Due infallibili metodi per potenziare la Legge di Attrazione

Due infallibili metodi per potenziare la Legge di Attrazione

La Legge di Attrazione rappresenta una delle Leggi Universali che governa l’Universo. Si tratta di un processo estremamente complesso, in grado di influenzare la realtà e consegnarci nelle mani la responsabilità della propria qualità di vita.

Nell’ultimo decennio questa legge è diventata un argomento di dominio pubblico che ha trasformato  positivamente la vita di numerose esistenze, e che ha riacceso “il fuoco della vita” di molte persone.

Come ho ampiamente trattato nei precedenti articoli, la legge di attrazione ci dice semplicemente che la nostra realtà esteriore rispecchia esattamente la vibrazione che emana la nostra realtà interiore.

In parole più semplici quindi, la qualità del tuo regno mentale costruisce la qualità del tuo regno “materiale”!

Tutto ciò che hai nella vita ,rispecchia esattamente tutto ciò che è presente dentro di te! Tutti gli eventi e tutte le persone che hanno condizionato positivamente o negativamente la tua vita sono state attratte dal tuo campo magnetico tramite la Legge di Attrazione.


Lo so, è un concetto molto grande!


Proprio per questo, se non hai mai sentito parlare della Legge di Attrazione ed è la prima volta che t’interfacci con la complessità dei suoi concetti, ti esorto a fermarti con questa lettura e concentrarti prima di tutto sulla guida che ho reso disponibile gratuitamente: La legge di Attrazione: la guida definitiva . Si tratta di una guida efficace, semplice e gratuita, che ti consegnerà le basi e la giusta prospettiva per poter comprendere al meglio questo articolo e tutti i funzionamenti e le dinamiche che ruotano intorno alla Legge dell’Attrazione.

E’ inutile fare le espressioni se non si sanno nemmeno fare le addizioni e le sottrazioni, giusto?

 

LA LEGGE DI ATTRAZIONE


La legge di attrazione ci dice semplicemente che il simile attrae il simile. Una persona generalmente positiva tenderà a richiamare a sé esperienze della medesima vibrazione, quindi esperienze prevalentemente positive. Viceversa una persona negativa e pessimista richiamerà a sé eventi, persone e esperienze simili alla vibrazione emanata.

Un buon esempio pratico per osservare quanto questo processo sia sempre presente nella nostra vita quotidiana, potrebbe essere fatto tra le persone e gli ambienti generalmente frequentati: sarà difficile trovare una persona dalla mentalità “chiusa” all’interno di un gruppo di persone tendenti alla spiritualità e alla crescita interiore, come sarà difficile trovare un operaio all’interno di un gruppo di milionari. Se ciò accadesse, quella data persona si sentirebbe completamente a disagio e fuori posto proprio perché le sue energie/vibrazioni farebbero fatica ad entrare in sinergia con quelle circostanti.

In termini scientifici, la Legge di Attrazione è anche comunemente chiamata Legge di Risonanza, ed essa, sostiene semplicemente che due cose della solita frequenza si attirano e si amplificano, mentre due oggetti con una frequenza diversa si respingono.

Questa legge fisica avviene per esempio quando cerchiamo di sintonizzarci ad una stazione radio che si trova su una precisa frequenza, o quando cerchiamo di accordare con il diapason uno strumento musicale.

Il funzionamento alla base sono sempre le VIBRAZIONI!

Queste vibrazioni, per mezzo della Legge di Attrazione o della Legge di Risonanza ,saranno una sorta di biglietto da visita per l’Universo, una specie di richiamo che attrarrà verso di noi esperienze, situazioni e persone con la nostra medesima vibrazione. Esattamente come fa un magnete!

Si tratta di un dare e ricevere continuo che avviene costantemente e nella maggior parte dei casi inconsapevolmente. Se dai Amore riceverai Amore. Se quotidianamente rilasci le tue ansie, incazzature e paure, ciò che ritornerà indietro saranno eventi che amplieranno o confermeranno ancor di più quelle basse vibrazioni emanate. 

 

“A chiunque ha sarà dato e sarà nell’abbondanza; ma a chi non ha sarà tolto anche quello che ha”

Gesù Cristo

 

Per ulteriori approfondimenti: “Legge di attrazione: la guida definitiva”, “Legge di Attrazione: la spiegazione scientifica”

 

DUE METODI PER CAMBIARE LA PROPRIA VIBRAZIONE

 

Prima di entrare nel nocciolo del discorso è doveroso fare una precisazione: come ho approfondito in diverse letture esistono diversi metodi per potenziare la Legge di Attrazione, dal perdonare e rilasciare i propri fardelli emotivi, allo scavare nelle proprie convinzioni limitanti fino a comprendere le proprie ferite karmiche o emotive (Per maggiori informazioni: “Le 5 ferite dell’Anima o karmiche dell’uomo” o la guida gratuita “Che cos’è il karma: la guida completa”). Tuttavia si trattano tutti di viaggi interiori in cui è richiesto un importante voglia di crescere e un profondo desiderio di avvicinarsi al benessere emotivo e alla gioia di vivere.

 

E questo varrà  anche per i due metodi che starai per approfondire!

 

Preciso questo perché molte persone, e credo anche molti lettori di questo articolo, ricercano metodi veloci, sintetici e poco impegnativi per ottenere il più velocemente possibile la chiave per aprire lo scrigno della Legge di Attrazione. Ma non funziona così! Non esistono cose del genere, il mondo interiore è complesso, intricato e pieno di migliaia di sfumature. E questo vale anche per la Legge di Attrazione!

 

Esiste una logica secondo cui per migliorare dobbiamo necessariamente aggiungere qualcosa dentro di noi: nozioni, concetti, pratiche e via dicendo, ma in realtà la verità è che per evolvere sia interiormente che vibrazionalmente non bisogna aggiungere, ma togliere! Ripeto, togliere! Purificare tutta quella melma che imprigiona nelle basse frequenze della paura, ansia, preoccupazione, sfiducia e che abbatte la qualità delle proprie  vibrazioni.

 

Proprio per questo voglio risparmiarti tempo e consigliarti, se hai poca pazienza e preferisci solitamente approfondire la Legge di Attrazione attraverso piccole pillole o attraverso concetti generali, di chiudere questa pagina e concentrarti su altro. Perché i due metodi in questione si focalizzeranno sull’approfondire due comportamenti deleteri dell’Ego che “negativizzano” e appesantiscono la qualità delle tue vibrazioni. E ti assicuro che non saranno veloci da spiegare!

Questo articolo quindi non ti donerà uno dei tanti esercizi che dimenticherai dopo mezz’ora, ma porrà luce su alcuni comportamenti deleteri che quotidianamente compi inconsapevolmente e che devastano letteralmente il tuo polo magnetico.

 

UNA VELOCE DESCRIZIONE DELL’EGO

 

L’Ego è quella parte di noi che si immedesima in un’immagine di se stessa. Egli fa di tutto per difendere questa immagine di sé e adotta alcuni meccanismi, nella maggior parte tossici, per schermare la sofferenza e la paura.

Il concetto di base, e che è strettamente collegato alla Legge di Attrazione, e che le nostre vibrazioni possiedono diverse sfumature e molte di esse sono prodotte dalla nostra parte inconscia.

All’interno dell’inconscio è sedimentato gran parte del nostro dolore emotivo, formato dalle memorie karmiche e da tutte le ferite e i traumi che abbiamo subito in questa attuale vita. 

Questa sofferenza latente influenza le nostre vibrazioni, e attraverso il meccanismo della Legge di attrazione e della Legge del Karma,  sperimenteremo ciclicamente eventi e persone che stimoleranno ancor di più quelle ferite. Rappresentando così, un’opportunità per poter comprendere la natura di queste ferite ed un’opportunità per evolvere la propria Anima.

A seconda di quale sia la gravità e la pesantezza di questa sofferenza, l’Ego costruisce alcune maschere comportamentali e mentali in cui ci immedesimiamo fin da quando siamo piccoli. Per questo negli ambienti di crescita interiore l’Ego è considerato un “nemico” piuttosto che un alleato. Perché al posto di attuare meccanismi di “aiuto” ci porta inconsciamente ad adottare sotterfugi per nasconderci dentro una corazza illusoria e farci sentire al sicuro dal dolore e dalla sofferenza.

Tuttavia, oltre a non riuscire nell’intento ci costringe oltretutto a mettere da parte la nostra spontaneità ed unicità e ad adottare comportamenti spesso tossici per la nostra crescita. (NOTA: se vuoi approfondire le ferite dell’Anima e le maschere dell’Ego qua avrai un articolo che descriverà il tutto minuziosamente “Le 5 ferite dell’Anima o karmiche dell’uomo”)

Questi due metodi quindi, sono due comportamenti che necessariamente devi imparare ad eliminare e che sono prodotti dal tuo Ego. Ora puoi capire perché mi è servito un pò più di tempo prima di giungere al nocciolo della questione. 

 

Mettiti comodo e non perdiamo tempo!

 

 

PRIMO METODO: smettere di fare paragoni



Uno dei maggiori ostacoli che rallenta, o addirittura compromette, la realizzazione dei desideri è l’abitudine di concentrarsi sulla situazione attuale e di confrontarla con ciò che si vorrebbe. Alcuni dicono: voglio essere là, invece sono qui. Dato che il qui è il luogo dove si trovano ora, è molto facile da osservare e determina la maggioranza delle loro vibrazioni. Tuttavia, che dalla malattia tu voglia giungere al benessere fisico, o dalla grassezza attuale diventare magro, o divenire ricco rispetto alla povertà odierna, o essere in movimento tra le auto invece che bloccato nel traffico, la dinamica della creazione è sempre uguale: quando vuoi qualcosa che secondo te ti farà stare bene, stare male ora non ti permette di avvicinarti al tuo obiettivo. Devi stare bene adesso, indipendentemente dalle condizioni esterne, altrimenti non puoi migliorare. Devi fare pace con la situazione presente per permettere a te stesso di andare dove vorresti.

(Abraham. Tratto dal libro “La Legge dell’Attrazione ” dei coniugi Hicks)


Viviamo in una società in cui paragonarsi con gli altri è divenuto uno dei nostri principali modelli mentali. Quotidianamente ci paragoniamo con i nostri amici, parenti, colleghi e addirittura con i personaggi famosi!

Gran parte delle persone purtroppo, data la presenza di una politica scolastica centrata sullo sviluppo della logica e dell’intelletto, presenta ad oggi numerose lacune nel controllo della propria mente e nello sviluppo del proprio potere interiore.
Paradossalmente il nostro sistema societario preferisce insegnare, fin dall’età prematura, la risoluzione di grandi calcoli e problemi logici piuttosto che la risoluzione di contesti emotivi e la comprensione della propria natura emotiva. 

Dinanzi ad un sistema scolastico così superficiale, non é sorprendente trovarsi davanti ad intere generazioni ingabbiate e impantanate in alcuni comportamenti tossici e deleteri per la loro crescita.  

A nessuno è stato mai insegnato niente purtroppo! MAI!

 

Molte “anime” quindi, data la loro insicurezza, reputano normale paragonarsi con “l’esterno”, reputano normale dubitare e mettere in discussione la propria immagine, il proprio valore personale e si, anche i loro obiettivi. Questo atteggiamento mentale, diventato abitudinario, si riflette anche quando è presente l’intenzione di utilizzare la Legge di Attrazione.

É come se questi schemi mentali rivenissero a galla e si riattivassero in maniera ciclica!

 

Aldilà di quale sia il tipo di paragone quindi, la matrice é sempre la solita: ovvero l’Ego, le sue trappole e la sua paura illusoria.

Produrre un paragone nella propria mente inoltre, soprattutto quando è volto allo sminuirci, significa produrre un pensiero con bassa vibrazione che andrà ad influenzare il proprio polo magnetico. Significa concentrarsi sulla mancanza, sulle difficoltà e sugli ostacoli che potrebbero materializzarsi lungo il percorso! 

Nelle filosofie orientali questa tipologia di mente è incorniciata con il termine “mente povera”. Una mente povera di gioia, di amore e gratitudine e piena di paure, insicurezze e preoccupazioni.

Il “nemico” del paragone è la fiducia. Quando siete fiduciosi e grati per la vita e siete convinti di essere costantemente sostenuti dall’Universo, Dio o Sorgente Divina, avete già fatto il 70% dell’opera. In questo stato di coscienza l’Ego inizierà a frantumarsi, molti atteggiamenti egoici tossici inizieranno a sciogliersi come neve al sole e comportamenti inconsci come il bisogno di paragonarsi con l’esterno saranno spazzati via.

In altre parole entrare in uno stato di fede significa uscire da uno stato di allarme rosso in cui si è vittima dell’Ego, che ha bisogno di tenere tutto sotto controllo, per entrare in uno stato di beatitudine e fiducia in cui siamo cullati dalle alte energie divine. E divenire, come descritto dal  Taoismo e da Lao Tzu, delle foglie che si fanno trasportare dal vento della Creazione. 

Quando rendete il vostro mondo interiore un mondo calmo e ricco di quiete è proprio a quel punto che la magia inizierà ad attivarsi. E’ la Legge dell’Amore a comandare e a guidare l’Universo. Non è la ragione a farlo! Quando siete connessi su quelle alte frequenze, diverrete un magnete in grado di trasformare la vita su quelle medesime vibrazioni positive.

Capisci ora?

E’ la qualità del tuo mondo interiore a costruire la qualità del tuo mondo esteriore. E come sottolinea Abraham nella citazione in alto Devi stare bene adesso, indipendentemente dalle condizioni esterne”. E’ il presente a costruire il futuro perché è solo ora che puoi seminare i semi per poi farli germogliare e crescere in futuro. Sii Amore, ma non forzatamente, non con un secondo fine, perché quello è Amore Condizionato e sporco. Esprimi tutta la tua purezza emotiva e vedrai che oltre a goderti il presente costruirai un futuro meraviglioso.

 

Come dentro, come fuori!

 

 

SECONDO METODO: smetti di essere attaccato al tuo desiderio

 

Probabilmente queste parole stanno iniziando a risuonare dentro il tuo cuore, anche seppur con qualche nota amara, la tua visione si sta lentamente ampliando verso un nuovo processo che io chiamo Legge di Attrazione 2.0.

Quando decidiamo di potenziare il polo magnetico e iniziamo ad affrontare il proprio Ego, facciamo accesso ad un nuovo paradigma: quello dell’Anima.

In questo paradigma ci rendiamo conto che c’è molto di più su cui lavorare, su cui scavare. Non c’è solo da tenere d’occhio i propri pensieri e le emozioni ma tutta la nostra interiorità a 360°. Più lavoriamo nella propria purificazione interiore, più le nostre vibrazioni si purificano e si innalzano, sia interiormente che esteriormente.

Un altro errore deleterio in grado di bloccare questo processo di potenziamento vibrazionale è l’attaccamento al desiderio. 

Il problema alla base è che molte persone ripongono tutto su quel dato desiderio. E’ come se inconsciamente facessero una scommessa con gli eventi della vita ed affermassero “O raggiungo la vetta e quindi vivrò felice; o fallisco, e vivrò nelle basse radure dell’insoddisfazione e della tristezza”. Con un minimo di sesto senso potete percepire la pesantezza emotiva e vibrazionale che emana una simile dichiarazione. Si ammette inconsciamente che non si è felici ora e che si raggiungerà un certa soglia di benessere emotiva solo quando, in un futuro indefinito, si arriverà al traguardo e il desiderio si materializzerà.

Questa convinzione purtroppo è colonna portate della psicologia motivazionale, del dare tutto, del combattere con tutte le proprie forze per scalare la montagna e raggiungere la vetta perché solo con il sudore e il duro lavoro si può realizzare i propri sogni nel cassetto.

Ma la vita non è questo!

Questo è un film illusorio costruito dall’Ego che vi fa immedesimare di vivere in un campo di battaglia, in una giungla in cui dovete essere il più forte per sopravvivere. Queste sono convinzioni su cui dovete lavorare e che sono presenti nel vostro sistema di credenze, e che saranno alla base del vostro polo magnetico.

Vivere con simili convinzioni debilitanti significa influenzare il proprio polo magnetico e rivivere nell’esterno queste convinzioni interiori. Perciò sperimenterete una vita dura in cui tutto vi sarà dato con il sudore e “la lotta”.

Non è un caso infatti che molte persone decidono di approfondire la Legge di Attrazione perché mosse dalla convinzione inconscia che il benessere emotivo sia prodotto in gran parte dal benessere materiale. Ma è un errore di analisi perché è l’abbondanza emotiva a costruire l’abbondanza esteriore e materiale

 

L’esteriore è sempre una conseguenza, mai la causa!

 

Come ho scritto in altri articoli, se non ci sono fondamenta stabili è inutile ricercare metodi, tecniche segrete o particolari affermazioni da ripetere per ottenere quel partner ideale o quella macchina ideale. Nella maggior parte dei casi si parte sempre da un presupposto sbagliato: che la felicità o quel particolare benessere emotivo potrà essere raggiunto solo quando si riuscirà a materializzerete quel dato desiderio.

Finché non ti staccherai da una simile convinzione, vivrai un attaccamento più o meno forte su quel dato desiderio emanando vibrazioni pesanti di mancanza e bisogno, mettendo in moto un processo attrattivo pesante e caotico.

La vita è molto di più rispetto a quanto descritto da questi pseudo maestri, psicologi, che rappresentano la vita come qualcosa di duro e dannatamente pesante. Vi esorto piuttosto ad assimilare i profondi concetti delle filosofie zen, che stimoleranno la vostra crescita verso una comprensione più profonda della vostra interiorità e della realtà circostante. 

Quando avete fiducia nell’Universo, vi sentite protetti , calmi  e gioiosi nel presente, avete trovato il tesoro più prezioso che un essere umano possa trovare. A quel punto, quando vivrete in quello stato di coscienza, attraverso la Legge di attrazione tutto vi sarà dato oltre ogni misura. Non è rimanendo nello stato di “allarme rosso” dell’Ego che sarete in grado di vivere pienamente la vostra vita. 

 

Quando la mente è pura la gioia arriva come un’ombra che non ci lascia più.”.

Gautama Buddha

 

Voglio fare un ulteriore precisione per approfondire ancora di più l’attaccamento ad un dato desiderio: nella maggior parte dei casi l’attaccamento si viene a creare quando il desiderio è prodotto dalla coscienza dell’Ego e non dall’Anima.

Ciò che voglio dire è che un desiderio dell’anima ha prevalentemente l’obiettivo di accrescere la propria qualità interiore ed essere utile al miglioramento della propria società o nella risoluzione di problemi che attanagliano il pianeta. L’Anima non vive nel paradigma dell’ “Io” ma bensì in un paradigma superiore che è quello del “Noi”. Essa si sente parte di qualcosa più grande che in gergo spirituale si chiama Unità con il Tutto e quindi, con ogni cosa della Creazione. L’Anima non ricercherà l’attuazione di desideri materiali per completare ancora di più il suo benessere emotivo perché sa nel profondo che è la ricerca del proprio Dio Interiore a connetterla alla vera estasi della vita.

Come abbiamo appena visto l’Ego invece è tutto l’opposto: vive nel paradigma dell’ “Io” ed è schiavo della sua immagine. Fa di tutto per accrescerla, così da rendere ancor più spessa la sua corazza, o maschera, con la convinzione che tutto ciò lo allontanerà dal dolore emotivo. (Cosa che in realtà non avviene, ma peggiora ancora di più la situazione interiore).

Ora segui attentamente queste parole: nell’Ego l’attaccamento si crea sia prima che dopo la realizzazione del desiderio!! Quando il desiderio dell’Ego si realizza, si forma qualcosa di apparentemente innocuo ma di estrema dannosità: l’attaccamento all’oggetto, evento o persona materializzata. Un meccanismo illusorio innescato ancora una volta dalla paura.  

 

Se hai desiderato con ardente vigore un meraviglioso fidanzamento perché mosso dal forte bisogno di non voler vivere da solo, quando realizzerai e materializzerai quel dato desiderio, la paura, che è sempre presente nella tua tazza e nella tua interiorità, ribalterà la situazione, e comincerai a percepire la situazione da un’altra prospettiva: iniziando a temere “l’abbandono” da parte del tuo partner e la possibilità di ritornare a vivere da solo.

 

E’ logico quindi che un simile ribaltamento porti quella data persona ad attaccarsi ancor di più al desiderio e quindi al suo partner, non riuscendo ad essere mai se stessa nella relazione perché bloccata dalla paura e dalla possibilità di poter rimanere di nuovo sola. Inoltre più sarà forte l’attaccamento a tale desiderio, più sarà forte la sofferenza che ne deriverà dalla sua perdita.

 

Ovviamente è un esempio, non tutti vivono questi “schemi esistenziali”. E’ un argomento che ho approfondito in diversi articoli perciò ti ripeto, se vuoi ampliare le conoscenze sulle ferite dell’Anima, emotive o karmiche che attivano queste paure e desideri ti consiglio la lettura dell’articolo  “Le 5 ferite dell’Anima o karmiche dell’uomo”

 

Potete quindi ben intuire che in uno stato così caotico e confusionario la Legge di Attrazione diviene la materializzazione delle vostre ferite emotive, delle paure e dei vostri schemi deleteri del vostro Ego. Per questo quasi nessuno si ritrova a vivere felicemente la propria vita come paventato da finti guru o pseudo maestri. Molte persone non riescono ad attrare perché sono influenzate dal loro pantano interiore che è anche comunemente chiamato “sbornia karmica”, ovvero uno stato di coscienza in cui si è “ubriachi” del proprio Ego e del proprio dolore emotivo.

Se vuoi approfondire le trappole dell’Ego e purificare ancor di più il tuo polo magnetico, ti consiglio la lettura del mio libro gratuito sulla Legge di Attrazione 2.0: “Legge di Attrazione 2.0: il potere della mente al servizio dell’anima”. Mentre se vuoi approfondire la Legge di Attrazione collegata al Karma leggi “Karma e Legge di Attrazione: come cooperano queste due leggi universali” . Se vuoi avviare un percorso di purificazione interiore dal tuo dolore emotivo ti consiglio la lettura dell’articolo “Cosa fare quando si sta male emotivamente” 

 

Stammi bene, Riccardo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.