte energetica misteriosa ed infinita che lui stesso soprannominava "etere.

Tuttavia,se sei deciso ad acquistare direttamente Scienza Spirituale,clicca qua sotto su "Acquista ora" per leggere interamente la rivista.





Che cos’è l’Energia Zero?


Le ultime scoperte scientifiche puntano sempre di più sull’esistenza di un’energia primaria fondamentale che mette in collegamento tutto l’Universo. Questo mare onnipervadente di energia quantistica è stato misurato per la prima volta dallo scienziato e fisico americano Harold Puthoff .

Alla base di questo esperimento,serve comprendere il concetto secondo il quale se una data moleca viene stimolata da determinate condizioni fisiche,essa tenderà a modificare la propria struttura.Ad esempio, quando riscaldata, l’acqua inizierà a gorgogliare e ad evaporare.Mentre quando l’acqua si raffredda, le molecole inizieranno a muoversi sempre più lentamente fino a congelarsi e a solidifarsi.

Compreso questo,l’esperimento di Puthoff venne misurato a zero gradi Kelvin, la temperatura più bassa possibile che si possa ritrovare in un corpo termodinamico(che equivale a -273° Celsius).A questa temperatura secondo la fisica Newtoniana, tutto il movimento atomico e molecolare dovrebbe cessare e non si dovrebbe misurare energia!

Ma come potete ben immaginare invece di riscontrare assenza di energia, come atteso,Puthoff scoprì quello che chiamò “calderone ribollente di energia”il quale venne soprannominato zero point energy (ZPE).

Da una parte non ci soprendiamo,la fisica quantistica sta semplicemente dimostrando incrontrovertibilmente quello che le antiche culture predicano da millenni:Si parla di C’hi nelle culture cinesi,Prana nello Yoga o Ki nel Reiki.In tutti i casi,si parla di un’energia sottile universale, che include tutto ed è portatrice dei processi della vita .

Essa permea l’intero universo e fluttua continuativamente come interazione tra materia e antimateria […] è una riserva grande quanto l’universo...si annichila e si ricrea da sola” riferisce il prof. Paul Czysz.

Quest’energia ricavata dal “vuoto spaziale” è chiamata Zero point Energy e, sempre secondo Czysz, “fornisce circa 40-50 megawatts di potenza per pollice cubo(3mc) di spazio. Volendola utilizzare nessuno venderebbe più benzina o petrolio“. Secondo il fisico russo Sakharov “è un oceano di energia galleggiante, congelata in un quantum temporale, infinita come l’universo”.Anche scienziati come Tesla ed altri illustri scienziati come Thomas T. Brown,erano convinti  che con il giusto “sistema”,si sarebbe potuto garantire energia infinita, “pulita” e decretare la fine dalla dipendenza del petrolio con tutto ciò che ne consegue per i benefici dell’umanità e dell’ambiente.


Se hai apprezzato l'articolo iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato sui nostri nuovi contenuti.Inoltre puoi trovarci anche su Facebook(qua) e su Instagram(qua)


Un abbraccio,Riccardo


Commenti
* L'indirizzo e-mail non verrà pubblicato sul sito Web.