Legge di Attrazione 2.0: il potere della mente al servizio dell'anima


12 min letti
22 Jul
22Jul

Negli ultimi anni, la Legge di Attrazione ha conquistato un posto d'interesse all'interno del dibattito mondiale; divenendo uno degli argomenti più "popolari" nel mondo della crescita interiore. Attraverso internet e le numerose opere cartacee, milioni di persone sono riuscite a prendere coscienza delle proprie potenzialità interiori e di quanto la realtà sia molto più complessa rispetto a quanto percepito dai propri sensi fisici. 

Se siete assidui lettori del ilben-essere.it , sapete benissimo quanto il nostro Team abbia più volte descritto e approfondito i meccanismi complessi della Legge di Attrazione. Attraverso progetti più strutturati, come per esempio la guida gratuita che abbiamo rilasciato qualche mese fa: La Legge di Attrazione: la guida definitiva o articoli più specifici come "Due metodi infallibili per potenziare la Legge di Attrazione" e "La Legge di Attrazione spiegata scientificamente". Il nostro Team quindi non è il primo a parlarne ma neanche l'ultimo. Ed evidenziamo i nostri precedenti lavori perché in questa piccola guida non parleremo della Legge di Attrazione, ma bensì della Legge di Attrazione 2.0. Un processo attrazionale differente, più "evoluto", che si muove su paradigmi diversi ma complementari alla tanto conosciuta Legge di Attrazione.  

Per molti è considerato lo "stadio del risveglio". La "tappa finale". Dove le barriere e i modelli mentali fanno spazio alla natura Divina che è presente dentro ogni essere umano.


PREFAZIONE: UN SALTO EVOLUTIVO PER UNA MAGGIORE PERCEZIONE DELLA REALTA'


Ciò che vogliamo offrire ai nostri lettori con questa guida è letteralmente un salto evolutivo; una presa di consapevolezza necessaria per comprendere la Legge di Attrazione attraverso una nuova prospettiva: quella dell'anima. Ripetiamo, dell'anima. L'essenza più divina, ancestrale e pura  che dimora "dentro" ogni essere umano.   

La Legge di Attrazione è un processo universale descritto, diffuso e mostrato da numerose antiche culture già da alcuni millenni. Non è stato di certo "The Secret" a parlarne per la prima volta! 

Buddha per esempio affermava che "Poiché tutto è riflesso della nostra mente, tutto può essere cambiato dalla nostra mente". 


Saggie parole che tuttavia devono essere inserite nella giusta prospettiva. Perché per quanto possa essere un'affermazione rivoluzionaria, la mente umana è nella maggior parte dei casi un'arma a doppio taglio. Il Maestro Buddha per esempio, non ha mai parlato di "creare la propria realtà in base alle proprie intenzioni". Sapeva benissimo che le intenzioni degli esseri umani erano e sono tutt'oggi inquinate dal proprio Ego, dal proprio egoismo. Dai propri interessi personali e da quella mania ossessiva di tenere tutto sotto controllo.

Piuttosto affermava che " Siamo formati dai pensieri; noi diventiamo quello che pensiamo, quando la mente è pura, la gioia segue come un'ombra che non ci lascia mai ".  

Buddha faceva riferimento a una "mente pura" per poter vivere a pieno la propria realtà, e alludeva a una vita di sofferenza se la mente fosse stata inquinata dalla paura e dalla visione limitata della realtà dell'ego. Perchè appunto : "tutto è riflesso della nostra mente"


La Legge di Attrazione 2.0 è imparare a fare proprio questo; a prendere consapevolezza dei limiti dell'Ego e aprirsi alle frequenze pure dell'anima e del proprio Dio Interiore.

Si tratta di un percorso di consapevolezza arduo, complesso e pieno di insidie. Ma necessario e indispensabile per coloro che ricercano "le chiavi" per co-creare una vita piena di Amore e Gioia Interiore. 

Questo percorso sarà letteralmente una "scalata" che vi condurrà verso comprensioni più "alte". Perché è solo dalla vetta che si può osservare il panorama più bello.

Vi porteremo dentro questo percorso evolutivo che senza dubbio avvierà un importante balzo quantico dentro la vostra interiorità, e permetterà ai lettori di raggiungere la vetta tanto ambita della Legge di Attrazione 2.0.

L'Ego d'altronde è l'ultimo scalino da abbattere per poter vivere nella pace totale e iniziare a sfruttare al massimo la Legge di Attrazione. Quando l'Ego si frantuma, l'Anima viene a galla. E quando l'Anima viene a galla, l'Amore fiorisce. E se l'Amore fiorisce, iniziate ad attrarre eventi e persone su quella medesima frequenza. E' in quello stato di coscienza che il proprio potere Divino risale in superficie e la Legge di Attrazione si apre alle infinite possibilità dell'Universo.


Perciò se sei pronto a scalare la montagna insieme a noi, non perdiamo altro tempo e incamminiamoci. 


Il Team IlBen-Essere



CAP. 1 -UN RIASSUNTO SULLA LEGGE DI ATTRAZIONE


“Nessun altro ti costringe a vivere in un inferno: sei tu a sceglierlo. La mente vede il negativo e lo diventa, perpetuando così la miseria: più negatività hai nella mente, più negativo diventi e più negatività accumuli. Il simile attrae sempre il simile e questo va avanti da vite intere! Manchi l’estasi della vita a causa di questo approccio negativo”. 

Osho


La Legge di Attrazione è una tra le Leggi Universali che coordinano i processi dell'Universo. Essa rappresenta il meccanismo secondo cui l'uomo crea le propria realtà esteriore in base alle vibrazione che emana la sua realtà interiore. Il simile attrae il simile, e quello su cui viene posto maggiore attenzione sarà attratto in misura maggiore nella propria vita. I pensieri, le emozioni e le proprie credenze, sono alcuni dei tanti fattori che vanno a costruire il proprio "polo magnetico", il proprio "magnete". In altre parole quindi, la Legge di Attrazione afferma che chiunque riuscirà ad emanare vibrazioni positive, automaticamente attirerà a sé eventi o persone su quella medesima vibrazione. Mentre al contrario, chi concentrerà le proprie vibrazioni sulla mancanza e su tutto ciò che c'è di negativo nella sua realtà,  innescherà un "effetto specchio" che ridarà indietro altrettanta negatività.

Questa Legge Universale è un meccanismo ben conosciuto anche negli ambienti scientifici. Perché la Legge di Attrazione è anche comunemente chiamata Legge di Risonanza, e sicuramente alcuni di voi avranno già sentito nominare questo particolare fenomeno scientifico.

In breve, la Legge di Risonanza ci dice semplicemente che due cose simili ( ovvero con solita frequenza) si attirano e si amplificano. Mentre due frequenze differenti, si respingono.

Un esempio pratico può essere fatto con il diapason, il quale vibra ad un determinato suono solo ed esclusivamente se questo suono corrisponde alla frequenza su cui è settato il diapason. Quindi, se noi per esempio avessimo un diapason da 500hz, egli inizierà a vibrare solo ed esclusivamente quando inizierà a percepire una qualsiasi frequenza da 500hz.

Questo meccanismo di risonanza avviene anche con la radio ricevente, predisposta per le onde medie proprio sulla base della sua risonanza. Perciò onde corte e onde lunghe non verranno percepite perché non fanno parte del suo "mondo frequenziale".

E' bene precisare tuttavia che la scienza tradizionale, fino a qualche decennio fa, ha sempre sottovalutato la legge di risonanza perché convinta che questa legge fisica non potesse avere effetto sugli esseri viventi. La mancanza di tecnologie impedì agli scienziati di teorizzare e dimostrare quanto tutta la Creazione fosse alla base semplice vibrazione, e che quindi qualunque cosa potesse possedere una sua propria risonanza.

Solo nei primi anni del 1900, con l'avvento della Fisica Quantistica, e di incredibili scienziati come Planck ed Einstein, si iniziò ad avere i primi dubbi e a meditare su questo concetto rivoluzionario.

Il primo a mettere in discussione questi concetti fu il già citato Max Planck, il quale fu alla prova dei fatti il padre fondatore della Fisica Quantistica, e grazie alla sua teoria sui quanti, riuscì ad aggiudicarsi il premio Nobel della scienza nel 1918.

Ma ciò che incuriosiva di Planck, e della sua personalità, era il fatto di essere stato anche uno scienziato attento e propenso alle questioni filosofiche. Egli era convinto che il mondo spirituale e la scienza riuscissero a completarsi a vicenda. Tant'è che nel 1944 a Firenze dichiarò: " Avendo consacrato tutta la mia vita, alla Scienza più razionale possibile, ovvero lo studio della materia, posso dirvi almeno questo a proposito delle mie ricerche sull'atomo: la materia come tale non esiste! Tutta la materia non esiste, che in virtù di una forza, che fa vibrare le particelle, e mantiene questo minuscolo sistema solare dell'atomo... Possiamo supporre al di sotto di questa forza, l'esistenza di uno Spirito Intelligente e Cosciente. Questo Spirito, è la ragione di ogni materia".

Questa affermazione ci dice tanto, e come abbiamo visto nell'articolo La Materia NON esiste: Tutto è vibrazione ed Energia, la materia come tale non esiste, ciò che percepiamo come reale è solo un illusione dei nostri sensi fisici. Nel suo strato più subatomico gli atomi presentano una composizione per il 99,99999% composta da spazio vuoto


Ovviamente qualcosa è presente dentro quello spazio vuoto, ed è energia. L'atomo, che è alla base di ogni cosa del nostro mondo fisico, è formato per il 99% da energia.


Ciò significa che il dispositivo su cui stai leggendo questo articolo, la sedia su cui sei seduto, il tuo corpo, la stella più grande dell'Universo, sono composti tutti per il 99,99999% da energia che vibra ad una determinata frequenza e rende percettibili ai tuoi sensi fisici l'intera Creazione.

Le vibrazioni che produci attraverso i tuoi pensieri, le tue emozioni e le tue credenze creano la tua "vibrazione finale", quel "magnete attrattivo" con cui, attraverso la Legge di Attrazione o anche chiamata Legge di Risonanza appunto, attrarrai verso di te eventi che rispecchieranno la frequenza emanata.
Einstein sosteneva che “Tutto è energia e questo è tutto quello che esiste. Sintonizzati alla frequenza della realtà che vuoi e non potrai fare a meno di ottenere quella realtà”.


CAP.2- I LIMITI DELLA LEGGE DI ATTRAZIONE E L'EGO UMANO


Vi domanderete " Come è possibile che una Legge Universale abbia dei limiti? Come può avere dei difetti un meccanismo che restituisce semplicemente indietro la stessa frequenza emanata?"


Nessuno. E' la mente umana a creare dei limiti e a rendere la Legge di Attrazione una "Legge Universale limitata".


La mente umana, nella maggior parte dei casi, è come una tazza che strabocca di liquido. Questo liquido in eccesso, è formato dalle credenze, dalle paure e dalle varie convinzioni. Esse strutturano la mente e creano le fondamenta su cui poggiano le percezioni soggettive di ogni essere umano.

Tutte le tazze fin dall'infanzia sono state riempite goccia dopo goccia attraverso le infinite programmazioni che le istituzioni hanno subdolamente attuato. Tutti sono stati abituati a convivere con il proprio liquido, a percepirlo come una parte di sé. Ma la vera natura della tazza è la tazza stessa. Il liquido è semplicemente un agente esterno che niente ha a che vedere con ciò che siamo realmente. 

Spesso l'essere umano si confonde e si distacca da ciò che è realmente. Fa fatica a razionalizzare e a prendere coscienza della sua vera natura. Di quanto la tazza, ovvero la sua Anima, la sua parte Divina, sia la ragione della sua esistenza. Ed il liquido,  l'Ego, l'unica vera ragione della sua sofferenza e della sua irrequietezza esistenziale, perché schiavo della paura e della sua costante ricerca di potere e sicurezza.


Ma perché stiamo parlando di questo?


Perché la maggior parte delle persone si approccia alla complessità della Legge di Attrazione con una mente piena, piena di liquido, con cui, inconsapevolmente, tende a perseguire e soddisfare i bisogni del proprio Ego. 

Una tazza piena, porta a vivere nella coscienza dell'Ego. Ad abitare nel paradigma della paura e a vivere perennemente in uno stato di allarme rosso. Più la tazza è piena, più la mente si stratifica. E quando la mente è imprigionata nei propri limiti, soffre.  Inquinando oltretutto il proprio "magnete vibrazionale".


Ricordati: più la tazza è libera dal liquido, e meno il "magnete" sarà inquinato. E quando la tua vibrazione è pura, la realtà diventerà altrettanto pura. Il simile attrae il simile, sempre!


E ciò che diceva il Buddha....ma con parole diverse. 


Ma c'è dell'altro da dire sull'Ego. Esso fa di tutto per sopravvivere. Per mantenere il proprio liquido nella tazza. E' la sua natura. Ed è per questo che ricerca assiduamente potere e sicurezza. Ha una paura fottuta di "morire" e di lasciare la tazza LIBERA. 


E quale cosa migliore per l'Ego, se non una Legge Universale che promette proprio il raggiungimento di potere, piacere e sicurezza e quindi di una sua maggiore sopravvivenza?


La nuda e cruda verità è che la Legge di Attrazione da una parte, ha dato una grande presa di coscienza alle persone, ma dall'altra, ha stratificato ancor di più la mente e l'Ego di tutti coloro che sono diventati appassionati di questo argomento. Ed è anche uno dei motivi principali per cui ha spopolato anche in ambienti non spirituali o poco avvezzi a questi argomenti. Perché per quanto affascinante, i concetti descritti da The Secret e da molte altre opere, incoraggiano e incitano incredibilmente l'Ego umano a perseguire con ancora più ossessione la strada della ricerca del potere e la necessità di avere ancora e ancora di più.


Ci rendiamo conto di quanto potrebbe sembrare un concetto tortuoso e difficile da digerire, ma lasciate fluire le parole, e i pezzi del puzzle si incastreranno alla perfezione donandovi chiarezza e una presa di coscienza più forte.


La Legge di Attrazione per come è stata presentata in alcune opere, è considerata l'arma segreta con cui manipolare a proprio piacimento la realtà circostante. Ed è vero! Ma è un concetto pericoloso, un'arma a doppio taglio, che se consegnata nelle mani sbagliate può danneggiare sia l'individuo, l'umanità e la natura del pianeta Terra.

La maggior parte delle persone si interessano alla Legge di Attrazione perché vogliono avere di più! Vogliono accumulare, ottenere traguardi che ritengono necessari per il raggiungimento della propria realizzazione personale. Ma la grande maggioranza di questi desideri sono mossi dal loro Ego, dalla loro mania di grandezza, dalla loro ossessione nello scalare qualche gradino nella "piramide sociale". Sono tutte creazioni e obiettivi che non sono mossi dalle pure vibrazioni della loro Anima. 


Che appunto non segue questi paradigmi!


Sono piuttosto desideri dell'Ego, che vanno ad aggiungere altrettanto liquido a una tazza già colma di sofferenza, e che se realizzati, non risolveranno il problema di fondo. Potranno dare qualche apparente soddisfazione momentanea, ma nel giro di qualche settimana, mese o anno, tutto ritornerà al punto iniziale e la sofferenza  ricomincerà a risuonare nel proprio cuore. E poiché l'Ego non sarà più appagato da quel desiderio realizzato, inizierà a desiderare qualcosa di più "grande", attivando un circolo vizioso in cui la persona sarà schiava di questo meccanismo "desiderio mancante/desiderio raggiunto"


In sintesi quindi, il primo step da comprendere è che la Coscienza dell'Ego è il principale ostacolo che blocca la Legge di Attrazione e allontana le persone da una vita pienamente realizzata nell'Amore e nella Gioia.

Alla base, sono le fondamenta ad essere poco stabili, non è la Legge di Attrazione ad essere complessa. Ma è la mente umana ad essere bloccata in determinati limiti e a limitare il suo stesso potenziale.

Molte persone sfruttano questa Legge Universale per i loro desideri fittizi e per i loro piani egoistici. Un esempio plateale in grado di rappresentare al meglio i danni che può creare una menta egoica, può essere fatto osservando la distribuzione delle ricchezze nel mondo: l'1% della popolazione tiene in mano il 98% della ricchezza mondiale.

E' palese che questo 1% sia a conoscenza delle potenzialità della mente umana. Ed è altrettanto palese quanto siano tutte "persone" che hanno attratto attraverso il paradigma del loro Ego. L'Anima di certo non vuole tenere tutto per sé, anzi, lei rappresenta esattamente lo schema opposto. Essa è la pura essenza della condivisione e dell'uguaglianza.

Questo è un esempio lampante che va a confermare quanto l'Ego, quando diventa schiavo di questi cicli, tende a smarrire il proprio cuore e diviene la peggior bestia sul pianeta Terra.


Capite che danni può fare la Legge di Attrazione se utilizzata male o inconsapevolmente?


Certo ci mancherebbe, abbiamo preso l'esempio più estremo, ma è bene chiarire tuttavia che l'Universo non guarda in faccia nessuno, Ti rida indietro ciò che emani. Puoi anche essere il diavolo in persona ma se il tuo polo magnetico è centrato sulle vibrazioni di ricchezza, l'Universo ti ridarà indietro altrettante vibrazioni su quella data frequenza.


Poi a riassestare gli equilibri ci penserà il Karma, ma questo sarà l'argomento centrale del terzo capitolo. Ora andiamo ad approfondire i desideri dell'Ego.


IMPARARE A COMPRENDERE QUALI SONO I DESIDERI DELL'EGO PER APRIRTI ALLA TUA ANIMA


La maggior parte dei desideri presenti dentro la mente umana, derivano da un processo complesso che affonda le proprie radici nell'infanzia.

La prima infanzia (0- 7 anni) è il periodo dell'imprinting in cui subiamo l'influsso dominante dei mass-media. Apprendiamo i modelli educativi della famiglia e del contesto sociale in cui viviamo. La seconda infanzia (7-14 anni) rappresenta il periodo scolastico dove si forma l'identità (Ego) e si acquisisce l'autostima.

In questa fase esistenziale quindi, diveniamo letteralmente delle spugne in grado di assorbire qualsiasi informazione si presenti lungo il nostro cammino. E' proprio in questo lasso di tempo che tutte le tazze, chi più chi meno, si riempiono di liquido e iniziano a perdere la loro vera essenza.

Nei primi 15 anni di vita tutti inconsciamente assorbono modelli e schemi educativi che sono alla base della propria personalità e del proprio sistema di credenze. Sono le fondamenta su cui poggeranno i valori etici e morali di una persona, i suoi obiettivi della vita e tutto ciò che riterrà giusto o sbagliato fare o pensare.

Rifletti un attimo: colui che è considerato "normale" all'interno della nostra società è semplicemente colui che rispecchia i canoni di normalità imposti dalla società. Ma i canoni della società non rispecchiano la verità assoluta.


Finchè rispetti il prossimo, l'ambiente e la tua salute, sei libero di fare e di essere chiunque desideri essere!


Inconsapevolmente le persone si adattano alle logiche della società, a quelle logiche ritenute le uniche strade percorribili in cui crescere, maturare e invecchiare.  Motivo per cui, come meccanismo di difesa, l'Ego preferirà conformarsi e assecondare queste logiche di vita.

L'Ego pur di non soffrire, preferirà adattarsi, zittire la voce interiore dell'anima, e replicare quello stile di vita imposto inconsciamente dalle istituzioni attraverso l'imprinting. Preferirà ricercare il raggiungimento di alcuni modelli societari che l'Ego ritiene utile per la sopravvivenza e per il raggiungimento di alcune posizioni sociali che possano consegnarli potere e sicurezza.

Un esempio comune può essere fatto con il "posto fisso". Alcuni preferiscono adagiarsi, "andare sul sicuro", preferiscono non rischiare e non ascoltare quella "vocina interiore" che molto spesso consiglia di invertire la direzione delle proprie vele. Che esorta a perseguire nuovi orizzonti in cui l'evoluzione della propria anima sia posta al centro del viaggio e della propria avventura chiamata vita. Magari ti sollecita a partire e a lasciare tutto verso qualche luogo sperduto. O magari semplicemente ti esorta a cambiare obiettivi e puntare verso nuovi contesti lavorativi.



IL DESIDERIO DELL'EGO HA MECCANISMI SUBDOLI CHE LOGORANO L'ANIMO UMANO


Ti è mai capitato di desiderare qualcosa , di riuscire ad ottenerlo, e solo successivamente renderti conto che ciò che avevi desiderato per così tanto tempo non aveva soddisfatto le aspettative che avevi costruito su di esso?


Tutti almeno una volta hanno sperimentato questa sensazione nella vita poiché tutti vivono in questa illusione dell'Ego!


E' una tra le principali trappole che si cela dietro a un desiderio dell'Ego, e anche uno tra i principali motivi per cui  le persone affrontano profonde crisi emotive/depressive. Si "lotta" per anni, a volte per una vita intera, per raggiungere qualcosa che non riesce a soddisfare i risultati sperati. Di esempi ce ne sono a centinaia, se non a migliaia. Quante famiglie si sono sfaldate per questo motivo! Magari si desidera una famiglia felice e numerosa, ma con il tempo, quando "la magia" comincia a dissolversi, in molti realizzano che ciò di cui avevano realmente bisogno era ben altro. O magari uno studente universitario, che dopo anni di studi realizza quanto  il percorso intrapreso non sia riuscito a portare i benefici sperati, e si ritrova in una crisi depressiva alla porta dei 30anni, vuoto, perso e senza un strada ben definita.


Sono milioni le persone che hanno vissuto e vivono tutt'ora momenti del genere. E di esempi, ripetiamo, ce ne sono migliaia.


Queste persone sono tutte vittime dell'Ego e delle programmazioni della società. Se avessero ascoltato il proprio intuito, il linguaggio con cui comunica l'anima, e rifiutato di conformarsi e adeguarsi a ciò che era "socialmente accettabile", il nodo non si sarebbe mai creato e non sarebbe mai arrivato al pettine.

In sintesi, il punto centrale su cui vogliamo soffermarci, è che molte persone formulano molti desideri in base al loro desiderio inconscio di conformarsi ed essere accettati dai propri coetanei e familiari.

Ma come abbiamo già visto è un cane che si morde la coda. Magari se avessero seguito il proprio intuito, avrebbero intrapreso binari diversi, più "strani,  se osservati attraverso il sistema di credenze della società, ma utili e necessari per l'evoluzione delle loro anima.

Ma c'è dell'altro, il desiderio dell'Ego è mosso inconsciamente dalla paura. E questo è descritto ed enunciato da un numero incalcolabile di psicologi. 

Il motivo per cui le persone assecondano l'Ego, è perché cercano inconsciamente di rimanere il più lontano possibile da alcune ferite presenti dentro la loro interiorità.

Lo abbiamo già spiegato nella guida sulla Legge di Attrazione 1.0 ( La Legge di Attrazione: la guida definitiva), secondo le scoperte della psicologa francese Lise Borbeau, ogni persona nasce con alcune ferite emotive.  Risolverle per riuscire ad essere felici fa parte del progetto della vita di molte persone, o meglio, di molte anime.

Lise Borbeau giunge alla conclusione che tutti siamo vittime di queste ferite, ed ognuno di noi crea una propria maschera comportamentale e strutturale per nascondere questi traumi.

E 'importante sottolineare un concetto base per comprendere questa teoria secondo cui l’anima sceglie di incarnarsi in un determinato corpo e con una certa famiglia, giacché sono proprio i genitori del bambino ad attivare queste ferite nei suoi primi anni di vita. Dunque l’anima scende già sapendo su quali ferite lavorare per poter crescere ed evolvere. (Nessuna discriminazione e ingiustizia da parte dell'Universo/Dio, anche in questo caso i meccanismi universali offrono un percorso che tu stesso attrai attraverso le vibrazioni emanate dalle tue ferite e che devi necessariamente guarire)

Seguendo questo filo logico, la dottoressa ha studiato e suddiviso queste ferite in cinque macro gruppi:


-La ferita del rifiuto

-La ferita dell'abbandono

-La ferita dell'umiliazione

-La ferita del tradimento

-La ferita dell'ingiustizia


Quando subiamo queste ferite, il nostro intero essere si sente tradito e iniziamo a permettere al nostro ego, con le sue credenze e le sue paure, di prendere le redini della nostra vita.

Secondo l'autrice la conseguenze di queste ferite comporteranno la creazione di una maschera che servirà per nascondere a noi stessi e agli altri, ciò che ancora non siamo riusciti a risolvere.

Come ci spiega Lise Borbeau "La ferita interiore può essere paragonata a una ferita fisica che hai da tempo su una mano, una ferita che continui ad ignorare, che hai trascurato di medicare. Hai preferito metterci sopra un cerotto per non vederla. Questo cerotto equivale a una maschera. Così facendo, hai pensato che potevi far finta di non essere ferito. Ma credi davvero che fosse la soluzione giusta? Certamente no! Tutti lo sappiamo benissimo, l'ego però non lo sa. E' uno dei suoi modi per giocarci un brutto tiro."

Le ferite presenti dentro di noi possono variare, alcuni potrebbero avere tutte e cinque le ferite, mentre altri potrebbero averne solo una, tuttavia, almeno una è presente in ogni persona.

Le maschere che creiamo per proteggerci sono presenti nella nostra morfologia e nel nostro aspetto corporeo, perciò saranno ben visibili anche semplicemente osservando il corpo di una persona.

Inoltre, sostiene l'autrice, nel corso della propria vita si presenteranno circostanze in cui queste ferite verranno risvegliate. Persone, relazioni, avvenimenti e circostanze particolari, tenderanno ad attivare dentro di te queste ferite, in maniera tale da aiutarti a prendere coscienza delle tue ferite.

Per esempio se una persona ha una ferita del rifiuto, probabilmente vivrà ciclicamente relazioni in cui verrà rifiutato dal proprio partner. Tuttavia, non è necessariamente sempre così, molto spesso può succedere che la persona trovi una partner con un'analoga ferita, in maniera tale da poter aver avere la possibilità di poter capire la propria ferita. 


Non notate come questo funzionamento sia uguale al principio di risonanza della legge di attrazione? Il simile attrae sempre il simile!

 

Tuttavia per maggiori approfondimenti consigliamo l'acquisto del suo libro "Le 5 ferite dell'anima" o la lettura del quarto passo della nostra guida sulla Legge di Attrazione 1.0.


L'importante quindi, è assimilare e interiorizzare il concetto secondo cui è la paura ad avviare in gran parte dei casi un dato desiderio dell'Ego. Magari desideri trovare una compagna o un compagno perché hai paura di vivere da solo (ferita dell'abbandono), o magari desideri raggiungere un grande stato economico perché il tuo sistema di credenze si basa sulla convinzione che i soldi sono il mezzo per accettare te stesso ed essere accettato più facilmente da tutti i tuoi coetanei. (ferita del rifiuto)


Ma è una visione soggettiva della realtà che è controproducente all'evoluzione della propria anima. Così si mantiene vivo il ciclo karmico in cui si è impantanati!


Inoltre quando il desiderio dell'Ego si realizza, si forma qualcosa di apparentemente innocuo ma di estrema dannosità: l'attaccamento. Un meccanismo illusorio innescato ancora una volta dalla paura.  

Se hai desiderato con ardente vigore un meraviglioso fidanzamento perché mosso inconsciamente dalla tua ferita dell'abbandono, quando realizzerai e materializzerai quel dato desiderio, la paura, che è sempre presente nella tua tazza e nella tua interiorità, ribalterà la situazione, e comincerai a percepirla semplicemente da un'altra prospettiva, iniziando a temere "l'abbandono" da parte del tuo partner. 


Ovviamente è un esempio, non tutti vivono questi "schemi esistenziali", ma siamo sicuri che in molti si immedesimeranno in questo esempio.


Inoltre più è forte l’attaccamento a tale desiderio e più sarà forte la sofferenza che ne deriverà dalla sua perdita.


Potete quindi ben intuire che non si può intraprendere il percorso della Legge dell'Attrazione 2.0  finché non si comprende i meccanismi dell'Ego. Perché finireste per utilizzare la Legge di Attrazione per fare il suo gioco ed essere vittime delle sue logiche. 


Quindi in sintesi, qual è il segreto per capire quali desideri sono mossi dall'Ego e quali dall'Anima?


Il desiderio dell'Ego si esprime attraverso la mancanza e il bisogno. Muove le proprie fondamenta attraverso la convinzione secondo la quale la felicità e la beatitudine interiore, possano concretizzarsi solo quando viene raggiunto un determinato scopo od obiettivo.

In altre parole, la realizzazione interiore dell'Ego richiede "qualcosa in più", qualcosa che ritiene mancante e che crede possa trovare nella realizzazione di questi obiettivi. Ma come abbiamo già analizzato è un cane che si morde la coda.

Nel paradigma dell'Ego, si vive nella convinzione che quel dato desiderio realizzato sia la chiave per ottenere quel pezzo mancante e colmare quel senso di vuoto che attanaglia la persona. 

Ma è un FALSO MITO!

Molte persone sono convinte che le persone possono assaporare la felicità e la beatitudine solo realizzandosi e raggiungendo i loro obiettivi. FALSO! E' una delle tante false verità che sono state inserite nel nostro imprinting e che vengono percepite come verità assolute. 

Aldilà di cosa si fa, e di quali obiettivi si raggiungo, le persone possono iniziarsi a sentirsi appagate solo quando il liquido raggiunge una certa soglia minima nella tazza!  

Finchè saranno le tue convinzioni limitanti, le tue ferite emotive a tenere le redini della tua interiorità, non potrai mai sentirti appagato o realizzato! Anche se raggiungerai tutti gli obiettivi del tuo Ego.

Molti inconsciamente ricercano per tutta la vita qualcosa che possa "riempire" quel "vuoto", si vive con la convinzione che raggiunto quel dato obiettivo sia presente una sorta di pacco regalo con dentro la felicità e la pace dei sensi, ma non funziona così! 

Quando desiderate qualcosa quindi, e siete mossi dalla convinzione che quel dato desiderio realizzato vi potrà appagare e dare la felicità di cui ora fate fatica a percepire, ecco quello è l'Ego.


L'Anima invece non vive in questi paradigmi! L'Anima è Essenza, è Presenza ed è costantemente connessa alla Sorgente Universale. Essa attinge da quella misteriosa energia tanto descritta dalla fisica quantistica quanto dalle filosofie orientali ,e che rappresenta la scintilla dalla quale si innescano tutti i flussi vitali dell'Universo.

L'anima essendo connessa all'Energia Primaria vive nel paradigma dell'Amore Incondizionato, per cui quando desidera, desidera solo il bene per tutti e il Tutto. Non ricerca qualcosa in particolare per soddisfare una mancanza  interiore.

Tuttavia ci possono essere casi in particolare in cui la nostra Anima desidera, ma sempre mossa e spinta da questa Vibrazione di fondo che è l'Amore della Sorgente. 

Il nostro Sé Superiore desidera unicamente che l'Amore si diffonda e che tutto si equilibri su questa Vibrazione. Al massimo quando un'anima si rende conto di dover imparare una data lezione, essa può formulare il desidero di voler comprendere e imparare quella data lezione per evolvere ancora di più. 

Quando si vive nel paradigma dell'Anima non ricerchiamo abbondanza perché è già presente dentro di noi. Prendiamo coscienza di essere un frammento dell'Universo e, dato che il simile attrae sempre il simile, ciò che ritornerà indietro saranno eventi, persone e oggetti puri come le vibrazioni emanate dalla nostra Anima. 

Vivere nel paradigma dell'Anima significa essere cullati e protetti dall'Universo/Dio.

Quando si vive nel paradigma dell'Anima è IMPOSSIBILE che la nostra felicità dipenda da qualcuno o qualcosa.  E' impossibile perché l'Essenza dell'Anima vive nell'Amore Incondizionato. E quando si raggiunge questo stato di Unità totale con il proprio Essere ci rendiamo conto di essere completamente appagati e beati nella purezza dell'Universo/Dio. 

Per esempio, 


Guida in fase di completamento.....





Commenti
* L'indirizzo e-mail non verrà pubblicato sul sito Web.