Legge di attrazione: la spiegazione scientifica

Legge di attrazione: la spiegazione scientifica

Nel campo metafisico e spirituale la legge di attrazione è senza subbio l’argomento più popolare.  Negli ultimi anni la legge di attrazione , data la vasta quantità di materiale informativo disponibile sui motori di ricerca, è riuscita gradualmente a crearsi maggiore spazio e ad ottenere sempre più visibilità all’interno dell’opinione pubblica mondiale.

L’idea di essere i propri responsabili della propria esistenza, e non le vittime della casualità, ha reso la legge di attrazione un argomento affascinante, curioso e stimolante anche per i più scettici.

Da millenni questa legge universale è descritta e illustrata da tutti i Maestri Illuminati. Gesù enunciava questo meccanismo attraverso iconiche frasi come “Chiedi e ti sarà dato” o “A chiunque ha, sarà dato e sarà nell’abbondanza, ma a chi non ha, sarà tolto anche quello” (Leggi l’articolo : Legge di Attrazione e Gesù: gli insegnamenti del Cristo sul potere della mente). Il Buddha per esempio affermava ” “Noi siamo forgiati dai nostri pensieri; noi diventiamo ciò che pensiamo. Quando la mente è pura, la gioia arriva come un’ombra che non ci lascia più.”

Qualunque fosse stato il background spirituale di quel dato Maestro, nel corso della storia tutti hanno diffuso il medesimo principio : tu sei il creatore e l’unico responsabile della tua realtà.

Ma c’è dell’altro!

Seppur attraverso percorsi e sentieri più articolati e complessi, anche la scienza è giunta alla medesima conclusione: nei primi anni del ‘900 con l’avvento della Fisica Quantistica molte credenze scientifiche sono state frantumate e riadattate alle scoperte epocali  fatte da storici scienziati come Max Planck, Albert Einstein o Nikola Tesla.

Queste rivelazioni hanno mutato il concetto di “realtà” ed hanno portato a supporre conclusione simili, se non identiche, a quelle diffuse da millenni da Illuminati Come Mahamuni Babaji, Mahavatar Babaji, Osho, Yogananda, Buddha, Gesù Cristo, Gandhi ecc.  

 

Un breve riassunto della Legge di Attrazione 

 

Il concetto generale della Legge di Attrazione afferma che il simile attrae il simile e che tutto viene attratto attraverso la qualità delle proprie vibrazioni. Siamo noi i responsabili delle nostre disgrazie come delle nostre vittorie. Quando ci allineiamo con il positivo, e concentriamo i nostri pensieri ed emozioni verso le pure frequenze dell’amore, della gioia e della gratitudine, il meccanismo attrazionale tenderà a riconsegnarci come uno specchio riflesso eventi e persone su quelle medesime frequenze.

Viceversa, se la tua mente tenderà a focalizzarsi sulla mancanza, e quindi sulle disgrazie e le difficoltà della vita, ciò che riceverai indietro saranno risultati e situazioni simili a quanto emanato dalle tue sporche vibrazioni.

Come dentro come fuori, il mondo esteriore è la proiezione del tuo mondo interiore, come quello esteriore è la proiezione di quello interiore. Tutto si unisce e si amalgama in un’armonia universale perfetta sorretta dalla Legge di Attrazione e dalla Legge del Karma ( Leggi: “Che cos’è il Karma: la guida completa”). Il caso non esiste e mai è esistito. Osho per esempio utilizzava queste parole illuminanti per spiegare il potere creazionale dell’essere umano : “Nessun altro ti costringe a vivere in un inferno: sei tu a sceglierlo. La mente vede il negativo e lo diventa, perpetuando così la miseria: più negatività hai nella mente, più negativo diventi e più negatività accumuli. Il simile attrae sempre il simile e questo va avanti da vite intere! Manchi l’estasi della vita a causa di questo approccio negativo”. 

Voglio tuttavia sottolineare che è inutile perdersi nei meandri degli approfondimenti. Il sito presenta una quantità indescrivibile di materiale gratuito inerente a questa Legge Universale. Perciò se dopo questa lettura desidererai approfondire con maggiore attenzione questo argomento, avrai a tua completa disposizione talmente tanto materiale da poter risparmiare decine di euro in libri e materiale informativo che spesso esprimono concetti travisati e poco precisi.

Qua una guida gratuita da circa 30 minuti di lettura che incornicerà la Legge di Attrazione in tutte le sue sfaccettature: Legge di Attrazione: la guida definitiva. 

Se vorrai approfondire ancora di più questa Legge Universale ti consiglio questo articolo “Due metodi infallibili per potenziare la Legge di Attrazione” .

Infine, se deciderai di fare quel piccolo balzo quantico,  qua è disponibile un ulteriore guida da oltre 50 minuti di lettura: “La Legge di Attrazione 2.0: il potere della mente al servizio dell’anima”.  

 

Nessuna trappola, nessun costo improvviso, è giusto che queste informazioni siano diffuse gratuitamente e rese disponibili per tutti.  

 

Ma ora ritorniamo a noi, e comprendiamo quali passi hanno avvicinato la scienza o meglio, la Fisica Quantistica, al mondo della Legge di Attrazione.

 

La Legge di Attrazione ha una base scientifica?

 

La risposta è si, e ciò che è stato scoperto vi lascerà a bocca aperta. 

Dobbiamo partire dalla fondamenta e comprendere che la Legge di Attrazione è anche comunemente chiamata Legge di Risonanza. Probabilmente molti di voi hanno già studiato o sentito solo nominare questa legge fisica, ma poco importa perché in questo paragrafo sarà descritta attraverso concetti semplici e basilari e quindi accessibili per tutti.

In sostanza, la legge di risonanza afferma che due cose simili (ovvero con solita frequenza)si attirano e si amplificano. Due cose differenti, quindi con frequenza differente, si respingono.

Un esempio di risonanza può essere fatto con il diapason, il quale vibra e rilascia una determinato suono solo ed esclusivamente se lo strumento percepisce una frequenza uguale alla sua. Quindi, se noi per esempio avessimo un diapason da 500hz, egli inizierà a vibrare solo quando inizierà a percepire intorno a sé una qualsiasi frequenza da 500hz.

Questo principio di risonanza lo troviamo presente anche nella radio ricevente, che è predisposta per le onde medie proprio sulla base della sua risonanza. Perciò onde corte e onde lunghe non vengono percepite perché non fanno parte del suo “mondo vibrazionale”.

Prima del ‘900 vigeva questa convinzione secondo cui il principio di risonanza fosse adattabile solo agli strumenti e ai dispositivi che fossero in grado di emanare un determinato suono e quindi una determinata vibrazione. Fino ad allora non venne mai presa in considerazione l’idea, e tantomeno teorizzata, che anche l’essere umano fosse un emettitore di vibrazione e che quindi potesse essere influenzato dalla Legge di risonanza.

Ma con l’avvento della Fisica Quantistica , molti paradigmi scientifici crollarono definitivamente. Una nuova visione di insieme si fece spazio, e un nuovo periodo di rivoluzioni scientifiche e di pensiero vide la nascita grazie ad importanti scoperte fatte da scienziati dal calibro di Max Planck, Albert Einstein, Bohl, Heisenberg ecc.

Il primo a mettere in discussione questo concetto, fu il già citato Max Planck. Planck fu alla prova dei fatti il padre fondatore  della fisica quantistica, e grazie alla sua teoria sui quanti, egli riuscì ad aggiudicarsi il premio Nobel della scienza nel 1918.

Ma quello che incuriosisce di Planck, e della sua personalità, è il fatto di essere stato anche uno scienziato attento e propenso alle questioni filosofiche. Egli era infatti convinto che il mondo spirituale, e la scienza, si completavano a vicenda, ed é proprio grazie a questa sua visione “olistica” che a Firenze nel 1944 dichiarò :

 

Avendo consacrato tutta la mia vita, alla Scienza più razionale possibile, ovvero lo studio della materia, posso dirvi almeno questo a proposito delle mie  ricerche sull’atomo :La materia come tale non esiste! Tutta la materia non esiste, che in virtù di una forza, che fa vibrare le particelle, e mantiene questo minuscolo sistema solare dell’atomo .Possiamo supporre al di sotto di questa forza, l’esistenza di uno Spirito intelligente e cosciente. Questo spirito, è la ragione di ogni materia “

 

Potete ben immaginare quanto clamore fecero queste parole e quanto risuonarono, anche con un pò di scetticismo, nel mondo scientifico. Infondo in quel periodo la scienza era convinta di aver raggiunto un’ottima comprensione dell’Universo. La legge di Darwin, le passate scoperte sulla gravità e sul funzionamento dei pianeti e delle stelle, illusero gli scienziati di essere approdati verso gli ultimi gradini nella scala della conoscenza universale. Ma quando furono teorizzate e poi successivamente dimostrate le scoperte del Quanto e la natura quasi “poco sensata” del mondo sub-atomico di Planck e di tanti altri scienziati quantistici, questa gigante convinzione venne completamente spazzata via.

 

LA MATERIA NON ESISTE!

 

La scoperta più iconica della Fisica Quantistica è stata la conferma che la materia è illusoria e formata solo da energia: se noi sezionassimo un atomo, noteremmo che esso è formato da un nucleo composto da protoni (particelle positive) e neutroni (particelle prive di carica) al cui intorno vi ruotano senza seguire un’orbita ben definita ma ad una definita distanza , gli elettroni , che altro non sono particelle negative della stessa quantità dei protoni.

E questo più o meno lo sappiamo tutti…  

 

Ma ora viene il bello!

 

Perché se andassimo ad ingrandire il nucleo atomico alla grandezza di un sasso, l’elettrone ruoterebbe intorno al nucleo alla distanza di ben 1 km! Quindi questo comporta che la maggior parte dello spazio all’interno di un atomo sia SPAZIO VUOTO. Esattamente per il 99,999% .

 

 

 

 

Quindi che diamine c’è in quel 99% di vuoto?   

 

Come spiego nell’articolo “La materia non esiste: tutto è energia e vibrazione”, ciò significa che il dispositivo su cui stai leggendo questo articolo, la sedia su cui ti siedi, la casa in cui vivi, la terra in cui vivi, quella cosiddetta realtà solida, è formata per la maggior parte da spazio vuoto.

 

Ma è palese che qualcosa sia presente al suo interno!

 

Al suo livello più elementare, la materia non si presenta come piccole particelle isolate; tutta la materia è essenzialmente una e indivisibile, un tessuto connesso e dinamico di campi  vibranti di energia che vibrando ad una determinata frequenza fanno percepire ai tuoi sensi fisici una realtà solida e reale.

Questa scoperta conferma quindi un concetto importante: tutta la materia è energia e vibrazione e il principio di risonanza non solo vale per i dispositivi elettrici o elettronici ma bensì per TUTTO.

 

Anche per l’essere umano!

 

Ciò che emani ti ritornerà sempre indietro. Ciò che rilasci all’esterno, attraverso vibrazioni emotive, di pensiero ecc, ti ritorneranno indietro attraverso altre forme ma sempre rispecchiando quella medesima frequenza.

Lo stesso Einstein confermava questo meccanismo attrazionale: se sfogliassimo la sua autobiografia, nelle miriadi di riflessioni presenti sulla vita e sull’intera umanità, troveremmo al suo interno un’affermazione che incornicia al meglio la sua conoscenza sulla Legge di Attrazione:

Tutto è energia e questo è tutto quello che esiste. Sintonizzati alla frequenza della realtà che desideri e non potrai fare a meno di ottenere quella realtà. Non c’è altra via. Questa non è filosofia. Questa è fisica.

Anche Nikola Tesla, inventore della corrente alternata e di miriadi di altre invenzioni, era estremamente convinto di questo concetto: “Se vuoi scoprire i segreti dell’universo, devi iniziare a pensare in termini di energia, frequenza e vibrazione “.  Ulteriori informazioni su Nikola Tesla: “Nikola Tesla e le invenzioni sull’energia infinita” e “La lettere mai rivelata di Nikola Tesla sul potere della mente”

 

Queste rivelazioni descrivono chiaramente le potenzialità della legge dell’attrazione o della risonanza. Mostrano chiaramente quanto questa Legge Universale sia una colonna portante ed essenziale nei meccanismi dell’ intero Universo. Una creazione perfetta il cui collante è l’energia; la quale vibrando ad una determinata frequenza, rende possibile la manifestazione della materia.

Attraverso il proprio campo magnetico, l’essere umano rilascia vibrazioni nel Cosmo che ritorneranno in egual misura. Un dare e ricevere continuo che quasi sempre avviene inconsapevolmente. Se dai Amore riceverai Amore. Se rilasci le tue ansie, incazzature e paure, ciò che ritornerà indietro saranno eventi che amplieranno o confermeranno ancor di più quelle vibrazioni rilasciate. Ora capite perché Gesù affermava “A chiunque ha, sarà dato e sarà nell’abbondanza, ma a chi non ha sarà tolto anche quello”?  

 

Come imparare ad utilizzare al meglio la Legge di Attrazione?

 

 Questa è la famosa domanda da un milione di dollari. E’ difficile dare una risposta chiara e coincisa tenendo conto della complessità della Legge di Attrazione e dei funzionamenti dell’Universo. Potrei dire che le influenze vibratorie principali sono prodotte dai pensieri e e dalle emozioni. Ma è una verità a metà; le vibrazioni che emaniamo sono influenzate da numerosi fattori che spesso non sono neanche trattati dai libri più rinomati sulla Legge di Attrazione.

Se davvero bastasse indirizzare alcuni pensieri o sforzarsi di percepire una determinata emozione per poter realizzare i propri sogni, tutte le persone interessate a questo argomento sarebbero dovute essere oramai milionarie e colme di gioia e amore.

Ma non è così purtroppo!

Oltre ai pensieri e alle emozioni, esistono altrettante influenze vibratorie che formano il tuo polo magnetico. Tra queste troviamo le ferite karmiche o emotive, il proprio sistema di credenze, il proprio karma individuale ( Ti invito a leggere la guida gratuita “Che cos’è il karma: la guida completa”) , i meccanismi auto-conservativi, egoistici e deleteri dell’Ego e l’assenza di Fede nel processo attrazionale dell’Universo/Dio.

E’ certo che i pensieri e le emozioni hanno un impatto molto forte sul campo magnetico e quindi trattasi degli strumenti tra i più potenti di cui dispone l’essere umano per poter potenziare il proprio polo magnetico. Ma convincersi che questi siano gli unici strumenti di cui occuparsi è controproducente per la creazione intenzionale della propria realtà.

E’ indispensabile quindi, se si vuole creare una realtà positiva e piena di soddisfazioni,  imparare ad avviare un processo più ampio che coinvolga una crescita interiore e spirituale.

Ricordati: il tuo potere attrattivo è direttamente proporzionale alla purezza della tua interiorità.

Tutti gli illuminati sono in grado di compiere grandi miracoli, perché la loro vibrazione è talmente espressione della Sorgente Universale o Divina che in quello stato di coscienza e purezza i limiti si annullano definitivamente.

Potrei scrivere le solite frasi impacchettate per vendervi finte speranze ma la verità è che finché non si elimineranno le proprie  “zavorre emotive”, finché si penserà ad aggiungere e non a togliere, il proprio “polo magnetico” sarà vittima delle frequenze caotiche emanate dalla mente conscia e inconscia.

Quando gradualmente ripulirete la vostra interiorità e i semi della vostra crescita interiore cominceranno a fuoriuscire dalla vostra mente, creerete le condizioni necessarie per attrarre e sperimentare una vita meravigliosa che rispecchierà la purezza del vostro cuore. Per questo il Buddha affermava “Quando la mente è pura, la gioia arriva come un’ombra che non ci lascia più.” E’ la purezza vibrazionale a darvi la possibilità di creare letteralmente miracoli e condizioni che prima vi erano impossibili da richiamare attraverso la sincronicità.

Imparare a ripulirsi dall’attaccamento emotivo sulle persone e sulle cose, coltivare il pensiero positivo, calmo e fiducioso sul presente e futuro. Perdonare il passato, ripulirsi dalle vibrazioni tossiche con pratiche meditative, e iniziare ad abbattere le trappole dell’Ego, sono alcune dei tanti atteggiamenti mentali e comportamentali che posso essere perseguiti per ripulire e potenziare la Legge di Attrazione. Ti invito ancora, se hai apprezzato questa lettura e le mie parole, ad approfondire questo vasto argomento attraverso questi tre articoli:

 

Un saluto, Riccardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *