Tutta la verità e le prove sull'esistenza dei Regni di Shamballa e Agartha (LIBRO GRATUITO)


90 min letti
22 Mar
22Mar



CAPITOLO 1- PREFAZIONE




Questo libro sarà letteralmente un viaggio ai confini della realtà. Un viaggio che affonderà le proprie radici verso l'interno della Terra, un viaggio che sfiderà la propria razionalità e metterà in discussione i dogmi culturali e storici dell'Uomo. Sarà un'esplorazione in cui riecheggeranno i nomi di Shamballa e Agartha, luoghi sacri, mitologici, situati nelle viscere della Terra, da sempre custoditi e descritti nelle sacre scritture orientali e nelle leggende di numerose antiche culture.


Realtà o fantasia? Verità o invenzione?


Un mistero che avvolge questo "Regno Perduto" dentro una trama quasi fiabesca. Una leggenda antica migliaia di anni, che tutt'oggi, riscuote grande curiosità ed interesse data la costante crescita di testimoni e scoperte fatte dalla scienza. E' bene precisare tuttavia che la teoria della Terra Cava non ha niente a che vedere con la sciocca supposizione della "Terra piatta", e tantomeno si avvicina a quella insulsa idea costruita da qualche invasato. Piuttosto, se dovessimo creare un'analogia e chiarire la complessità della teoria della Terra Cava, potremmo effettuarla con la famosa teoria degli UFO. Ambedue trattano argomenti complessi che meritano attenzione e uno studio attento dei numerosi documenti disponibili in grado di chiarire la logica di questi misteri.
Una trama quindi che affascina,ma che tuttavia potrebbe causare non poche perplessità. Vogliamo per questo esortarvi ad immergervi in questa lettura senza avere pregiudizi sull'argomento. Viviamo in una società in cui le persone sono abituate a stabilire in anticipo quali abiti e quali forme avrebbe dovuto assumere e vestire la verità. Per esempio, fino a qualche secolo fa l'umanità credeva che il mondo fosse piatto e che il Sole ruotasse attorno alla Terra. L'umanità era così sicura di questo che è diventato un "fatto" stabilito. Quando Galileo presentò le prove che dimostravano che la Terra girava attorno al Sole, non solo fu ridicolizzato ma fu imprigionato perché le sue scoperte rappresentavano un allontanamento così radicale dal pensiero accettato e da tutti i dogmi religiosi. Una situazione simile esiste con la rivelazione che la Terra è CAVA ed abitabile al suo centro. I ricercatori e gli scienziati sostenitori di questa teoria hanno presentato numerose prove e studi in grado di dimostrare una struttura più complessa della Terra, ma ben lontane dall'essere convalidate dalle società scientifiche. Riaffermando quindi che l'idea della Terra internamente cava e abitata sia antica come l'uomo, il Team del IlBen-Essere ha deciso di organizzare qualcosa che va oltre, oltre le barriere del fondamentalismo e del parlare tanto per sentito dire. Un progetto rivoluzionario che forse non è mai stato fatto al mondo:


Stiamo parlando di riunire tutte le testimonianze disponibili di coloro che sono riusciti ad entrare nella Terra Cava e ad interagire con la popolazione di Agartha e di Shamballa! Una popolazione tecnologicamente più avanzata ed estremamente più saggia, in grado di vivere in connessione con le energie del Cosmo e del Creato.


Abbiamo riunito un numero così incredibile di testimonianze dirette e di documenti ufficiali, da essere riusciti a creare un quadro ben preciso e ricco di informazioni, da togliere definitivamente ogni dubbio sul mistero delle “popolazioni intraterrestri. Inoltre per rendere omaggio a questa lettura, saranno presenti due interviste fatte  a due testimoni italiani che hanno visitato il "Centro Terra", per arricchire e chiarire alcuni dubbi che comprensibilmente si presenteranno nel corso della lettura. Ringraziamo quindi Francesco Mikado e Massimiliano Steffen per la loro estrema disponibilità e per il loro contributo alla creazione di questo viaggio nei meandri della Terra Cava. Nel corso della lettura alcuni concetti, sembreranno, forse, troppo complessi e profondi per molti lettori, i quali ancora oggi utilizzano per lo sviluppo delle loro vite spirituali, processi mentali basati sul pensiero analitico e razionale. Ci auguriamo quindi che le idee contenute in questo libro possano riuscire ed essere assimilate spontaneamente ed intuitivamente, ed aprire il lettore verso nuove prospettive e percezioni della Realtà. Ci auguriamo che possano essere di utilità per tutti quei sinceri aspiranti spirituali del mondo, realmente interessati a descrivere l'eterno segreto delle loro vite umane e il loro infinito e trascendente vincolo con il Cosmo. Questa è la nostra aspirazione e la nostra sincera preghiera del nostro Team,ed è il motivo per cui, data la lunghezza di questa lettura, abbiamo messo a disposizione questo testo anche in versione PDF. Ciò vi potrà dare l'opportunità di stamparlo o di scaricarlo e leggerlo più comodamente dal vostro PC o tramite applicazioni come Amazon Kindle,o l'app "Libri" di IPad.
Consideratelo un regalo, che doniamo a tutti coloro che ricercano la verità e sono spinti dal proprio intuito e dalla propria "avidità" di conoscenza ad indagare sui misteri dell'Universo. 


Scarica gratuitamente qua il file PDF: 


Il Team del ilben-essere.it



INDICE




CAPITOLO 2.MITOLOGIA DELLA TERRA CAVA E DELLE SUE CIVILTA'



La teoria della Terra Cava ha radici antiche: Platone, oltre ad averci lasciato nel Timeo  testimonianze della perduta Atlantide, ci narra anche di misteriose gallerie sotterranee che attraversavano il continente, "gallerie sia spaziose che anguste nell'interno della terra" e cita un grande sovrano "che siede al centro della terra, sull'ombelico della terra; egli è il mediatore della religione per tutto il genere umano". Anche in India, tramite le narrazioni delle antiche Upanishad, abbiamo citazioni del regno sotterraneo di Agartha. Per esempio la leggenda dei Naga, uomini discendenti dai "serpenti", che vivono all'interno della Terra in corrispondenza della zona himalaiana, divisa in sette livelli, la cui dimora tradizionale è chiamata "Potala"

Il poeta Somadeva(1035-1085), bramino del Kashmir, ebbe la capacità di preservare molte leggende del folclore indiano sotto forma di storie in versi. Scrisse la monumentale opera "Kath Sarit Sagara"("L'oceano di fiumi di storie"), una collezione dell'antica sapienza indiana in 10 volumi. Nel sesto volume è presente la leggenda incentrata sul viaggio del Re, di nome Bhunandana, che lo portò in una regione del Mondo Sotterraneo. Si trovano molti riferimenti anche nei testi classici come ad esempio quello di Hanno,il navigatore cartaginese che intraprese un lungo viaggio lungo la costa occidentale dell'Africa intorno al 500 a.C.. Nella sua opera,"Periplus", afferma di aver udito racconti su abitatori del sottosuolo che erano più intelligenti degli altri uomini e correvano più veloci dei cavalli non appena qualcuno cercava di seguirli dentro le loro gallerie.
Ci sono anche riferimenti occidentali alla ricerca di Shamballa risalenti agli inizi del I secolo D.C. Si tratta di una testimonianza diretta fornita dal filosofo ellenico Apollonio di Tiana presente nella sua biografia “Vita di Apollonio di Tiana” scritto dallo storico greco Lucio Flavio Filostrato. Apollonio descrive nei suoi resoconti di essersi trattenuto per diversi mesi in un paese ai confini dell’Himalaya dove sarebbe venuto in contatto con “uomini estremamente saggi che hanno il dono della preconoscenza” e dai quali rimase particolarmente colpito per i traguardi scientifici e mentali che avevano raggiunto i suoi abitanti, al punto che si limitò ad annuire stupito quando il loro Re gli disse: “Chiedici quel che vuoi, poiché ti trovi tra persone che sanno tutto”.
In Europa i conquistadores spagnoli riportarono dell'esistenza di un favoloso continente ricco d'oro, dalla straordinaria vegetazione lussureggiante, che gli indigeni sudamericani chiamavano Eldorado. I Macuxí del nord dell'Amazzonia raccontano che erano soliti entrare in una caverna grazie alla quale, dopo un cammino di 13-15 giorni, arrivavano all'interno del pianeta. Lungo il cammino percepivano una progressiva perdita di peso, fino ad arrivare alla zona "dove tutto vola" (assenza di gravità) dopo la quale poi il peso veniva riacquistato, ma non completamente poiché sull'altro "lato" tutto è più leggero. "Dall'altro lato del mondo" il sole è rosso ed è sempre giorno, senza notte e luna, lì vivono gli "uomini grandi", che misurano tra 3 e 3,5 metri, la cui natura è benevola a patto di rispettare le loro indicazioni. Nel 1907, la leggenda racconta che un Macuxí rivelò questo segreto a tre esploratori inglesi, che - partiti verso la terra interna - non fecero mai ritorno, ma in conseguenza di questa violazione il popolo interno chiuse per sempre quell'accesso. Queste leggende possiamo trovarle anche nella moderna Russia dove si fa riferimento al Regno di Shamballa, dove si narra sia presente la dimora degli Dei. Anche i popoli tibetani e mongoli sono ricchi di miti sulla Terra di Erdani o Regno di Agarthi. Pure oggi che siamo appena entrati sulla soglia del terzo millennio si ripropone la solita domanda: dove sono stati generati tutti questi miti, tutte queste leggende non ancora dimenticate e tramandate da moltissimi popoli terresti? Da dove sono scaturite tutte queste informazioni che hanno come base lo stesso concetto? Possiamo affermare che una base di verità potrebbe esserci? Ma andiamo con calma,mettete da parte i vostri pregiudizi,e immergiamoci in questo viaggio che darà chiarezza ad ogni dubbio.


CAPITOLO 3.RICERCHE SCIENTIFICHE SULLA TERRA CAVA, AGARTHA E SHAMBALLA.


La conoscenza di un mondo sotterraneo naturalmente ha avuto un posto di rilievo nelle leggende popolari, tanto da spingere l'uomo negli ultimi secoli a migliorarla attraverso l'esplorazione e la ricerca scientifica.
Vogliamo tuttavia sottolineare che questo lavoro di ricerca non ha l’obiettivo di essere un manuale di geofisica,e tanto meno elevarci a "scienziati improvvisati". L'obiettivo è solo offrire conoscenze,ricerche e scoperte ,che diano una visione chiara ed esauriente sull'argomento della Terra Cava,su Agartha e Shamballa.
Tra la fine del XVII° secolo e l'inizio del XVIII°,la scienza terrestre divenne il nucleo centrale della conoscenza umana. L'approccio razionale ed estremamente analitico, condusse l'evoluzione umana verso una nuova prospettiva fatta di certezze e sperimentazioni. Perciò quando la scienza iniziò ad avere gli strumenti necessari per avere il sopravvento sulle leggende, propose un modo nuovo di affrontare la verità sulla Terra cava. Un nuovo approccio che si basava appunto su calcoli e sperimentazioni e che condusse gli scienziati ad avanzare ipotesi estremamente interessanti. Il primo scienziato ad affermare la probabile esistenza di un spazio vuoto, e quindi della Terra Cava, all’interno del pianeta fu Edmond Halley.


HALLEY E LA TEORIA DELLA TERRA CAVA


Astronomo e marinaio, Halley era dotato di una personalità fortissima. Pur essendo ricordato dalla storia per la sua scoperta sulla cometa Halley,egli dette un enorme contributo allo sviluppo dell'astronomia che va ben oltre lo studio delle comete e delle loro orbite. Fu membro della Royal Society,collaborò in molti studi con J.Newton e gli fu conferita una laurea ad honorem ad Oxford nel 1678. Successivamente Halley cominciò ad interessarsi allo studio del magnetismo terrestre. Egli fece molte misurazioni e ricerche da cui emersero anomalie del campo magnetico terrestre che non erano spiegabili per mezzo delle teorie scientifiche correnti, in particolare lo colpì il fatto che l'ago magnetico della bussola veniva spesso deviato verso il basso, in funzione delle latitudini, e che alle varie longitudini l'ago della bussola variava lateralmente dal nord geometrico effettivo. Queste ed altre osservazioni portarono Halley ad ipotizzare la presenza di più poli magnetici fino ad arrivare a concepire la Terra come costituita da un involucro esterno e da un nucleo interno separato. Successivamente Halley, nel tentativo di affinare la sua concezione, arrivò anche a presentare alla Royal Society di Londra, la teoria dell'esistenza di più terre concentriche, di cui sosteneva essere stato in grado di misurarne l'effettiva grandezza. Tali geoidi concentrici dovevano possedere ognuno il proprio asse di rotazione con i rispettivi poli magnetici nord e sud.



Figura 1: Nel 1736, un Edmond Halley di 80 anni, dignitoso dalle vesti accademiche della sua Queens College  di Oxford. Un ritratto iconico che rende chiara la fermezza delle sue idee. Nella mano destra è tenuta ben salda la rappresentazione geofisica della Terra da lui ipotizzata  presentata alla  Royal Society nel 1691 e pubblicato nel Philosophical Transactions l'anno successivo.

Halley inoltre considerava l'analogia tra gli anelli di Saturno e la Terra Cava. Fece appello alle osservazioni relativamente recenti di Saturno fatte da Christiaan Huygens e Giovanni Cassini tra il 1650 e il 1670, che determinò che il pianeta è circondato da un anello sottile e piatto composto da più anelli più piccoli separati da spazi vuoti. Il telescopio moderno, la sua capacità di ingrandimento migliorò esponenzialmente nei decenni trascorsi dalle rivoluzionarie osservazioni di Galileo del 1609-10, fornì ad Halley le prove richieste dalla sua teoria esoterica: che altri corpi solari fornissero effettivamente una struttura e modelli simili alla Terra cava. Tuttavia la teoria di Halley sulla Terra cava non fu l'unica, altri scienziati ebbero lo stesso coraggio ad avanzare simili ipotesi. Uno tra questi fu uno tra i matematici più importanti di tutta la storia, ovvero il matematico svizzero Leonardo Eulero(1707-1783). Egli riprese l'idea di Halley sulla Terra con i pianeti multipli al suo interno. In verità non trovò completamente soddisfacente una simile ipotesi e perciò sostituì tutta l'architettura con un sole centrale contenuto nella cavità del pianeta. Secondo le sue deduzioni,questo piccolo sole bastava per fornire calore e luce ad una civiltà sotterranea. Dopodichè,dobbiamo aspettare gli inizi del XIX° secolo per ritrovare studi interessanti sulla natura interna del pianeta Terra.


SYMMES E LO SVILUPPO DELLA TEORIA DELLA TERRA CAVA



Nel 1818, John Cleves Symmes, Jr.,suggerì che la Terra fosse costituita da un guscio cavo di circa 800 miglia (1.300 km) di spessore, con aperture di circa 1400 miglia (2.300 km) su entrambi i poli con 4 gusci interni ciascuno aperto ai poli. Symmes divenne il più famoso dei primi sostenitori della Terra Cava. Tra le sue numerose prove indicate,le principali si basavano sulle variazioni magnetiche intorno ai poli, le migrazioni dei volatili artici e l'esistenza dell'aurora boreale. Il tema delle migrazioni dei volatili artici è un argomento che non dovrebbe sfuggire alla nostra attenzione. Olaf Jansen,marinaio norvegese e testimone diretto di Agartha asseriva "Che dal punto di terra più lontano delle Isole di Spitzbergen e la terra di Franz Josef, stormi di oche possono essere viste volare annualmente, dirette a Nord, così come è registrato nei libri di bordo. Nessun scienziato è stato audace a sufficienza per spiegare, esattamente, come mai questi esseri alati si dirigano, per istinto, verso le terre del Nord." (Fonte: Libro “The Smoky God” ) Tornando a noi,come scrive il geografo Duane Griffin, Symmes inviò 500 copie del messaggio a individui e gruppi illustri, inclusi scienziati, città, società erudite e università. Allegò saggiamente al suo appello un certificato che attestava la sua solidità mentale:



"Dichiaro che la Terra è cava e abitabile all'interno; contenente un numero di sfere concentriche solide, una dentro l'altra, e che sia aperta ai poli di 12 o 16 gradi; Impegno la mia vita a sostegno di questa verità e sono pronto a esplorare il vuoto, se il mondo mi sosterrà e mi aiuterà nell'impresa.""Chiedo a cento coraggiosi compagni, ben attrezzati, di partire dalla Siberia nella stagione autunnale, con renne e slitte, sul ghiaccio del mare ghiacciato: mi impegno a trovare una terra calda e ricca, rifornita di verdure parsimoniose e animali,se non di uomini, al raggiungimento di un grado a nord della latitudine 82; torneremo nella primavera successiva." John Cleves Symmes



SCOPERTE PIANURE E VASTE CATENE MONTUOSE NEL MANTELLO TERRESTRE

     

Il Dr. Orville Livingston Leech, scienziato americano,  in un recente articolo scrive: "Le possibilità dell'esistenza di una terra, all'interno della Terra, attrasse la mia attenzione quando raccolsi un geode, sulle coste dei Grandi Laghi. Il geode è una pietra sferica, apparentemente solida, ma quando rotta, si scopre vuota, e coperta di cristalli. La Terra è soltanto un geode molto più grande, e la legge che ha creato il geode, nella sua forma vuota, indubbiamente ha modellato la Terra nello stesso modo".




Arriviamo ai giorni d'oggi,in cui avviene la scoperta più importante sulla Terra Cava. Una scoperta che sarà riportata su tutte le testata giornalistiche ma che tuttavia,passerà quasi in sordina e nessun canale d'informazione avrà il coraggio di collegare questa scoperta con la teoria della Terra internamente cava. (FONTE:QUA,ARTICOLO DI FANPAGE SCIENZA) In un recente studio, un team di esperti dell'Università di Princeton, ha scoperto colossali catene montuose nell'area che separa il mantello superiore da quello inferiore. Si tratta di rilievi possenti, con altitudini maggiori rispetto anche ai più alti rilievi superficiali. A circa seicento chilometri di profondità, attraverso lo studio dell'eco delle onde di un forte terremoto di magnitudo di 8.2 che ha scosso la Bolivia nel 1994, sarebbe stata trovata una topografia aspra e inaspettata, una conformazione irregolare che ha lasciato sorpresi gli esperti. "La distribuzione di queste catene montuose sotterranee", spiegano gli studiosi,"Non è uniforme, con i rilievi che si alternano a vaste e profonde pianure, in maniera non dissimile a quello che accade sulla superficie. Questa specifica conformazione spiegherebbe la relazione che intercorre tra il mantello superiore e quello inferiore, che messi insieme compongono l’84% del volume della Terra. L’area di confine, dove si mescolerebbero i due strati, sarebbe pianeggiante, mentre le aree montuose nascerebbero nelle aree in cui il ”mix” tra i due strati non avviene in maniera così accentuata." "Al confine tra il mantello superiore e il mantello inferiore della Terra, a circa 660 chilometri di profondità sotto i nostri piedi, è stato scoperto un “mondo perduto” caratterizzato da catene montuose impressionanti. Queste montagne sotterranee, che si alternano a pianure esattamente come avviene in superficie, potrebbero essere molto più grandi di qualunque vetta a noi visibile, facendo impallidire colossi come l'Everest e il K2 della catena himalayana."



SCOPERTO UN OCEANO IMMENSO A 400KM DI PROFONDITA’



Formuliamo la domanda inversamente:la terra è piena internamente?Molte persone ritengono che questo sia un fatto, semplice e chiaro. Ma l’umanità è arrivata solo a circa 12 km sotto la superficie della Terra e ce ne sono ancora 6436 fino al nucleo. Quindi 6424 km sono stati riempiti solo dalle teorie. Naturalmente le teorie hanno delle basi ragionevoli: si basano sui fenomeni geologici osservati. Tuttavia, una scoperta fatta nel 2014 potrebbe mostrare come il nostro pianeta sia molto diverso da quello che si pensa generalmente: il professor Graham Pearson dell’Università di Alberta, infatti, ha guidato un team internazionale di scienziati nell’analizzare un diamante a buon mercato che ha fornito informazioni inestimabili. Come spiega l'illustre quotidiano Times "Il suo team ha pagato 20 dollari per un diamante trovato da alcuni minatori artigianali nella zona Juina di Mata Grosso, in Brasile, nel 2008. All’interno del diamante hanno accidentalmente trovato un minerale chiamato ringwoodite, mentre ne cercavano un altro.” La ringwoodite era stata scoperta precedentemente nei meteoriti, ma questa è stata la prima volta che veniva trovato sulla Terra. Il minerale è significativo perché all’interno vi è dell’acqua e si forma circa dai 402 km ai 563 km sotto la superficie del pianeta, la cosiddetta ‘zona di transizione’ tra il mantello superiore e quello inferiore. Questo suggerisce che ci sia un oceano all’interno della Terra. E quell’oceano “Potrebbe avere  “ ha dichiarato Pearson in un comunicato stampa all’Università di Alberta  “tanta acqua quanto quella di tutti gli oceani del mondo messi insieme»."
Stiamo camminando sopra un'immensa distesa d'acqua. L'immagine suggestiva – e biblica – potrebbe non essere così fantasiosa secondo i risultati di una ricerca pubblicati su Nature. Un team di ricercatori, tra i quali l'italiano Fabrizio Nestola dell'Università di Padova, ha realizzato una ricerca che potrebbe  completamente rivoluzionare le attuali nozioni sul magmatismo e sulla tettonica delle placche. Si tratta di una scoperta che, come spiega Nestola, "non solo permette finalmente di spiegare le anomalie osservate tramite tomografia sismica profonda, ma apre uno scenario completamente nuovo sull'interno del nostro pianeta". Se – considerando tutte le acque superficiali del pianeta alla stregua di un unico oceano – scoprissimo che ci sono svariati oceani sotterranei, dovrebbe cambiare il modo in cui gli scienziati pensano all’interno della Terra. Ma questo solleva anche un’altra questione: quale sarebbe l’origine di tutta quest’acqua?



UNA VISIONE COMPLETA SULLA TERRA CAVA



La scienza moderna sostiene che la Terra è una serie ininterrotta di strati, croste e magma liquido che circonda un nucleo denso e caldo composto principalmente da ferro e nichel. Tuttavia è stato oggettivamente dimostrato che sono tutte supposizioni che gli scienziati hanno fatto affidandosi ai dati ottenuti dagli strumenti disponibili.
"Abbiamo appena scoperto un immenso cratere che potrebbe essere situato in profondità sotto la calotta glaciale della Groenlandia. Sempre di più, capiamo che l'interno della Terra non è l'immagine standard dei cartoni animati", dice Romanowicz, geofisica ed esperta di  imaging dell'interno della Terra e membro del Consiglio Scientifico del CER dal 2016. "Per i geodinamici, è una rivoluzione completa."
Negli ultimi anni la scienza si sta rendendo conto di saper ben poco sugli strati interni della Terra. Al momento non esistono tecnologie in grado di esplorare direttamente l'interno del nostro pianeta; il foro più profondo mai realizzato, il pozzo Kola Deep nell'Artico russo, raggiunge solo lo 0,2% fino al centro. Quindi anche le migliori mappe scientifiche non sembrano meglio rispetto alle immagini dei libri di scuola che mostrano una crosta esterna, un nucleo interno e uno spesso strato chiamato mantello di mezzo.
E' più che lecito affermare quindi che questi indizi indicano l'esistenza di una struttura molto più complessa e articolata rispetto a quella immaginata dalla scienza. Numerosi sono i dubbi, ed è il motivo per cui abbiamo deciso di mettere per iscritto testimonianze e intervistato testimoni in grado di descrivere dettagliatamente la cultura e la tecnologia di queste popolazioni intraterrestri. C'è bisogno di chiarezza e conferme!
Nel libro "Viaggio a Shamballa"(ACQUISTA QUA),i nostri narratori,Anne Givaudan e Daniel Meurois,raccontano le vicende di un incredibile viaggio affrontato in uno dei loro numerosi viaggi astrali. Nel racconto egli vengono accompagnati da una misteriosa guida, chiamata Djwal Koll (un abitante di Shamballa), e condotti nelle terre mitiche di Shamballa e nelle profondità di Agartha. Troviamo una spiegazione estremamente esauriente da parte di Djwal Khul su Agartha e la natura della Terra Cava, spiegazione in grado di unire i puntini con le informazioni scientifiche che abbiamo appena trattato e che potrebbe rendere chiara l'idea di quanto l'argomento sia ben più complesso di quanto gli scienziati hanno ipotizzato e immaginato: “Fratelli, ecco la porta d’accesso al primo dei mondi sotterranei; dico ‘il primo’ perché ce ne sono sette. Sapete infatti che la Terra in realtà è cava come un pallone, un pallone non pieno d’aria ma di un gran numero di forme di vita che si evolvono su vari piani vibratori. Sì, Fratelli: vedete, anche le invenzioni dei migliori romanzieri impallidiscono di fronte a questa realtà, di cui nessun umano ha una giusta idea. I concetti delle società odierne e la loro capacità di assimilazione non vi si prestano: posso tentare di farvene un ritratto con le vostre parole, ma al massimo ne risulterà una caricatura. Sappiate dunque, innanzitutto, che l’insieme dei sette mondi sotterranei può essere conosciuto sotto il nome di Agartha;... È il mondo accessibile a livello di coscienza, e talvolta anche materialmente, ai detentori dell’arte alchemica umana, ma tutto questo è ancora solo l’ABC delle conoscenze legate alla Terra-Madre. A che servirebbe farvi la lista dei sette regni interni del pianeta? A rinforzare una mente che non deve più strutturarsi come ha fatto fino ad ora? A creare nebulose classificazioni, a rinforzare barriere, a rendere ancora una volta impossibile un approccio globale? Oggi, amici, non ci rivolgiamo più agli eruditi studiosi dell’ermetismo, i tempi sono cambiati: c’è anche troppa gente che si dibatte nelle reti del materialismo spirituale, e vi sarà sempre un abisso tra chi studia e chi ama, perché il primo cerca ciò che è fuori da lui e lo accumula, mentre il secondo non può cercare ciò che ha già trovato, perché dai tempi dei tempi è detto che l’Amore è la Conoscenza. Nel seguire il vostro cammino, sottolineerete questo: l’approccio alla luce deve separarsi una volta per tutte dall’oscuro volto dell’occultismo. Ed ora, ricordate ancora qualcosa che non vi sarà di peso: dei sette mondi che ho menzionato, solo quattro possono  essere percepibili o almeno concepibili da coloro che portano ancora l’etichetta di ‘umani’; i tre universi centrali costituiscono il ‘nucleo’ del pianeta, e sono fuori portata reale, tranne che per i sette Fratelli più esperti di Shamballa. Non è questione di privilegi, perché lo Spirito realizzato non ne dispensa affatto, bensì una necessità d’ordine vibratorio: ciò non toglie che il nostro Fratello del cuore centrale della Terra possa di quando in quando visitare gli uomini, con lo scopo d’impressionare le anime, instillandovi certe nozioni: le tradizioni orientali lo chiamano ‘Re del Mondo’, appellativo un po’ ingenuo ai nostri occhi, perché una rappresentazione monarchica dei Grandi Esseri legati allo Spirito è puerile.  I miei Fratelli di Shambhalla ed io ve ne parliamo solo perché nessuno di coloro che si muovono alla volta di loro stessi si fermi e si volti, dicendo ‘adesso so’… No, amici, nessuno sa. Persino Kristos(si riferisce al Cristo,Gesù) si apre continuamente a maggiori realizzazioni, e libera un po’ di più di ciò che È ogni volta che contempla il Padre Suo… e Suo Padre apre altre porte, ed altre ancora… Così va l’energia del cosmo, eternamente in espansione e tuttavia eternamente perfetta." Nel dire queste parole, il Fratello Djwal Khul si volge verso di noi e qualcosa di lui ci investe come un’onda di beatitudine. “Fratello, esclama infine uno di noi, riusciremo mai a dire tutto questo? Gli uomini s’ammazzano tra loro e tu ci chiedi di spiegar loro cose che persino tu, forse, esiti a spiegarci.”



 CAPITOLO 4. SPEDIZIONI ALLA SCOPERTA DELLA TERRA CAVA E DEI SUOI ABITANTI




Storicamente l'argomento della Terra Cava,di Agartha e Shamballa,sono stati temi talmente radicati nelle leggende culturali che l'idea di un mondo dentro ad un altro mondo,pulsante di vita,in armonia con il nostro pianeta, ha sempre incuriosito l'intera umanità. Gli indizi sono molti. Molte scoperte scientifiche hanno dimostrato che la cavità terrestre è molto più complessa di quanto ipotizzato. Catene montuose sotterranee più grandi dell'Himalaya e oceani sotterranei immensamente più vasti rispetto ai nostri oceani di superficie, sono solo alcune delle scoperte più incredibili che la geologia ha fatto nel terzo millennio. Tante sono le spedizioni,i racconti e le storie di ricercatori,esploratori e marinai convinti di aver calpestate terre quasi paradisiache,terre tante strane quanto meravigliose,abitati da esseri evoluti sia spiritualmente che tecnologicamente. Vediamo alcune di queste testimonianze.
 


L'OSSESSIONE DI HITLER E DELLA GERMANIA NAZISTA VERSO SHAMBALLA E AGARTHA



Nel corso della storia anche l'impero nazista di Hitler si interessò alle terre sotterranee di Agartha e Shamballa. Numerose furono le spedizioni organizzate per ricercare queste terre mitologiche. Il 19 gennaio 1939, cinque membri delle Waffen-SS, le temute truppe d'assalto naziste di Heinrich Himmler, partirono per il Tibet, luogo in cui si sosteneva esistesse Shamballa, la terra nascosta in cui un sistema sociale straordinariamente perfetto e pacifico aveva un modello per contrastare le trasgressioni che affliggevano il resto dell'umanità. Piuttosto, la perfezione ricercata dai nazisti era un'idea di perfezione razziale che avrebbe giustificato le loro opinioni sulla storia del mondo e sulla supremazia tedesca. Tuttavia,ulteriori spedizioni vennero organizzate nelle Ande, nelle montagne del Mato Grosso nel Nord e le montagne di Santa Catarina nel Sud del Brasile, in Cecoslovacchia e in alcune zone dell’Inghilterra e dell'Italia. Ma sembra che i tedeschi nazisti trovarono finalmente l’accesso a questo mondo in Antartico(Polo Sud) e nelle vicinanze vi installarono nel 1938 la famosa base 211. L’Ammiraglio Generale Karl Dönitz riferendosi alla base segreta diceva nel 1943:"La flotta sottomarina Tedesca è orgogliosa di aver costruito per il Fuhrer, in un’altra parte del mondo, uno Shangri-La(sinonimo di Shamballa) impenetrabile." Non molto tempo fa, fu ritrovata una mappa top secret appartenuta al Terzo Reich nazista. In questo documento si fa riferimento a misteriosi passaggi sottomarini che avrebbero permesso agli U-Boat tedeschi di accedere a ” Misteriose Regioni Sottomarine della Terra “. Unitamente a questi documenti, sarebbe stata ritrovata anche una mappa completa di entrambi gli emisferi terrestri, ma anche la mappa del misterioso Regno di Agarthi. Inoltre tra questi documenti decisamente Top Secret fu rinvenuta una lettera che si presume possa essere stata scritta da Karl Unger un componente dell'equipaggio del sottomarino U-Boat 209,che fu comandato da Heinrich Bodda. In questa lettera si evinceva che l'equipaggio in questione aveva raggiunto l'interno della Terra,e che non sarebbe tornato indietro.
"Caro vecchio compagno! Questa notizia sarà una sorpresa per voi. Il sottomarino U-209 ce l'ha fatta! La Terra è cava! Il dottor Haushofer e Hess avevano ragione. Tutto l'equipaggio sta bene, ma non possono tornare, non siamo prigionieri. Sono sicuro che questa notizia ti arriverà, è l'ultimo collegamento dell'U-209. Ci rivedremo Compagno. Sono preoccupato per tutti coloro che devono passare la vita sulla superficie della Terra da quando il Fuhrer è andato via. Dio benedica sempre la nostra Germania.”


 



Figura 3: A sinistra la lettera scritta in tedesco e a destra la traduzione in inglese.


 Ma c'è dell'altro! In un altro documento,sarebbe presente la spiegazione minuziosa delle manovre da adottare con il sottomarino per navigare al meglio nei condotti marini e raggiungere l'accesso per Agartha:
"Decente nel punto con le coordinate: Intersezione esatta: 64 ° di latitudine sud e 1 ° di longitudine est, fino a una profondità di 400 metri. Le istruzioni devono essere seguite rigorosamente!
1. Decente, dal punto di decente a mezza velocità, una declinazione a stella di 10 ° con un angolo di declinazione della pesantezza dell'arco di 5 °. Distanza 188 mq. Profondità data - 500 metri. (A causa del movimento all'interno del corridoio la pressione sul corpo della nave durante le manovre è insignificante)
2. Salita, completamente pianeggiante con assetto di poppa, angolo di risalita 23 ° con inclinazione sinistra di 22 °. 190 metri in su. Distanza 755 mq.
3. Manovra difficile! Risalita a piena velocità con assetto di poppa, angolo di risalita 41 °. Procedi dritto. 110 metri in su, distanza 21,5 mq. Successivamente declinazione starbo ard di 8 ° fino a risalire in superficie ad una distanza di 81mq.
4. Procedere in superficie all'interno della grotta con un'inclinazione a dritta di 8 °, Distanza 286 mq.

5. Manovra di Schwieriges! Discesa. Con una inclinazione della pesantezza dell'arco di 45 ° fino a una profondità di 240 metri, Distanza 60 mq. Successivamente con una declinazione del porto di 20 °, in corrispondenza della quale prosegue la discesa a 310 metri fino all'imbocco del corridoio. Dopo la boa dei 310 metri è necessario continuare la discesa pesante con l'arco. Angolo di discesa 7 ° fino a 360 metri, distanza 70 mq. Ulteriore declinazione di dritta di 31 ° ad una profondità di 380 metri.
6. Discesa, prua pesante, angolo di risalita 22 °, 100 metri verso l'alto con una inclinazione a sinistra di 26 °. Distnace 43 mq.
7. Salita. Assetto di poppa, angolo di risalita 45 °, dritto fino a raggiungere la superficie di Agartha. Distanza 70 mq.
8. Procedi ad Agartha. Piena velocità. Procedi dritto finché non si vede la nuova luce. Cambio dei poli magnetici. Le modifiche dell'ago e degli strumenti della bussola devono essere ignorate. (Ulteriori istruzioni nel pacco Nr.3 solo quando arrivati ad Agartha per essere aperto)"

 





Come si intuisce dalle lettere e dai documenti che abbiamo messo a vostra disposizione, la Base tedesca 211 rimase operativa anche dopo la caduta dell'impero nazista. Non sappiamo per quanto, ma gli stessi Americani erano ben informati sull’esistenza di queste strutture ed erano del tutto intenzionati ad espugnarle. Ma ritorneremo su questo argomento nei prossimi capitoli.



L'ESPLORATORE DI GROTTE PORTATO NEL MONDO INTERIORE 




Nel 1954, lo speleologo George Weist, insieme ai suoi amici, stava esplorando un ramo di caverne collegate al sistema di Mammoth Cave nel Kentucky. Inaspettatamente, Weist perse l'equilibrio e cadde nella fessura tra il muro della caverna e il pavimento. Incapace di localizzare il loro amico, il resto del gruppo tornò in superficie per chiedere aiuto, ma George non venne mai trovato e venne dato per morto. Diverse settimane dopo, Weist riapparve vicino a casa sua a Glasgow, nel Kentucky, con un bizzarro racconto sulla sua scomparsa. Disse ai suoi amici che dopo essere scivolato attraverso la fessura cadde in una fossa profonda dove si trovò nel buio più totale con la gamba intrappolata tra le rocce. Provò a gridare per attirare l'attenzione, ma diventò subito chiaro che si era perso senza speranza di essere salvato. Weist non aveva idea di quanto tempo fosse rimasto intrappolato nell'oscurità soffocante. Senza riferimenti esterni, il tempo aveva perso ogni significato. Proprio quando aveva quasi perso la speranza, sentì una strana vibrazione nel pavimento. Ben presto iniziò a sentire un suono simile a un macchinario da qualche parte nell'oscurità. Mentre il suono diventava più forte, Weist iniziò a chiamare pensando che un gruppo di ricerca lo avesse trovato. Alla fine, vide un debole bagliore che si rese conto proveniva dalle luci portate da un piccolo gruppo di persone che immediatamente si misero al lavoro liberandolo dalla sua situazione. A causa delle ferite e dell'esaurimento, Weist non riuscì a ricordare molto dopo quel punto. Ricordava di essersi svegliato su un lettino in quella che sembrava una clinica medica scarsamente arredata. La porta si aprì presto e una giovane donna vestita con un "pantalone tailleur" di colore azzurro entrò nella stanza portando i suoi vestiti puliti e stirati. La donna era alta, con i capelli biondi e gli occhi "del colore blu più brillante" che Weist avesse mai visto. L'uomo si rese conto di essere completamente nudo e si vestì velocemente, notando che la gamba che rimase intrappolata nelle rocce ora sembrava completamente illesa e priva di dolore. Per tutto il tempo la donna rimase a guardare. Weist provò a chiederle dov'era e da quanto tempo era lì, ma la donna rimase fastidiosamente silenziosa. Quando ebbe finito di vestirsi, la donna gli fece cenno di seguirla e i due lasciarono la stanza. Uscendo, Weist rimase sbalordito nel vedere un paesaggio che gli era totalmente sconosciuto. Sembrava che si trovassero su una pianura coperta di fiori con montagne innevate in lontananza. "La bellezza mi ha tolto il fiato", ha detto. Il cielo era sereno e azzurro, ma il sole aveva un aspetto strano, ricordò Weist. Sembrava più piccolo, più tenue e aveva un leggero colore rossastro o ramato. "Potevo guardarlo direttamente senza avere fastidio agli occhi", ha detto. Ma la vista che scosse l'uomo fino in fondo fu la consapevolezza di non poter vedere alcun orizzonte. "Dietro di me c'erano alte montagne", ha detto Weist. "Ma di fronte a me c'era una terra piatta che si estendeva in lontananza. Invece di un orizzonte, sembrava di essere sul fondo di un'enorme ciotola con i lati che salivano in ogni direzione e che alla fine scomparivano nel cielo." Prima che Weist avesse la possibilità di contemplare l'ambiente circostante per molto tempo, fu avvicinato da un gruppo di uomini che gli fece cenno silenziosamente di seguirlo. Come la donna, gli uomini erano tutti simili nell'aspetto; alti, con capelli biondi, occhi azzurri e mani con dita insolitamente lunghe. Ancora una volta, Weist provò a chiedere dove fosse, ma i suoi ospiti rimasero stranamente in silenzio. Venne portato in un'area dove parcheggiati per terra c'erano diversi oggetti metallici "a forma di pallone da calcio". Uno di questi aveva una porta aperta con una rampa estesa in cui fu rapidamente accompagnato. Una volta dentro, uno degli uomini alti si avvicinò a Weist e gli sorrise ampiamente, la prima vera espressione che qualcuno di loro avesse esibito, e mise le mani su entrambi i lati della testa di Weist. Questa è l'ultima cosa che ha ricordato fino a quando non si è svegliato appena fuori città. George Weist non aveva alcuna spiegazione su quello che gli era successo fin quando diversi anni dopo, si imbatté in un articolo sulla rivista Flying Saucer di Ray Palmer. L'articolo trattava la teoria della Terra cava e dalla sua descrizione,Weist sentiva che la sua strana esperienza era in qualche modo collegata al mondo interiore.
 

 

ROBERT STACY JUDD: IL MISTERIOSO INCONTRO ALL'INTERNO DELLA GROTTA

 

Robert Stacy Judd, era un inglese, nato a Londra nel 1884, dove studiò architettura e morì nel 1975.Robert Stacy-Judd era un architetto inglese coinvolto nel Revival Maya, un movimento architettonico fiorito durante gli anni '20 e '30. Questo stile si è ispirato all'arte e all'architettura delle civiltà mesoamericane precolombiane. Una delle opere più famose di Stacy-Judd, ad esempio, è l'Aztec Hotel, costruito nel 1924, sulla US Route 66 a Monrovia, nella San Gabriel Valley, in California. Inutile dire che Stacy-Judd era estremamente appassionata dei Maya. Oltre alle sue opere architettoniche, la passione di Stacy-Judd si è manifestata nelle sue esplorazioni della civiltà Maya e nei suoi scritti sulla loro architettura. Il 3 gennaio 1931 apparve un articolo sul Modesto News-Herald intitolato "Il mistero dell'eremita della grotta di Loltun". L'articolo raccontava l'incontro tra un uomo di nome Robert Stacy-Judd e un vecchio eremita Maya, quando il primo si perse mentre esplorava la Grotta di Loltun con diverse guide indigene.


 



IL RACCONTO DEI FATTI: 
Uno tra i tanti luoghi che Stacy-Judd esplorò fu la grotta di Loltun (che significa "Pietra dei fiori"). Questa grotta si trova nella penisola dello Yucatan, a circa 5 km (3,11 miglia) a sud della città messicana di Oxkutzcab. Questa grotta contiene manufatti archeologici, inclusi dipinti murali, relativi alla civiltà Maya dell'era tardo pre-classica, e forse furono questi che spinsero Stacy-Judd a esplorare la grotta di Loltun. Secondo Stacy-Judd, la sua è stata la "quinta spedizione per tentare un'esplorazione di questo immenso territorio sotterraneo", l'architetto e appassionato Maya era accompagnato da tre persone del luogo che avrebbero fatto da guida e lo avrebbero aiutato ad esplorare le numerose stanze e cunicoli senza perdersi. Per poter ritrovare la via del ritorno dalla grotta, Stacy-Judd aveva una guida posizionata in un punto in cui si poteva avere una vista della parte illuminata della grotta. Quindi, andando più in profondità, lasciò la seconda guida in un punto in cui la sua voce poteva essere ascoltata dal primo uomo. Poi andò più in profondità nella grotta con la terza guida.
Perso!
 
Mentre i due uomini stavano esplorando la caverna, un'enorme roccia si staccò dal soffitto e si schiantò sul punto in cui si trovavano Stacy-Judd e la sua guida. Fortunatamente per loro, si erano tolti di mezzo poco prima che ciò accadesse. Il suono della roccia che si schiantava fece sì che la prima guida abbandonasse la sua posizione, mentre entrava nella grotta per scoprire cosa fosse successo. Di conseguenza, non riuscirono più a trovare la via per uscire dalla grotta. Trovata la seconda guida, i quattro uomini tentarono di tornare sui propri passi nella speranza di uscire dalla grotta. A un certo punto, Stacy-Judd raggiunse un'apertura stretta e, penetrandola, entrò in una grotta. Mentre stava per tornare indietro, vide qualcosa che lo fece fermare. Una piccola luce, seguita da una testa e da una forma umana, si levò da un mucchio di rocce. Quando Stacy-Judd ebbe una visione più chiara della figura, vide che si trattava di un "vecchio vestito con una veste bianca" Stacy-Judd chiamò le sue guide, che furono in grado di comunicare con il vecchio mentre parlavano la stessa lingua. Sebbene l'esploratore e le sue guide non parlassero un linguaggio comune, Stacy-Judd fu informato da loro, tramite segni, che l'uomo era un prete Maya che stava custodendo un tesoro e disse loro di averli visti con chiaroveggenza e sapeva che si erano persi. Inoltre, gli venne detto che il sacerdote aveva 1000 anni. Stacy-Judd pensava che fosse un'esagerazione, ma riteneva che l'uomo avesse "ben più di cento anni". Alla fine, il vecchio capì che si erano persi e li guidò fuori dalla grotta. Gli uomini furono molto grati e chiesero all'eremita dove vivesse,l'eremita disse loro che la grotta era la sua casa e che emergeva ogni pochi mesi. Quando gli fu chiesto come è riuscito in questi anni a sopravvivere dentro la caverna, come ha trovato cibo e acqua da bere, disse che era curato da amici che vivevano nella bellissima città interna nel profondo della Terra.  Stacy-Judd scrisse che dopo che erano usciti dalla grotta "ha preso sia fotografie che immagini in movimento di lui", e "ha premuto alcune monete nelle sue mani avvizzite, non nel senso di una ricompensa, ma semplicemente come una piccola espressione del nostro apprezzamento ”,prima di partire.


NOTA: D'ora in avanti le informazioni che affronterai saranno di una portata maggiore. Leggerai concetti, storie e testimonianze non facili da metabolizzare. Alcune di esse potranno sembrarti fantasiose e bizzarre, e ti comprendiamo, non neghiamo che in alcuni casi anche noi del nostro Team ci siamo trovati completamente spiazzati e a bocca aperta. Ma piano piano osserverai magicamente quanto ogni pezzo si inserirà perfettamente in questo mosaico complesso in cui riecheggia la parola di Agartha e Shamballa. Come già ripetuto, questo è un lavoro volto ad unire tutti i puntini, le testimonianze e i documenti ufficiali presenti, noi odiamo parlare per sentito dire, e se già conoscete il nostro progetto, sapete quanto la nostra stessa rivista Scienza Spirituale e i nostri articoli, si basano su questa logica. Sei libero di credere o no a ciò che leggerai. L'obiettivo di questo libro non è certamente imporre certe nozioni ai lettori ma piuttosto stimolare la vostra conoscenza. 




CAPITOLO 5. IL REGNO DI AGARTHA E DI SHAMBALLA
 


 IL REGNO DI AGARTHA


 

Secondi i miti,i testi antichi e le testimonianze dirette,all'interno del nostro pianeta esiste un luogo in grado di ospitare la vita. Il nome più attribuito a questo territorio è il Regno di Agartha, una società sotterranea abitata da una popolazione evoluta con una tecnologia superiore rispetto all'uomo di "superficie". Gli accessi per Agartha sembrerebbero numerosi:l’Antartide, il Polo Nord, il Tibet, il Perù,l'Italia e altri luoghi sono stati di volta in volta identificati come punti di ingresso,in grado di condurre nelle viscere di questo Regno Sotterraneo. Qui dimorerebbe il Re del Mondo, colui che rappresenterebbe l'Uno, ed influenza la coscienza globale e le energie terrestri. Secondo quanto riportato, ad Agartha esiste una religione unica,in grado (per mezzo di pratiche mistiche) di porre l’uomo in totale comunione con Dio. Tutte le grandi religioni attuali trarrebbero le loro origini proprio dalla religione primordiale di Agharta, così come tutte le tradizioni particolari sarebbero in fondo solo adattamenti della grande tradizione primordiale Agarthiana. Una testimonianza a conferma di questa società sotterranea arriva dal libro "Reunification of the populations of Inner and Outer Earth:Rodon of Agartha speaks to the Humans of Outer Earth." di Marie Reymond
 Tradotto:"Riunificazione delle popolazioni dell'Interno e dell'Esterno della Terra:Rodon di Agartha parla agli umani della Terra Esterna." (Acquista QUA la versione in Inglese)
 
Questo libro canalizzato telepaticamente (NOTA:analizzeremo più a fondo cosa sia la canalizzazione e i vari libri canalizzati nel Capitolo 8), spiega minuziosamente il legame che esiste da millenni tra la popolazione terrestre della "superficie" con quella "interna". Sarà proprio Rodon, un cittadino di Agartha, a spiegare alla lettrice e medium, il percorso evolutivo che l'umanità sta affrontando e che dovrà affrontare per fronteggiare al meglio la grande trasformazione che la Terra subirà nei prossimi secoli. In questa particolare testimonianza,Rodon dona numerose informazioni su Agartha e i meccanismi della società interna :"Potresti trovarlo sorprendente da sentire. Dopotutto, non va contro tutto ciò che credevi di sapere sulla tua Terra, il tuo pianeta natale? Anche la tua scienza sofisticata non si è occupata molto del tuo pianeta finora. Eppure le leggi fisiche della Terra e il suo posto nell'interazione cosmica erano e sono le sue aree di ricerca preferite. Tuttavia, c'è una popolazione di nome Agartha che vive all'interno della Terra. Fa parte del pianeta. Fa parte della tua casa. “ “La popolazione di Agartha vive in comunità agrarie. Non abbiamo grandi agglomerati urbani. Siamo tutti collegati gli uni agli altri con le nostre capacità telepatiche. È simile a Internet, ma non richiede l'elettronica che utilizzi. Ogni Agarthiano è connesso a questa rete e può dialogare di conseguenza con la propria gente. Abbiamo anche un sistema economico che aiuta le persone a scambiare i propri beni e servizi tra di loro. Anche se abbiamo anche una sorta di valuta, non è paragonabile alle valute della Terra Esterna. È semplicemente un commercio di mezzi che regola i bisogni tra gli Agarthiani. Quando parliamo di ricchezza, intendiamo la nostra realizzazione interiore e il nostro amore per il Creato. Abbiamo a malapena qualche bisogno materiale. Il nostro percorso evolutivo ci ha insegnato a materializzare i nostri desideri e ad assoggettarli al Tutto più grande. Non siamo soggetti a sforzi egoistici. Agiamo come una comunità, come un "NOI". Svilupperai anche tu il processo evolutivo che ti porterà dall'"Io" al "Noi" nei prossimi decenni. Questo ti renderà compatibile con le famiglie cosmiche e interiori terrestri. Questo obiettivo sarà completamente nuovo per te, ma riunificherà la famiglia umana. La nostra filosofia di vita è ancora opposta alla tua, ma il percorso verso la Luce, con tutte le tue trasformazioni che vi accompagneranno nel prossimo futuro, insegnerà alle civiltà della Terra Esterna modi migliori per vivere."



 IL REGNO DI SHAMBALLA




Secondo la leggenda, Shamballa sarebbe un regno mistico e misterioso nascosto da fitte nebbie tra le montagne più elevate dell’Himalaya, a cui solo i puri di cuore possono accedere, un luogo eterno e protetto in cui predominano pace, quiete e felicità. Il Regno di Shamballa è parte del Regno di Agartha, potremmo fare un'analogia con l'Italia (Agartha) e lo Stato del Vaticano (Shamballa). Qui,vivono Esseri superiori che hanno raggiunto l'illuminazione, Esseri capaci di cose inaudite, in grado di usare ancora quell’energia che noi, uomini di superficie, abbiamo ormai dimenticato ad usare, l’energia chiamata Vril. Un’energia che, volendo, può essere ancora risvegliata, in quanto è presente ancora in tutti noi, ma è “addormentata”. Shamballa viene anche soprannominata “La Terra dei Mille Nomi” poiché nel corso della storia è stata chiamata in diversi modi da molti antichi popoli. Infatti, oltre ai tibetani,anche i russi, cinesi e indiani tramandano leggende simili riguardo l'esistenza di un’antichissima dimora che sarebbe abitata da uomini e donne perfetti, che vivono in costante presenza di energie di altri piani vibrazionali. Il significato “esterno” considera Shamballa come un luogo fisico, reale, tangibile, raggiungibile però soltanto da individui dotati dalle più alte virtù e in possesso di un karma puro. Come ha fatto notare il 14 ° Dalai Lama durante l'iniziazione del Kalachakra nel 1985 a Bodhgaya, Shamballa non è un paese normale:
"Sebbene quelli con un'affiliazione speciale possano effettivamente essere in grado di andarci attraverso la loro connessione karmica, tuttavia non è un luogo fisico che possiamo effettivamente trovare. Possiamo solo dire che è una terra pura, una terra pura nel regno umano. E a meno che non si abbia il merito e l'effettiva associazione karmica, non si può effettivamente arrivarci."

Secondo le descrizioni tibetane, il regno di Shamballa ha la forma di un gigantesco loto a otto petali. Tra gli otto petali del loto ci sono otto catene montuose inferiori lungo le quali scorrono i fiumi di Shamballa. All'interno di questo anello interno di montagne, leggermente rialzato sopra i petali del loto, si trova Kapala, la capitale di Shamballa. Stiamo parlando di una città eterea, occupata da magnifici palazzi costruiti con metalli preziosi e gemme: oro, argento, smeraldi, perle, turchesi, coralli e così via.
Nicholas Roerich (1874-1947), un noto esploratore russo, scrisse che Shamballa era situata nelle vicinanze del Deserto del Gobi. Viaggiò attraverso la Mongolia e la Cina fino ai confini del Tibet dove, durante una conversazione con un Lama, gli venne riferito che " La Grande Shamballa è il potente dominio celeste. Non ha niente a che fare con la nostra Terra. Solo in alcuni luoghi, nell'estremo nord, puoi discernere i raggi splendenti di Shamballa ". Affermò che l'ingresso era nel profondo delle alte montagne. Il Lama disse anche a Roerich:
"Shamballah è sempre vigile nella causa dell'umanità: vede tutti gli eventi della terra dal suo "specchio magico" e la potenza del suo pensiero penetra in tutte le terre lontane. Innumerevoli sono gli abitanti di Shamballah. Numerose sono le splendide nuove forze e conquiste che si stanno preparando per l'umanità."

Ulteriori conferme sulla Città di Luce  arrivano dal libro del Lama tibetano Lobsang Rampa "Una visita nelle terre di Agartha". (NOTA:puoi scaricarlo gratis dal sito ufficiale QUA)
 In questo libro, il Lama tibetano racconta le vicende di un viaggio ai limiti della realtà accompagnato dal suo maestro e guida,Mingyar Dondup, verso le profondità di Agartha. E' bene precisare, da quanto sostenuto fermamente dall'autore, che gli eventi descritti sono tutti fatti realmente accaduti. Egli descrive così la Città Celeste: " La capitale di Agharta è la città eterica di Shamballa la quale è la più elevata espressione di questa civiltà interna e vibra su frequenze astrali. Qui è concepita e istituita l’idea creativa ed il programma astrale per le Terre in evoluzione. A Shamballa dimorano straordinari esseri che vibrano alle più alte frequenze dell’Universo. Essi sono esseri liberi, padroni della vita. Essi costruiscono il destino. Costoro vestono abiti sontuosi e leggeri di bellezza e arte incomparabili, impreziositi con oro e arabeschi multicolore. Essi sono di statura più alta della media umana con forti e fondamentali caratteristiche che potrebbero somigliare a quelle 
della gente della Polinesia. Sfortunatamente, noi non eravamo puri abbastanza da visitare Shamballa. Anche se eravamo in grado di trascendere lo stato vibrazionale della superficie del nostro mondo per entrare in Agharta, eravamo ben lontani da quelle pure anime che vivevano a Shamballa."

Nel libro "Viaggio a Shamballa" citato già precedentemente nel precedente capitolo, ritroviamo per ovvi motivi una descrizione dettagliata della Città di Luce e della sua architettura quasi irreale. Precisiamo anche qua, secondo quanto sostenuto dagli autori Anna Givaudan e Daniel Meurois, i fatti presenti sono tutti eventi realmente accaduti.

"Sono certamente cupole che formano, nell’insieme, una specie di struttura architettonica bellissima che unisce meravigliosamente in sé la Terra, l’Aria e un Fuoco sottile; che dire d’altro? Tutto pare così smisurato anche in confronto alle migliori opere dell’uomo che conosciamo… È la luce stessa, ad esser stata scolpita? È la montagna, animata da un alito solare, a generare quella vita? Forse l’uno e l’altro. Ma per quale suprema energia, per quale senso armonico? Arriviamo rapidamente davanti ad un porticato, oltre il quale luccicano alcune delle costruzioni che avevamo intravisto, con le cupole, i colonnati ed i muri virginei: l’insieme ha la nobiltà d’un vero palazzo, nonché la sua semplicità, perché neppure un’idea di lusso ci sfiora la mente. Inoltre esso appare come un logico sviluppo della Natura, la materializzazione dell’idea del Bello, al di fuori d’ogni superfluità. È davvero possibile tutto questo sulla Terra? Dove siamo? Le linee greche, mongole, azteche si combinano nella più perfetta armonia, sposandosi sotto le vaste cupole aeree e quasi traslucide: non ci resta che fermarci ad ammirare.  Nulla a che vedere con l’architettura futurista: qui hanno attinto alle fonti del Vero, di ciò che è totalmente presente in abbondanza, come sospeso nel cosmo. Il materiale usato per la costruzione ci è sconosciuto, e fa pensare alla pietra, sebbene non lo sia: forse solo l’alabastro potrebbe reggere un poco il confronto… ma un alabastro così vivo… luce condensata… pensiero cristallizzato d’un Essere puro… Ci costa una gran fatica volgere lo sguardo altrove, perchè la sua struttura sembra appartenere ad un mondo diverso."
Anche nel libro "Agartha:The Earth's Inner World"  , Tradotto: “Agartha: Il Mondo Interiore Della Terra" (ACQUISTA IN INGLESE: QUA) scritto da Mariana Stjerna, ritroviamo una descrizione della Città di Luce. In questa storia auto-biografica che analizzeremo più dettagliatamente nel capitolo 14, ritroviamo narrate le vicende di un uomo canadese, Timothy Brooke, il quale racconta di essere naufragato nelle terre misteriose di Agartha,più precisamente, nella Città di Telos, dopo una forte tempesta abbattutasi sulla sua barca che lo ha fatto naufragare nel Mondo Interno. Abbiamo tradotto per voi un passo molto interessante, in cui una ragazza di Telos, Sisilla, e un Maestro Illuminato, Maestro Saint Germain, accompagneranno Timothy e sua nonna nel Regno di Luce di Shamballa:

""Effettivamente fra poco, vedrai la Shamballa reale, genuina e almeno in parte fisica."affermò Sisilla.La fitta foresta e il sentiero senza pretese scomparvero. Era come se fosse stata tirata una tenda enorme dai nostri occhi. Una città scintillante, brillante, luminosa era disposta di fronte a noi. Shamballa! Il nome stesso causarono brividi di gioia e rispetto. "Shamballa!" esclamò la nonna, con l'adorazione negli occhi. "Dove sono presenti strade dorate, case di marmo e la presenza dell'alto seggio dei grandi Maestri. Vuoi dire che ci siamo davvero? "Si ci siamo!"  tuonò la voce allegra di Saint Germain. “La vedrai presto, Emilie!  Conosco bene questa città.  Parigi non fa paragoni! " Aveva appena finito di parlare quando sentimmo un terreno solido sotto i nostri piedi. L'esclamazione della nonna non era esagerata: stavamo camminando su una strada dorata.  Seguimmo poi Sisilla, non avendo idea di dove ci avrebbe portato. Ogni casa che passammo era una poesia architettonica, un tempio sacro. Non avevo mai visto edifici così belli. Gli occhi della terra difficilmente potrebbero immaginare una tanta bellezza;  era più come il paradiso. Sale luminose e scintillanti, persone che cantavano e sorridevano vestite di colori tenui, uomini saggi con aureole, giochi di colori sulle pareti, bambini che ballavano con musica celeste in sottofondo. Che altro si può dire dell'ineffabile?  Shamballa non è un'esagerazione.  È esattamente come sogniamo la sede della pace e dell'Amore. Era in parte simile alla Terra e in parte ultraterrena.  C'era qualcosa di fragile in queste persone che non erano così salde nella carne, erano enormi, a malapena erano umane, tranne che nella forma. Shamballa è un luogo vasto, con molte razze e diversi tipi di esseri. Innumerevoli erano le variazioni fisiche ma tutti avevamo un punto in comune: l'Amore Incondizionato per la Sorgente e per tutti gli Esseri. Il potere dell'Amore scorreva attraverso questa Città,attraverso questi palazzi,e tutto era così vivo da riempire i nostri cuori di una tale felicità da far quasi male."


L'UNICA PROVA CONCRETA DELL’ESISTENZA DI SHAMBALLA



Intorno alle leggende e i miti di Shamballa molti sono stati i pittori e gli illustratori che hanno usufruito della propria creatività per meglio rappresentare questo Regno Perduto. In particolar modo in Oriente, possiamo ritrovare numerose illustrazioni in cui l'uomo, nel corso dei millenni, ha cercato di rappresentare al meglio la perfezione materiale ed eterea di Shamballa. Ma anche se alcune di queste opere artistiche siano riuscite nell'impresa di immortalare questa perfetta creazione, la prova tangibile in grado di soddisfare il dubbio di una mente razionale non si è mai presentata nel corso di questi anni. Ragionando razionalmente, non poche sono state le persone ad aver avuto l'onore di accedere a Shamballa nell'ultimo secolo. Ma nonostante la tecnologia disponibile, nessuno è mai riuscito ad immortalare questi luoghi sacri, e non perché non ne fossero capaci, ma perché non ne erano autorizzati. Ebbene, siamo onorati ad essere il primo sito al mondo a rilasciare la prima prova tangibile dell'esistenza di Shamballa, un testimone italiano ha avuto, per gentile concessione da parte del Re del Mondo Anirudha, la possibilità di immortalare il Templio di Shamballa Minore e l'Illuminato Zeus, Guida dei Sacerdoti dell'Ordine di Melchisedek.

Questa foto è stata immortalato da Francesco Boemi,in arte Francesoji Mikado, Messaggero di Shamballa e Illuminato. Egli è uno dei rappresentanti di questa Città Celeste ed uno dei due testimoni italiani che ha prontamente partecipato al progetto e ha rilasciato un'intervista per il libro; fornendo preziose informazioni sul Re Anirudha e sulla disposizione del Regno di Shamballa (NOTA: L'INTERVISTA E' PRESENTE NEL CAPITOLO 16)





Figura 4: L’immagine è presente e reperibile anche sul profilo Facebook di Mikado Francescoji (QUA)

Abbiamo anche chiesto informazioni sulla natura della foto, cercando di capire la motivazione per cui la foto si presenterebbe in bianco e nero. Ecco cosa ci ha risposto Mikado Francescoji : "Il bianco e nero rappresenta l'antico o il tempo immortale di Shamballah o paradiso perduto. La bellezza non deve essere tramandata da una foto a colori, ma ciò che la foto immortala, il cuore del Paradiso Perduto dall'essere umano che lo ritrova prima nella sua Shamballah interiore e poi in quella materiale che possiede porte in ogni punto del mondo, affinché chi si Risveglia possa rientrare a casa."



CAPITOLO 6. FACCIAMO ACCESSO DENTRO IL REGNO MISTICO DI SHAMBALLA



IL PIANO VIBRATORIO DI SHAMBALLA



Il Regno di Shamballa vive su un piano vibratorio superiore, divenendo invisibile per la maggior parte delle persone. Potremmo considerarlo un luogo eterico che possiede materialità. Tuttavia data la complessità di questo concetto, condividiamo un passo del libro "Viaggio a Shamballa" in cui viene spiegato perfettamente il piano dimensionale del Regno Mistico. Perché si, sarà spiegato direttamente proprio da un Abitante e Illuminato di questo luogo sacro.
Tutto ciò che vedete qui, Fratelli, si trova in una zona eterica del nostro pianeta. E vi rendete ben conto che ‘eterica’ non significa ‘immateriale’!...Vi trovate in quella contrada che è il cuore della Terra: senza questo luogo, ogni vita degna di tal nome sarebbe del tutto disorganizzata ed il pianeta andrebbe verso uno stato di inaridimento. Questo cuore vibra su tre frequenze essenziali: ricordatevi questo particolare, che vi permetterà di capire molte cose. Queste tre frequenze (o tre lunghezze d’onda, per usare i vostri termini), danno luogo a tre tipi di manifestazione, a tre forme di vita. Sono anche tre vie per raggiungere l’ultima luce. Dovete capire che mi riferisco anche a tre piani d’esistenza, che contemporaneamente si sovrappongono e s’interpenetrano. Sono dette Agartha, Regno dell’Alto Re Go(non abbiamo idea a cosa si riferisca) e Shambhalla. La loro azione può essere identificata a quella dei semi, corpo anima e mente di ciò che nasce in ogni momento dalla terra. Lungo il cammino che vi ha portati qui, le vostre anime hanno scorto per un attimo un’alta, ricca e verde vallata, incassata fra le solitudini di ghiaccio: essa esiste davvero nella dimensione fisica del vostro pianeta, sebbene la vita umana in quel luogo si svolga soprattutto sul piano eterico. Pochi uomini sono coscienti dell’esistenza d’un simile luogo impenetrabile, alla superficie d’un mondo di cui si credono padroni. Le leggende hanno situato questa contrada nel deserto di Gobi, verso le sabbie di Shamo: le leggende dicono il vero, ma è bene lasciar loro il fascino dell’imprecisione. Certi elementi geografici non figurano ancora sulle carte umane, e non per tema di qualche visita, ma perché la purezza assoluta si sviluppa solo nella discrezione."



LA PROFEZIA DI SHAMBALLA



Come abbiamo già accennato,esiste una profezia sul futuro dell'umanità che riguarda Shamballa e il Re del Mondo:secondo Il Kalachakra attualmente a Shamballa sta regnando il ventunesimo Kulika (Re”). La profezia dice che durante il regno del venticinquesimo Kulika il nostro mondo verrà travolto da un conflitto di proporzioni gigantesche, preceduto da grandi carestie, epidemie e disastri naturali di ogni tipo. Durante quest’epoca l’umanità perderà quasi completamente il senso della spiritualità, essendo in vigore unicamente la legge del più forte e del materialismo spinto. Allora i “barbari” che seguiranno queste ideologie saranno uniti da un malvagio despota e, quando non ci sarà più niente da conquistare, le fitte nebbie si solleveranno e riveleranno le montagne innevate di Shamballa. I barbari allora attaccheranno il regno di Shamballa (l’unico luogo puro e intatto rimasto in un mondo avvolto dalle tenebre più oscure) con un esercito dotato di armi terrificanti. Sarà allora che il regno di Shamballa sarà costretto a rivelarsi per salvare l’umanità. L’esercito guidato dal Rudrachakrin (l’imperatore universale, chiamato anche “il Re del mondo”) uscirà dai confini del magico regno per affrontare in guerra il malvagio esercito. Il segno dell’avvenimento verrà dato da “grandi ruote di ferro che scenderanno dal cielo”: queste saranno le terrificanti armi di Shamballa. I cruenti combattimenti avverranno nei pressi della Mecca, in Persia (Iran) e in Turchia. Verranno usati mezzi bellici molto potenti e sofisticati, e alla fine Shamballa avrà la vittoria e trasformerà la Terra in un nuovo paradiso, inaugurando così una nuova e duratura “Età dell’oro”.


IL RE DEL MONDO



I regni di Agartha e Shamballa sono retti, abbiamo detto, dal Re del Mondo (Brahmâtmâ),Colui che ha il potere di parlare con Dio, il quale regna per un periodo limitato per poi lasciare il posto ad un altro Re. Rene Guenon nel libro "Il Re del Mondo" descrive Egli con queste parole " Egli è in comunione spirituale con tutti i suoi predecessori, i cosiddetti Manu, termine che indica un mediatore fra umanità e divinità, un essere che, attraverso la sua saggezza ha acquisito doti semi divine. Il concetto “Manu” esiste presso diversi popoli e, sorprendentemente, anche con la stessa radice linguistica;rammentiamo a questo proposito il Mina o Ménes degli Egizii, il Menu dei Celti e il Minos dei Greci. Un Manu sarebbe stato Gesù, Buddha, Mosè, Maometto e molti altri ancora.” Secondo le informazioni presenti nel testo sacro Kalachakra,testo prodotto da alcuni antichi maestri indiani e trasmesso poi in Tibet fino ai giorni d'oggi, l’attuale Re del Mondo si chiama Aniruddha (1927-2027), conosciuto come "Colui che attira e soggioga i tre mondi". Per rendere chiarezza a voi lettori e far arrivare alla vostra attenzione l'estrema potenzialità di questo testo sacro, la profezia sostiene che durante il Regno di Aniruddha il buddismo subirà un grave colpo e si troverà in un momento estremamente critico in cui rischierà l'estinzione. Si può osservare l'analogia tra l'attuale tragica situazione dei tibetani buddisti invasi e costretti a fuggire dalla loro terra natia per evitare le atrocità della dittatura cinese. Nel XX secolo la Cina occupò militarmente e politicamente le terre del Tibet. Numerosi furono i templi buddisti distrutti, e numerosi furono i tibetani buddisti uccisi e torturati da parte dei cinesi. L'attuale Dalai Lama dovette allontanarsi dalla propria terra natia per rifugiarsi in India.
Come riporta Francesco Mikado nel suo libro "Tre anni a Shamballah con Babaji il Cristos indiano" (Acquistalo QUA), i successivi Re del Mondo descritti dal Kalachakra saranno:
"23. Maheshvara (2127-2227) - Conosciuto come  “Trionfante sulle armate dei demoni”. 
24. Anantavijaya / Anantajaya (2227-2327) Conosciuto come “Detentore del Vajra e campana”. 
25. Raudra Chakrin, o Rudrin Chakrin  (2327- ?) Il Re del Mondo la cui venuta è stata profetizzata per aiutare gli esseri umani di questo mondo. Nel 2424 si manifesterà per sconfiggere la degenerazione, salvare il pianeta dalla distruzione e inaugurare un periodo d’oro di pace e prosperità per tutto il genere umano. Egli è l’ultimo Re di Shamballa profetizzato dal Tantra di Kalachakra. “


Una descrizione del Re del Mondo è presente anche nel libro "Viaggio a Shamballa", in cui la Guida Djwal Khul, descrive il potere e il livello evolutivo di questo Essere:
"Voglio dire che il Maha della Terra, come lo chiamano a volte, ha soprattutto la nobiltà d’un vero servitore dell’Uno; se alcune opere testimoniano delle sue apparizioni su di un maestoso elefante bianco, è per meglio colpire l’immaginazione della gente, imprimendosi profondamente nella memoria di coloro che cominciano ad ascoltare. Ci sono uomini la cui felicità consiste nell’averlo incontrato nei deserti infuocati o di ghiaccio, nella più significativa semplicità e per uno scopo preciso; le sue apparizioni però sono sempre brevi. In ultimo, il suo compito è di preservare l’incredibile sapere annesso all’intera evoluzione della Terra: potete vederlo un po’ come il guardiano delle mutazioni planetarie, e l’esperienza che acquisisce nel corso di questo suo compito servirà alla creazione d’altri mondi per la felicità di tutti. Il ‘Maha’, Fratelli, è già da adesso un ponte con i miliardi d’anni ‘a venire’, e sarà un ingranaggio del motore dei tempi che saranno generati e scoperti. Un altro suo compito è il mantenersi costantemente in rapporto con gli esseri responsabili del quarto mondo, che sono in dodici e fungono anch’essi da ponte, mettendo in armonia la Terra con le influenze planetarie maggiori, ma il loro lavoro è troppo inconcepibile per potervelo spiegare ora; non dovete perdervi in queste considerazioni, anzi, cancellatele dalla memoria se volete."



CAPITOLO 7. IL SIGNORE DEL MONDO, LORD SANAT KUMARA E L'ILLUMINATO DJWAL KHUL





Secondo quanto scritto da Wikipedia "Lord Sanat Kumara è un "Essere Avanzato" a livello cosmico di iniziazione che è considerato il "Signore" o "Reggente" della Terra e dell'umanità, similmente al Re del Mondo. Si pensa che sia il capo della Gerarchia Spirituale della Terra che dimora a Shamballa." Soprannominato anche “l’Anziano dei Giorni” o il “Signore del Mondo”, Lord Sanat Kumara affonda le sue radici storiche in tempi remotissimi, il quale venne sul nostro pianeta in forma eterica, e da allora è rimasto sempre con noi. Per l’estrema purezza della Sua indole, non poté adottare un corpo fisico come il nostro, e quindi ha sempre agito e agisce tuttora dal Suo corpo eterico. Nel libro "Trattato del Fuoco Cosmico" scritto da Alice Ann Bailey in cui vengono canalizzate le parole del Maestro Djwan Khul, Egli descrive l'essenza del Signore del Mondo Lord Sanat Kumara: "Sanat Kumara ed i suoi allievi sono nella forma fisica, ma non hanno preso dei corpi fisici densi. Lavorano sui livelli vitali eterici e dimorano in corpi eterici...A capo di tutto ciò che interessa il Pianeta, dirigendone tutta l’evoluzione, vi è il Signore del Mondo, Sanat Kumara…"Il Signore del Mondo, l’Unico Iniziatore, Colui che nella Bibbia è chiamato “l’Antico dei Giorni” e nelle Scritture indù il “Primo Kumara”, Sanat Kumara, è Colui che dal Suo trono a Shamballa, nel deserto di Gobi, presiede alla Loggia dei Maestri e tiene nelle proprie mani le redini del governo di tutti e tre i dipartimenti. Detto in alcune Scritture “il Grande Sacrificio”, Egli decide gli “avanzamenti” nei diversi dipartimenti e stabilisce chi occuperà i posti vacanti; quattro volte all’anno convoca tutti i Maestri ed autorizza ciò che dovrà essere eseguito per favorire i fini dell’evoluzione."
Immaginiamo tuttavia che la confusione stia iniziando a farsi breccia nella vostra mente, ed è capibile, nel giro di qualche capitolo la prospettiva è stata allargata esponenzialmente, aggiungendo Nomi e Ruoli mai nominati prima da quasi nessun testo antico o religioso. E non neghiamo che potremmo allargare ancor di più questa prospettiva , ma entrerebbero di mezzo altrettante variabili che renderebbero letteralmente questo testo "una mazzata al cervello". Vogliamo quindi chiarire, per rendere questa lettura semplice e coincisa, un dubbio che sicuramente si sarà materializzato nella vostra mente: qual è la differenza tra Sanat Kumara e il Re del Mondo? Chi è più importante? Innanzitutto è giusto precisare che quando si parla di gerarchie, in queste dimensioni, in cui la realizzazione e l'Amore rappresentano l'essenza della Loro Coscienza, termini del genere prendono una concezione totalmente diversa dal quelli presenti nella nostra umanità, in cui l'Ego è prevalentemente il protagonista principale delle azioni dell'Uomo. Sanat Kumara non è migliore del Re del Mondo come viceversa. Nella spiegazione che abbiamo analizzato prima di Djwal Khul, Illuminato di Shamballa, sull'identità del Maha della Terra o Re del Mondo, egli precisa un particolare concetto: "Un altro suo compito è il mantenersi costantemente in rapporto con gli esseri responsabili del quarto mondo, che sono in dodici e fungono anch’essi da ponte, mettendo in armonia la Terra con le influenze planetarie maggiori, ma il loro lavoro è troppo inconcepibile per potervelo spiegare ora; non dovete perdervi in queste considerazioni, anzi, cancellatele dalla memoria se volete." Che cosa ci dice precisamente Djwal Kool? Che il Re del Mondo fa da ponte con altri 12 Esseri che fanno a loro volta da ponte con  le influenze planetarie. Tradotto: il Maha della Terra è in stretta comunicazione con 12 Personalità,  che  fanno da ponte con le organizzazioni delle Famiglie Cosmiche  e  le Energie e i cambiamenti della nostra Galassia.  Lord Sanat Kumara,  si ritiene  sia l’Anima più Ascesa tra  questi Dodici Esseri. In sostanza quindi, il Re del Mondo è Colui che governa le Energie Terrestri ed influenza il destino dell'Umanità, mentre Sanat Kumara ha un ruolo più vasto perché Egli è Colui che influenza e gestisce le influenze terrestri in rapporto con quelle Galattiche. Penso sia chiaro il motivo per cui Djwal Khul dichiara "Non dovete perdervi in queste considerazioni,anzi, cancellatele dalla memoria se volete". Perché si aprirebbero innumerevoli variabili in grado di rendere il percorso spirituale, di colui che ricerca la Verità, estremamente tortuoso o almeno inizialmente, molto confuso. E anche noi seguiremo il suo pensiero, eviteremo di inserire ulteriori dettagli e maggiori informazioni sui Dodici , chi sono e i loro ruoli, perché diverrebbe una lettura troppo complessa. Abbiamo già tanto di cui parlare.



IL MAESTRO ILLUMINATO TIBETANO DJWAL KHUL



Se avete seguito attentamente questa lettura, vi sarete resi conto che il nome di Djwal Khusia apparso più volte attraverso i racconti del libro "Viaggio a Shamballa" e nell’ultime citazioni canalizzate da Bailey. Si tratta del solito Maestro Illuminato, benchè in uno comunichi fisicamente mentre in un altro telepaticamente,ma sempre di Djwal Khul si tratta.


Figura 5: Il Maestro Tibetano Djwal Khul (Maestro D.K.) ritratto da: Annie Gowland nel 1931 nella prima foto e  Patricia Ludlow su incarico di Douglas Baker nella seconda.



Concedeteci qualche parola sul Maestro Illuminato Djwal Khul. Logicamente Egli non è stato solo uno dei protagonisti del libro "Viaggio a Shamballa" e dei numerosi libri scritti da Alice Ann Bailey. Il Maestro D.K è stato nel XX secolo un Maestro Illuminato tibetano che per la sua predisposizione a servire ed a compiere qualunque cosa occorreva, fu chiamato il "Messaggero dei Maestri", anche per la sua grande erudizione. Negli anni '50 lasciò il suo corpo fisico ormai vecchio per divenire cittadino di Shamballa. Ecco alcune sue parole nel libro "Trattato di Magia Bianca" canalizzate da Alice Ann Bailey che possono far comprendere la profonda saggezza di questo Maestro Illuminato:
" Le opere che ho scritto sono offerte al pubblico senza alcuna pretesa che vengano accettate. Esse possono essere, o non essere, corrette, vere e utili. Sta a voi accertarne la verità con la retta pratica e l’esercizio dell’intuizione. Né a me né ad Alice A. Bailey interessa minimamente che vengano accolte come ispirate, né che tutti ne parlino concitatamente come di scritti di uno dei Maestri. Se esse presentano la Verità in modo tale da costituire una continuazione degli insegnamenti già dati al mondo; se le informazioni impartite elevano l’aspirazione e la volontà di servire dal piano delle emozioni a quello della mente (il piano ove i Maestri possono essere trovati), allora avranno servito al loro scopo. Il nostro insegnamento non ha la pretesa di imporsi per autorità, né i nostri libri si appoggiano su alcun principio d’autorità gerarchica, come fanno la Chiesa Cattolica, la Scienza Cristiana, quelli che credono nell’ispirazione verbale delle scritture, e altre sette, organizzazioni cosiddette esoteriche hanno fatto e fanno, creando in tal modo limitazioni e barriere. Frasi bisbigliate come: “Coloro che sanno desiderano ...”, “II Maestro dice ...”, “I Grandi Esseri ordinano ...” sono state la sventura di molti gruppi, e i deboli e gli stolti ciecamente si prostrano all’obbedienza. Con la loro devozione mal riposta credono di mettersi in contatto con personaggi autorevoli e accedere al regno dei cieli per qualche scorciatoia."

Inoltre il Maestro D.K. ha rivelato questa importante notizia: "Il Cristo ritornerà… nel momento in cui sarà raggiunto un punto d’equilibrio, nel momento in cui quelli che sono dalla parte della separazione e del materialismo, del totalitarismo o di qualunque regime imposto (e di conseguenza un’unità dominata dal male), e quelli che sono dalla parte della libertà dell’anima umana, dei diritti dell’individuo, della fratellanza e dei giusti rapporti umani, avranno forza, posizione e influenza uguali, allora le porte della Gerarchia si apriranno, in senso simbolico, e il Cristo verrà con i suoi discepoli." Da: "Esteriorizzazione della Gerarchia", pag. 651-652



MESSAGGIO DI LORD SANAT KUMARA, CANALIZZATO TELEPATICAMENTE DA MARIA LAURA VERDI




"Questa è alleanza,è UNIONE!Abbiamo parlato di Alleanza tra gli uomini ma in questo periodo così confuso e difficile non basta più,è ora di allargare il concetto di Alleanza. Non siete solo voi uomini sul Pianeta, è da tempo che alcune voci coraggiose e forti stanno portando la Verità: la Terra è cava all'interno e ospita Mondi, Mondi Spirituali molo evoluti, Civiltà altissime che da milioni di anni abitano il Pianeta, sto parlando di Shamballa,di Eldorado,di Agartha. Perchè tanto silenzio attorno a questi "Paradisi terrestri"? Non dovete temere queste civiltà, sono Esseri evoluti, multidimensionali che vivono dentro la Terra, in città bellissime, splendenti dove gli animali convivono tranquillamente, dove gli uomini comunicano con gli animali, con le piante, con gli elementi, dove tutto è Armonia. E voi sulla Terra ignorate questa realtà e se qualche voce porta in superficie la Verità, viene derisa, non ascoltate e allora Io, Sanat kumara, sostengo le sorelle di Agharta attualmente incarnate in Terra che hanno il coraggio di parlare a platee a volte indifferenti,addormentate. La verità è che tre Civiltà potenti amano Madre terra,lavorano per Gaia e quindi per l'Evoluzione di tutti voi, Esseri della Terra.E' giunto il tempo di onorare queste Civiltà, non si tratta di miti o di fiabe, no è realtà e Loro vi difendono, stanno combattendo in questo momento contro l'Ombra dentro la Terra e nei cieli. Sono i vostri Alleati. Cominciate a credere che non è fantascienza, invocate l'alleanza e l'aiuto di questi Esseri di luce, padroni di alte tecnologie che usano e useranno sempre per il Bene, per la luce. Unitevi quindi alla terra cava perennemente in contatto con i Fratelli delle stelle,con i Grandi Maestri di saggezza. Io Sanat Kumara tutto controllo, tutto seguo nella speranza che vuoi uomini finalmente vi svegliate e riconosciate chi vi sta porgendo la loro Energia e aiuto. E' un anno particolare questo, un anno che vedrà l'Umanità fare un salto evolutivo, piccolo o grande che sia, sarà importante, ma avete bisogno veramente di protezione e di aiuto quotidiano. Sono sempre con voi.Sanat Kumara" 



CAPITOLO 8. VI PRESENTIAMO TRE CITTADINI DI AGARTHA




Questo capitolo è stato essenzialmente scritto per necessità. Nonostante le tematiche particolarmente delicate e complesse, l’obiettivo che si pone questo libro è quello di rendere concetti elaborati e articolati di facile comprensione per chiunque desideri approfondire le tematiche di Shamballa e Agartha. Siamo quindi obbligati , per una migliore larghezza di vedute, a dover necessariamente chiarire alcune informazioni che prossimamente affronterete nel corso della lettura. In questo capitolo quindi, analizzeremo tre personalità, o meglio, tre cittadini di Agartha, che ,grazie alle loro testimonianze, vi daranno la possibilità di comprendere ogni contesto e ogni funzionamento della Terra Cava e del Regno di Agartha. Vogliamo chiarire quindi chi sono, qual è il loro ruolo in Agartha e come sono riusciti ad interagire con le persone di superficie. Questo perché come già detto, saranno tante le loro dichiarazioni che leggerete nel corso dei prossimi capitoli, perciò sarà essenziale e di vitale importanza comprendere l’autenticità della fonte.



CANALIZZAZIONI E TELEPATIA



Se siete già esperti del mondo spirituale ed occulto, non vi sorprenderete ad udire concetti come telepatia e canalizzazione. Tuttavia per i meno esperti e per chi, si approccia da poco tempo ai concetti mistici della spiritualità , la canalizzazione rappresenta l’azione di connettersi telepaticamente con Esseri o Spiriti di altre dimensioni e riportare le loro parole per iscritto o verbalmente. Niente di più niente di meno. E’ logico che si tratta di un processo mentale ed energetico che non tutti  riescono a sfruttare, ma ciò non toglie che chiunque non possa svilupparlo. La telepatia è semplicemente un attitudine che deve essere sbloccata, non è un dono, ma bensì un potere assopito presente in tutti gli Esseri Umani. Migliaia sono stati i libri scritti attraverso canalizzazioni, e molti di questi sono diventati anche best-seller. Prendiamo per esempio tutti i libri  di Lee Carroll, in cui vengono canalizzate le parole di Kyron, Essere Multidimensionale che negli anni ‘90 e 2000 ha fornito informazioni inedite e profonde sul cambiamento di coscienza che in quel decennio stava iniziando a manifestarsi. Altri best-seller sono stati i libri dei coniugi Hicks, che poco più di trent’anni fa iniziarono a dialogare telepaticamente con un gruppo di maestri spirituali disincarnati definiti con il nome di Abraham, diffondendo tutti i segreti e i meccanismi della Legge di Attrazione. Potremmo parlare della già citata Alice Bailey, autrice di famose opere di spiritualità e canalizzatrice del Maestro Djwal Khul o di Madame Blavatsky, canalizzatrice delle saggezze del cittadino di Shamballa Morya. Insomma, la lista potrebbe essere veramente lunga, ma ciò che conta è comprendere il potenziale presente dentro l’essere umano e come, molti aspiranti spirituali, siano riusciti a sfruttarlo per il bene dell’umanità.


LE TRE CANALIZZAZIONI



Logicamente questo preambolo è stato costruito per giungere con chiarezza  al nocciolo della questione. Le informazioni messe a disposizioni da questi tre Abitanti di Agartha sono avvenute tramite canalizzazioni telepatiche. Il primo si chiama  Adama ,canalizzato da Dannie Robbins e Aurelie Louise Jones,   nel libro “TELOS: Rivelazioni della Nuova Lemuria”  nel libro “TELOS (collana suddivisa in quattro volumi) . Il secondo è Rodon,già citato nel quinto capitolo e canalizzato da Marie Reymond nel libro “Riunificazione delle popolazioni dell'Interno e dell'Esterno della Terra:Rodon di Agartha parla agli umani della Terra Esterna."  . E infine  il terzo, Mikos,canalizzato sempre dallo stesso autore Marie Reymond.

ADAMA SI PRESENTA



Chi è Adama?Saremo molto coincisi. Adama è un Maestro Asceso e abitante di Agartha, più precisamente della Rete Agartha. Egli abita nella città di Telos situata sotto il Monte Shasta(Canada,USA) a qualche chilometro di profondità. Egli è un Essere di quinta dimensione, ciò vuol dire che è in grado di trascendere alcune logiche presenti nella nostra dimensione, ovvero la terza.



Figura 9:Unico ritratto illustrativo disponibile del Maestro Adama e Saggio di Telos.


Tratto dal libro “TELOS”.Adama: “Saluti, miei cari amici, È davvero con grande gioia ed eccitazione nei nostri cuori che noi di Telos ci connettiamo, nell'energia dell'amore, con tutti voi che vi sentite attratti dalle Rivelazioni della Nuova Lemuria. A nome del Consiglio Lemuriano dei Dodici di Telos, il re e la regina di Telos, Ra e Rana Mu, e tutti i vostri ex fratelli e sorelle dell'attuale civiltà Lemuriana, vi diamo il benvenuto nel Cuore di Lemuria, il Cuore della compassione. Siamo davvero i sopravvissuti di quella potente civiltà e, con grande sorpresa di molte persone sulla superficie, vi riveliamo in questo momento importante dell'evoluzione della Terra, che siamo reali. Viviamo a Mount Shasta, in California, e siamo isolati dalla popolazione della superficie da circa 12.000 anni . È giunto il momento, miei cari, che le nostre due civiltà si riuniscano di nuovo. Uno degli scopi principali dei nostri scritti è quello di aiutare a stabilire le fondamenta necessarie per preparare il nostro eventuale emergere tra di voi. La lunga notte oscura che ci ha separati per così tanto tempo è finita. Stiamo progettando di emergere tra voi nel prossimo futuro per riunirci in amore, saggezza e comprensione con quelli di voi che sono pronti. È nostro sincero desiderio insegnarvi ciò che abbiamo imparato dall'affondamento del continente Lemuriano e aiutarvi a creare voi stessi e il tipo di paradiso che abbiamo creato per il nostro popolo. Abbiamo forgiato il sentiero per te e quando condividiamo questo livello superiore di saggezza e comprensione spirituali, sarà molto più facile per te seguire le nostre orme. Cammineremo fianco a fianco con te lungo la strada. È particolarmente toccante per noi vedere le nostre informazioni pubblicate in diverse lingue, perché siamo consapevoli che raggiungeranno una popolazione molto più ampia del pianeta. Molte anime in altri paesi sono pronte e desiderose di riconnettersi con noi e con l'aspetto di se stesse che viveva nel continente Lemuriano. Molti di voi che sono attratti da questo materiale hanno, fino ad oggi, ex membri della famiglia che vivono a Telos o nell'odierna Lemuria. Questi familiari e amici ti amano così tanto e non vedono l'ora di riconnettersi con te. Molte delle nostre persone a Telos, che hanno ex membri della famiglia che vivono in superficie, hanno imparato la tua lingua per comunicare con te con facilità al momento della nostra comparsa. Vi chiediamo, miei cari, di prendere a cuore le nostre informazioni e di fare uno sforzo cosciente per creare un ponte di amore e comunicazione tra le nostre due civiltà. È quel ponte di amore e ricettività dal vostro cuore al nostro che ci porterà a voi in un modo più tangibile. Attendiamo la tua risposta. Invocateci nei vostri cuori e saremo al vostro fianco, sussurrandovi e cantando il nostro "canto di unione e unità". Tutti noi difendiamo la tua vittoria. Siamo sempre disponibili per aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi e i desideri del cuore. Sono Adama, il tuo fratello Lemuriano. 



MIKOS DI AGARTHA VI DA IL BENVENUTO



Chi è Mikos? Mikos è un abitante del Regno di Agartha. Egli è il guardiano della Libreria di Porthologos (il capitolo 17 è dedicato a questa Libreria Universale) in cui sembrano essere immagazzinate tutte le memorie dell’Universo. Anche lui è un Essere di Quinta Dimensione come Adama, perciò comunicare attraverso il canale telepatico sarà assolutamente facile e naturale. Tratto dal libro “Messages From The Hollow Earth”. Mikos:"Per favore accetta questo invito ora e inizia un viaggio nel mondo misterioso in cui vivo. Benvenuti nella Terra Cava. La mia gente vi accoglie con gioia, amore e serenità. Possano tutti i tuoi viaggi nella letteratura essere meravigliosi e belli come le informazioni che si trovano davanti a te ora. Benvenuti, carissimi figli. Benvenuti Queste pagine sono sacre, perché il loro contenuto contiene il potente potere di cambiare il mondo, se solo un numero sufficiente di persone superficiali le leggesse. Questo è il nostro scopo nel dettarti i nostri messaggi. Significa accelerare il cambiamento in superficie in modo che le persone siano di nuovo connesse al loro sé divino e fonte di guida interiore. Hai aspettato migliaia di anni per ascoltare i nostri messaggi, ed è solo ora che la vibrazione è abbastanza alta da permetterci di farci avanti e parlare con te.
Saluti, miei compagni di viaggio sulla Terra! È Mikos, che vi parla oggi dall'interno della Terra Cava, che è la nostra casa. Siamo qui da milioni di anni, evolvendoci lentamente negli Esseri Divini che siamo. La nostra evoluzione ha fatto passi da gigante a causa dell'isolamento e dell’essere avvolti nel grembo di Madre Terra. Tutte le nostre vite sono state trascorse in pace e beatitudine, grazie alla nostra posizione. Esistiamo qui in pace e tranquillità a causa della vicinanza al battito del cuore della Madre Terra. Più profondamente si va nella Terra, più profondamente si sente il battito della Terra. E più si sente il battito del suo cuore, più si risuona con le sue qualità di divinità. Quindi questa vicinanza ci ha portato, nel corso dei millenni, alla nostra unità con tutta la vita e alla nostra gioia di esistere. Tutta la vita conosce questa unità, eppure la maggior parte della vita deve ancora sentirla nei loro corpi esterni.”


RODON DI AGARTHA SI PRESENTA



Rodon: “Consentitemi di presentarmi prima che vi lasciate trasportare dal contenuto di questo libro. Il mio nome è Rodon e appartengo alla popolazione di Agartha, che condivide la Terra con te. Tuttavia, non viviamo sulla Terra Esterna, ma nella Terra Interna. Questo fatto da solo può essere difficile da accettare e da comprendere per te. Pertanto, noi di Agartha abbiamo deciso di contattare i nostri fratelli terrestri in questo modo. La vostra ascensione nella Quinta Dimensione ci permetterà presto di riunirci per dominare insieme il destino terrestre e cosmico della Terra. In questo libro, rappresento il mio popolo. Sono il loro portavoce e agisco nel loro spirito. Tutto quello che dico, lo dicono anche i miei fratelli e le mie sorelle. Mantengo sempre uno stretto legame con loro. La nostra società ha profondamente integrato la quinta dimensione e siamo tutti mentalmente connessi l'uno all'altro. Pertanto, non vedermi come una singola persona, ma come tutta la gente di Agartha. Detto questo, spero vivamente che possiate sentire il nostro amore per voi in questo testo e che sosterrete la riunificazione di tutte le popolazioni della Terra. “




CAPITOLO 9. L'UMANITA' STA ENTRANDO IN UNA NUOVA ERA




NOTA:Invitiamo i lettori a fare attenzione a questo capitolo. Comprendere i concetti presenti qua dentro,sarà essenziale per capire la Profezia di Shamballa e le decine di testimonianze che affronterete nel corso della lettura.


Gli astrologi di tutto il mondo sembrano concordare sul fatto che l'umanità stia procedendo verso il passaggio di una nuova Era. Più precisamente l'Era dell'Acquario o Età dell'Acquario. Secondo quanto scoperto dalla scienza,ogni duemila anni l'umanità attraversa ciclicamente un percorso di  trasformazione influenzato dalle qualità energetiche di queste Ere. Nessuno sa esattamente la data precisa in cui avverrà o è avvenuto il "Grande Passaggio",anche perché l'intervallo di transizione è molto ampio,ma gli studi indirizzano questo cambiamento a ridosso del 2012. Anche il calendario Maya,di cui tanti ne hanno ampiamente parlato,sostiene che il 21 Dicembre 2012 sia stato un punto di svolta per l'intera umanità. Tuttavia anche le scritture sanscrite e le numerose canalizzazioni di Kryon menzionano questi modelli.
Wikipedia descrive questo nuovo percorso evolutivo con queste parole "Per l'astrologia ogni era riflette le caratteristiche della costellazione di cui fa parte manifestandole a livello sociale, economico, politico, culturale e comportamentale per la Terra, ed essendo un periodo molto lungo, le caratteristiche cominciano ad aver luogo circa 70 anni dopo la data ufficiale del suo inizio. È dal tardo XX secolo che si sente già parlare di "Era dell'Acquario", molto spesso riferendosi erroneamente al movimento New Age, che potrebbe invece considerarsi, nell'attendibilità di questa corrente di pensiero, solo una conseguenza di questa Era. Tra le caratteristiche principali dell'Acquario che si ritroverebbero nell'era attuale, ci sono la solidarietà, la democrazia, la fratellanza, la ricerca di uno stile di vita nel rispetto dell'ambiente, l'umanitarismo, l'apertura di idee, e lo sviluppo di nuove tecnologie (si veda a tal proposito la rivoluzione "democratica" e "tecnologica" avvenuta e che sta avvenendo negli ultimi decenni a seguito dell'avvento del personal computer, e ancora di più, della rete Internet). Allo stesso modo l'apertura mentale e senza pregiudizi vede il fallimento di vecchi schemi sociali o religiosi e delle tendenze culturali costrittive per la libertà di scelta dell'individuo. Sono tipici dell'era dell'Acquario anche la ricerca di cure alternative, discipline orientali e il ritorno alla meditazione come ricerca interiore di sé stessi e ribellione, intesa come anticonformismo e ricerca del nuovo. Tutte queste caratteristiche, tipiche dell'epoca attuale, portano gli astrologi a considerare imminente l'arrivo dell'era dell'Acquario, che prenderà avvio esattamente nel 21 Dicembre 2020 con la congiunzione dei pianeti Giove e Saturno."

Come potete notare Wikipedia inserisce questo passaggio ufficiale il 21 Dicembre 2020,ma ormai,qualunque sia la data,ci siamo già dentro!



LE CONSEGUENZE DI QUESTA NUOVA ERA



Come sottolinea Adama Sesay, astrologa e creatrice di Lilith Astrology, ci sarà un grande cambiamento nelle dinamiche del potere in questa era. "Per eoni il potere è rimasto nelle strutture gerarchiche tradizionali e oppressive, e le loro convinzioni hanno dettato la nostra realtà", dice Sesay. " Nell'era dell'Acquario il potere si sta trasferendo all'individuo e ti dà la libertà di scegliere la tua realtà in base a ciò che è in linea con la tua anima." 
Queste energie metteranno in moto un cambiamento epocale: una migliore collaborazione internazionale, un senso di solidarietà e unità in grado di abbattere tutti i confini nazionali saranno solo alcuni delle conseguenze di questa imponente trasformazione vibrazionale . I confini stessi svaniranno, visti finalmente per le divisioni immaginarie che sono realmente. Influenzati da queste energie di cambiamento,anche la rappresentanza governativa verrà trasformata positivamente, una vera democrazia che si prenderà veramente cura dei bisogni delle persone. E non solo per il breve periodo, ma in considerazione di tutti coloro che faranno parte in futuro di questa "Nuova Società" . Quando la fede nelle divisioni e nelle separazioni svanisce, riguadagniamo la nostra appartenenza alla fratellanza di questo pianeta. Ci vediamo ancora una volta come fratelli di tutte le creature e servitori del benessere della Terra. Estenderemo naturalmente gentilezza, compassione e cura a tutti gli esseri, poiché possiamo percepire noi stessi come un'unica coscienza. Ci sposteremo dal concetto di "IO" al "NOI",iniziando a percepire l'intera umanità come una grande famiglia.

Questo cambiamento è introdotto nella profezia di Shamballa, ma anche in quella di Babaji di Badrinath e di tantissimi altri profeti come per esempio Nostradamus. L'Umanità si sta apprestando ad un cambiamento difficilmente comprensibile per la nostra razionalità.
Tutto ciò viene confermato anche nel libro: "Reunification of the populations of Inner and Outer Earth:Rodon of Agartha speaks to the Humans of Outer Earth." di Marie Reymond (Acquista la versione in inglese QUA)
Tradotto:"Riunificazione delle popolazioni dell'Interno e dell'Esterno della Terra:Rodon di Agartha parla agli umani della Terra Esterna." da Rodon,un cittadino di Agartha.
Rodon,cittadino di Agartha,sostiene che questa Era,questo processo di trasformazione, eleverà la vibrazione dell'umanità accompagnandola verso nuovi stati e nuove percezioni. Questa evoluzione permetterà agli abitanti della superficie interna ed esterna di riunirsi in un'unica grande famiglia: " L'energia accelerata degli ultimi decenni ha portato le popolazioni della Terra Esterna nella Quinta Dimensione, per accompagnare il nostro pianeta mentre continua il suo viaggio nella Luce. Questo progresso evolutivo ora richiede che tutte le popolazioni della Terra si uniscano, non importa se vivono sulla Terra Esterna o nella Terra Interna. Tutti noi siamo intrecciati e procederemo insieme nel nostro viaggio nella Luce. Siamo tutti uno, cittadini della Terra, della Terra o di Gaia. Com'è possibile che una popolazione viva all'interno della Terra? Vivono nell'oscurità? Cosa mangiano? Queste e molte altre domande sorgeranno quando pensi a una popolazione che vive all'interno della Terra. Dal tuo punto di vista, queste domande sono giustificate. Dopotutto, sai che la Terra è una sfera su cui splende il sole. Non dimenticare che, non molto tempo fa, credevi che la Terra fosse piatta!... La Terra è in movimento in tutto il mondo. Fuoco, acqua e terremoti cambieranno e trasformeranno intere regioni della Terra Esterna. La loro gravità e cadenza sono destinate ad aumentare man mano che la Terra si trasformerà nuovamente per sviluppare una densità vibrazionale a cinque dimensioni. Questa grande evoluzione riguarderà principalmente la Terra Esterna. Deve ancora liberarsi da un sacco di scorie negative del suo passato. Integrare qualcosa di nuovo significa sempre lasciare andare qualcosa di vecchio in cambio. Hai familiarità con questo principio dai tuoi processi di vita. Le strutture vecchie e obsolete devono essere demolite per formare il substrato per la costruzione di nuovi paradigmi contemporanei. Questa era attuale è caratterizzata da intensi cambiamenti, sia nelle vostre aree personali e sociali, sia in quella terrestre. Noi di Agartha siamo profondamente consapevoli dei tuoi cambiamenti. I cambiamenti della Terra sono anche i nostri. Ora vorrei parlare a chi è più razionalmente incline. Verrà il momento in cui dovrai mettere da parte i dati che hai accumulato nei tuoi studi per acquisire nuove informazioni multidimensionali. Imparerai a padroneggiare la tua vita quotidiana con tutti i tuoi sensi. Riscoprirai la materia. La densità della materia cambierà quanto più impulsi di Luce raggiungeranno la Terra. Dovrai imparare un nuovo approccio a questo. La materia spirituale o piena di Luce è soggetta a paradigmi diversi da quelli a cui sei abituato. Questo nuovo accesso alla materia sarà per te sconcertante e affascinante. Gestirlo sarà molto più semplice e ti consentirà di implementare progetti che sembrano fantastici o addirittura utopici se visti oggi... La luce si divide in vari colori quando colpisce la Terra. Quello spettro di Luce aumenterà ancora di più e ora invierà anche qualità a cinque dimensioni per supportarti. Queste sono nuove proprietà che devi integrare. La materia è continuamente spiritualizzata. Questo ti consentirà di implementare meglio la tua parte nella creazione. Credimi che l'uso di questa materia cambiata ti affascinerà e ti permetterà di realizzare più facilmente i tuoi desideri. Naturalmente anche i vostri corpi sono fatti di materia terrestre."

Un’altra importante conferma arriva dal libro "TELOS" di Dianne Robbins(Acquista la versione in inglese QUA) dalle parole di Adama, Saggio di Telos: "Veniamo da voi oggi per portare un messaggio di grande importanza; un messaggio che tutti stavate aspettando. Abbiamo iniziato l'Ascensione della Terra e il suo ingresso nella Cintura Fotonica. Sappi che noi, qui nelle città sotterranee e nella Terra Cava, siamo tutti preparati per questo grande passaggio nel Sole della Luce di Dio. Tutti noi qui a Telos aspettiamo questo grande giorno. Perché questo sarà il momento in cui, finalmente, potremo emergere dalle nostre case sotto la vostra superficie e salutarvi sopra il suolo come uguali nella Luce. Adama è qui per portarvi un ulteriore aggiornamento dei piani dell'Ascensione per il pianeta Terra. Sappi che i tuoi fratelli e sorelle di Luce di altre galassie e sistemi stellari sono qui in gran numero a monitorare la tua Terra. Sono pronti a mettere in atto i piani necessari per l'Ascensione del pianeta Terra e di tutti i suoi abitanti. Tuttavia, per essere efficaci, dobbiamo aspettare che le Direttive del Padre, l'UNICO CREATORE di tutti, ci dia il comando di iniziare ad attuare la nostra parte del piano, in modo che coincida con la parte Divina del piano dell'Ascensione. Ci sono molti fattori coinvolti qui, uno dei quali, principalmente, è lo stato di coscienza di massa prevalente sulla Terra. La coscienza di massa deve essere in una modalità ricettiva in concomitanza con le onde dell'Ascensione per essere sollevata in massa. La tua frequenza o lunghezza d'onda deve vibrare su una certa banda d'onda per agganciarsi alle onde dell'Ascensione. Questo è il motivo per cui non vogliamo iniziare prematuramente; sono necessarie le condizioni esatte e l'ora esatta. Sappiamo che l'attesa sembra interminabile, ma vi assicuriamo la sua importanza nel portare a termine alla perfezione il Piano Divino."


Anche dal libro "La mia visita alle terre di Agharta" di Lobsang Rampa abbiamo una spiegazione di questa trasformazione che l'umanità si sta apprestando a sperimentare : “Qui si riuniscono le anime illuminate di questo Pianeta (NOTA:Qua il maestro di Lobsang si sta riferendo ad Agharta)”, il Maestro continuò, “presto verrà il tempo in cui grandi cambiamenti avranno luogo sulla Terra. Questi cambiamenti saranno l’inizio di una grande trasformazione per tutta l’umanità. L’umanità deve imparare a lasciare andare il proprio modo egoistico di agire e vivere per aiutare i propri fratelli. Molto presto i nostri confratelli dalle stelle si uniranno a noi. Essi ci stanno osservando da lungo tempo in attesa che noi raggiungiamo il crocevia della nostra evoluzione spirituale. Quando il tempo avrà terminato il suo corso, saremo invitati ad unirci a loro e vedere da noi stessi le meraviglie di cui il Creatore ha fornito questo Universo.”


Un’altra eclatante conferma arriva dal libro "Io Extraterreste:viaggio nella coscienza-messaggi spirituali da Sirio B" di Tonini Marina. Adama nella precedente testimonianza ha accennato alle famiglie cosmiche di altre Stelle e Sistemi Solari. Non c'è niente da stupirsi,e sicuramente molti di voi ne erano già pienamente coscienti,non siamo soli. E sarebbe una pazzia pensare una cosa del genere. Le Famiglie Cosmiche sono un argomento strettamente collegato alle civiltà interne perciò abbiamo ritenuto giusto inserire anche questa testimonianza. La scrittrice narra di essere entrata in contatto,prima telepaticamente poi fisicamente,con gli abitanti di una lontana Stella chiamata "Sirio B".Non ci dilunghiamo troppo perché non è nostro obiettivo"divagare" e rendere questa lettura troppo complessa. Lo abbiamo già specificato nel capito su Shamballa. "Dal cosmo stanno arrivando delle frequenze più veloci. Dal punto di vista che voi chiamate geofisico si stanno preparando dei cambiamenti che vanno di pari passo con l’evoluzione fisica e spirituale. Ciò riguarda tutta la creazione: non solo il vostro mondo, ma anche noi e altre popolazioni che vivono nella vostra Galassia. Una serie di concomitanze stanno cambiando radicalmente la realtà fisica. E' giunto il tempo per una maggiore consapevolezza, che possa risvegliare la vostra parte spirituale, in modo che riscopriate la vostra vera natura. Il vostro corpo fisico sta subendo delle trasformazioni; comincerà a vibrare molto più velocemente e le frequenze cosmiche che vi investiranno cambieranno la vostra densità in uno stato più leggero. Il vostro DNA subirà dei mutamenti. La parte del genoma che la vostra scienza considera di scarto riprenderà vita, ricollegando i suoi filamenti che da due passeranno ad essere dodici. Ciò creerà la connessione con la parte divina che ognuno di voi contiene e che sarà risvegliata da questa onda di fotoni proveniente dallo spazio. Tutto questo seguirà un ordine ben preciso che ci riguarda tutti. Il cambiamento a cui state andando incontro è decisivo per poter comprendere il concetto dell’Unità. L’unità è Amore e attraverso l’Amore voi riscoprirete la Vita. Avete dimenticato che non siete soli. Chi saprà accogliere la nuova visuale sarà facilitato e avrà tutto ciò di cui necessita. "




CAPITOLO 10. LA STORIA E L'ORIGINE DI ALCUNE CIVILTA' PRESENTI NEL REGNO DI AGARTHA





L'origine del regno sotterraneo di Agartha affonda le radici in epoche remote difficilmente databili, talmente antiche da avvolgere questo Regno in un grande velo di mistero. Tutte le testimonianze che abbiamo in possesso,ripropongono esattamente il solito concetto: in passato una civiltà molto evoluta, per alcuni motivi, decise di lasciare la superficie della Terra per rifugiarsi al suo interno. E' un concetto molto forte che si scontra con le versioni ufficiali degli storici e che mette in discussione la vera storia dell'essere umano. Un concetto già illustrato nella conversazione tra Lobsang e il suo maestro Mingyar Dondup,e confermato in altre testimonianze che ora andremo ad analizzare. Sempre nel libro "Viaggio a Shambala",i nostri viaggiatori dopo aver attraversato astralmente le profondità della Terra , insieme al Maestro Djwal Khul, raggiungeranno il Regno di Agartha :

"E' il Fratello (NOTA:si riferisce l’autore a Djwal Khul) , seguito da uno di questi Esseri ed una donna, entrambi drappeggiati di giallo, con i capelli di media lunghezza, color cenere, e una pelle piuttosto scura, fortemente olivastra. Per un attimo restiamo interdetti: che luce, nei loro occhi! È una luminosità soggiogante, con qualcosa di non umano che forse ci turberebbe se non vi indovinassimo un’innegabile benevolenza; e d’altronde, come potrebbe essere altrimenti, in un luogo simile? Per prima parla la donna, e subito la sua voce sottile emerge senza difficoltà dall’onda potente che sale dall’assemblea: è come se risuonasse contemporaneamente in noi e fuori da noi, con accenti che scivolano fino in fondo all’anima… “Benvenuti, giacché è il Fratello che vi ha condotti fin qui! Vi trovate tra i membri d’una delle numerosissime comunità che costituiscono il gran popolo sotterraneo del pianeta. Siamo milioni, ripartiti sotto la superficie del globo, e aggiungiamo i nostri sforzi a quelli del Maha e di coloro che chiamate ‘la Gerarchia’. Già da più di dodicimila anni abitiamo quest’universo di roccia, che abbiamo fatto nascere captando in esso la luce e rendendolo ancora più vivo. Qui abbiamo una percezione diversa del tempo rispetto a voi, e se i problemi della superficie non ci toccano molto, materialmente, il nostro cuore comunque ne è greve. Siate dunque i benvenuti, perché è ora di aiutare gli umani a capire che è urgente modificare la loro mente. Se riuscirete a trasmettere loro questo appello, questo nostro grido, vorremmo però che lo ricevessero non come se provenisse da esseri misteriosi, semi-mistici e dai poteri ‘paranormali’, bensì sapendo che siamo quasi del tutto simili a loro, tranne che per il fatto che una diversa radioattività ed una diversa concezione dei mondi hanno scatenato in noi una mutazione fisica e psichica. Siamo umani anche noi, Fratelli, ed è questo che bisogna dire: umani che non vollero vivere il Diluvio e le sue conseguenze. Abbiamo lasciato il sole esterno nell’ultima fase di decadenza dell’impero atlante, ed abbiamo fatto un giuramento; a quei tempi facevamo parte di quelli che chiamate ‘i figli dell’Uno’, ovvero essenzialmente della classe sacerdotale. Abbiamo dunque giurato di non immischiarci più del mondo, sapendo che le sue forze distruttive un giorno o l’altro sarebbero ricomparse. Il nostro impegno fu tale da radicarsi nel nostro essere profondo, e rimane ancora alla radice del nostro Karma. Forse capirete, forse non l’ammetterete… Forse, da parte di ciò che eravamo fu un atto di viltà o d’egoismo, ma è ben ignorante chi si erge a giudice, perché neppure noi lo sappiamo. Ma capiamo che la Terra ed ogni creatura che vive alla superficie hanno bisogno di noi, dell’energia che possiamo produrre, e della favolosa totalità delle conoscenze raccolte per l’edificazione delle future umanità. Abbiamo fatto nostro questo compito, che facciamo per amore in riparazione d’un amore che un tempo forse non fu abbastanza grande o venne mal diretto…” Ci sale alle labbra un incontenibile interrogativo: 
Ma bisogna aprire le porte! Ora sì, che dovete venire alla luce del sole, e riconciliare l’uomo con se stesso: siete voi, ben più di altri, che potete cambiare le cose!…”
Sì, cambiare le cose… Questo grido di rivolta l’abbiamo già sentito migliaia di volte… Perdonate la mia apparente durezza, e cercate di capire che se risalissimo alla superficie interferiremmo direttamente con l’evoluzione degli esseri e delle società: non ne abbiamo il diritto. Ogni creatura, ogni civiltà, ogni razza, è dotata di vita propria, e la grande legge d’Amore vuole che si possa aiutare una forma di vita, ma non che se ne modifichi il corso.... Venire alla luce nelle vostre società per aprir loro una porta della realtà, sarebbe come condannarle all’implosione.”

Ma sottilmente, goccia a goccia, con tutta la saggezza che emana questa assemblea, potreste lentamente…”

Non temete: è ciò che facciamo. Da millenni, e soprattutto ora, si sono stabiliti innumerevoli contatti con certi uomini dell’esterno, soprattutto capi di Stato; non voglio dire invano, ma quasi… tuttavia, così doveva essere. Il nostro scopo ultimo, e sappiamo che si realizzerà, è l’elaborazione d’un solo governo mondiale. Non assomiglierà a nessuno di quelli oggi concepibili sulla Terra, e anche la mente più idealista riuscirebbe solo a coglierne un’immagine deformata. Ma ciò che vogliamo non è farvi sognare, amici: la vita umana si riassume da sé già anche troppo in un sogno, dal quale bisogna liberarsi. I Grandi Esseri di cui tentiamo di farci interpreti, desiderano che le scorie dell’attuale mente terrestre si polverizzino: la vostra mente vi mente! Quest’analogia di suoni nella vostra lingua non va vista come un semplice gioco di parole: è una similitudine rivelatrice. Ma notate bene che ho detto la ‘vostra’ mente, ovvero la mente degli uomini attualmente incarnati sulla superficie della Terra! Soltanto il cuore d’Amore vi aiuterà a modellare diversamente le vostre facoltà razionali; non dubitatene, perché la forza mentale seminata dalla Divinità in ogni creatura è in realtà un abbraccio di pace, un dono totale in grado di strutturare dei mondi."


Anche nel libro "Reunification of the populations of Inner and Outer Earth:Rodon of Agartha speaks to the Humans of Outer Earth." di Marie Reymond Tradotto:"Riunificazione delle popolazioni dell'Interno e dell'Esterno della Terra:Rodon di Agartha parla agli umani della Terra Esterna." (Acquista qua), troviamo una spiegazione simile.

"A volte, può essere più intelligente scendere a compromessi per evitare situazioni potenzialmente fatali. La mia gente ha fatto un tale compromesso. La situazione di vita nei nostri continenti di Mu e Lemuria minacciava le nostre vite e ci costringeva a lasciare la nostra amata casa alle spalle. Una varietà di disastri naturali, come piogge torrenziali e attività sismica, hanno annegato per sempre i nostri continenti nell'oceano. La nostra gente era altamente spirituale e viveva con una densità di energia diversa da quella a cui sei abituato sulla Terra Esterna. Per la mia gente, la materia della Terra era una raccolta vivente di pulsazioni di Luce. Era una materia da plasmare, disponibile per essere usata dai processi di Luce dell'umanità. Si è fusa con loro per creare un nuovo territorio. Alcuni dei miei non hanno scelto di fuggire. Volevano diventare più strettamente connessi alla loro casa: alla Terra. Non avevano alcun desiderio di abbandonare le vibrazioni che avevano sviluppato insieme. Volevano costruire nuove opportunità insieme alla Terra. Con il loro processo congiunto di Luce, hanno creato una nuova casa per se stessi nei regni interni della Terra, piuttosto che su di lei all'esterno. Come già accennato, avevano la capacità di gestire la materia e di creare e progettare la loro casa secondo i loro desideri e bisogni. Una parte considerevole della mia gente ha scelto questo percorso per preservare le proprie conquiste spirituali e per fuggire dal ciclo di crescente densità della materia sulla Terra Esterna. Ho iniziato questo capitolo menzionando un compromesso. Sì, la mia gente ha scelto questo compromesso.”
Rodon nel corso del libro riprende questo delicato argomento più di una volta:"Come ho detto, eravamo in un processo di Luce progredito quando vivevamo ancora sulla Terra Esterna e avevamo già raggiunto la Quinta Dimensione. I nostri astronomi e astrologi sapevano che la Terra, con il suo sistema solare, si sarebbe allontanato lentamente dalla Luce; e che l'umanità sarebbe caduta più profondamente nella materia, cioè in una densità vibratoria inferiore. Per la nostra continua sopravvivenza, la nostra decisione di mantenere la nostra densità vibrazionale a cinque dimensioni ci ha richiesto di lasciare la superficie della Terra. Questa separazione dal resto dell'umanità fece sì che altre culture altamente sviluppate seguissero l'esempio. La storia più "recente" della Terra offre gli esempi dei Teotihuacani, degli Inca e dei Maya. Quelle popolazioni non solo sono scomparse, ma si sono unite a noi, grazie alla loro conoscenza multidimensionale della materia. A causa delle loro alte vibrazioni, non erano più in grado di sopravvivere sulla Terra Esterna. Quelle persone sono sempre state in contatto con noi. Tuttavia non tutte quelle persone hanno intrapreso questa strada:alcuni di loro sono rimasti indietro. Il libero arbitrio è la legge più alta sulla Terra. Quelli che sono rimasti hanno protetto i loro luoghi sacri, che puoi ammirare ancora oggi, dove puoi sentire la loro alta energia spirituale."

Un’altra eclatante prova, giunge dal libro "Telos:rivelazioni della Nuova Lemuria Volume 1" scritto dalla scrittrice Aurelia Louise Jones(Acquista la versione in inglese QUA). Come abbiamo scritto in precedenza, la scrittrice medium e canalizzatrice, sostiene di aver ricevuto telepaticamente numerose informazioni sul passato di Lemuria e sulla città sotterranea di Telos da parte del Maestro di Telos Adama. In questa testimonianza abbiamo una spiegazione estremamente dettagliata dei fatti storici tra Lemuria e Atlantide e il motivo per cui scelsero di colonizzare le terre sotterranee. E' bene precisare tuttavia che le civiltà citate in questa testimonianza e nelle precedenti, non furono le prime ad insediarsi nella superficie interna, ma anzi, tra le ultime ad averlo fatto.

"Prima della caduta, i Lemuriani non si esprimevano in una forma fisica come conosci oggi,perchè in quel momento la Terra esisteva in una quinta espressione dimensionale. I Lemuriani hanno vissuto principalmente nei loro corpi luminosi della quinta dimensione, con la capacità di abbassare le loro vibrazioni per sperimentare livelli più densi ogni volta che sceglievano di tornare nella quarta e terza dimensione. Certo, questo è stato molto tempo fa, prima di quello che chiami "la caduta", che ha portato il graduale abbassamento in vibrazione della coscienza di questa meravigliosa razza e di tutti gli altri che vivono sul pianeta. La nostra gente, come molte altre civiltà,alla fine sono scese al livello della quarta dimensione, e in seguito, fino alla densità della terza. Questo calo di coscienza ha avuto luogo per un periodo di diverse migliaia di anni. L'età di Lemuria si è estesa da circa 4.500.000 A.C. a circa 12.000 anni fa. Fino all'affondamento dei continenti di Lemuria, e in seguito di Atlantide,visto che erano presenti sette principali continenti su questo pianeta. Le terre appartenenti al gigantesco continente di Lemuria ora sotto l'Oceano Pacifico includono Hawaii, Isole Pasqua, Isole Fiji, Australia e Nuova Zelanda. Il continente comprendeva anche terre nell'Oceano Indiano e nel Madagascar. La costa orientale di Lemuria si estendeva in California e parte della British Columbia in Canada.
Come risultato delle guerre,una grande devastazione ebbe luogo su Lemuria e Atlantide. 25.000 anni fa, Atlantis e Lemuria, le due più alte civiltà del tempo, combatterono l'uno contro l'altra sulla direzione di altre civiltà sul pianeta. I Lemuriani credevano che le culture meno evolute dovevano essere lasciate da sole per continuare la loro evoluzione secondo il proprio ritmo, in conformità con la propria comprensione. Gli Atlantidei invece credevano che le culture meno evolute dovevano essere controllate dalle due civiltà più evolute. Questo dissenso causò una serie di guerre termo-nucleari tra i due imperi che devastarono completamente la Terra.Quando le guerre cessarono e le polveri si stabilizzarono,nessuno dei due imperi si aggiudicò la vittoria.In definitiva, Atlantide e Lemuria divennero vittima della propria aggressione, e le terre di casa di entrambi i continenti erano notevolmente indeboliti dalla guerra. Le persone, attraverso il sacerdozio,vennero informate che entro meno di 15.000 anni i loro continenti sarebbero stati distrutti.Dato che la gente comunemente viveva una media di 20.000-30.000 anni, si capì che molti che avevano causato il caos avrebbero visto anche la totale distruzione del loro impero.
Nel tempo di Lemuria, la California faceva parte del continente Lemuriano. Quando i Lemuriani si resero conto che la loro terra era destinata a perire,inviarono una petizione a Shamballa, il capo della rete di Agartha, per il permesso di costruire una città sotto il Monte Shasta per preservare la loro cultura e le loro memorie. Shamballa è abitata dalla civiltà iperborea che ha lasciato la superficie di questo pianeta ben oltre 40.000 anni fa. Gli iperbori erano, al momento, incaricati di fare decisioni per la rete Agartha. Questa rete è ora compresa da circa 120 città sotterranee di luce, per lo più abitate da iperbori;quattro delle città sono ad oggi Lemuriane e un paio sono Atlantidee. Per ottenere il permesso di costruire una città e diventare parte della rete di Agartha, i Lemuriani dovettero dimostrare a molte agenzie, come la confederazione galattica dei pianeti, che avevano imparato le loro lezioni degli anni di guerra e dell'aggressività . Dovevano anche dimostrare che avevano imparato le lezioni della pace per essere accettati di nuovo come membri del Confederazione. Quando venne concesso il permesso per costruire la città di Telos,i Lemuriani capirono che questa zona doveva sopravvivere ai cataclismi previsti. C'era già una caverna a cupola molto grande esistente all'interno del Monte Shasta. I Lemuriani costruirono la loro città, Telos. Tutta questa area, la California, una parte importante del sud-ovest degli Stati Uniti, le terre a nord del Monte Shasta lungo la costa occidentale e fino alla British Columbia, si chiamavano ai tempi dell'Impero di Lemuria,Telos.Per questo venne dato quel nome alla nuova città sotterranea. Telos significa comunicazione con spirito, unità con spirito e comprensione con lo spirito.
Quando il Telos venne costruita,fu progettata per ospitare circa 200.000 persone.Tuttavia,il continente fu distrutto un po 'prima del previsto e molte persone non riuscirono a fuggire in tempo. Quando si svolse il cataclisma, solo 25.000 persone riuscirono ad entrare nella montagna e a salvarsi. In una sola notte il continente e gli abitanti di Lemuria scomparverono inghiottiti dalle acque dell'Oceano . Il continente affondò così tranquillamente che la maggior parte delle persone non era consapevole di ciò che stava succedendo; La maggior parte era addormentata.Nessuna particolare allerta meteo era prevista per quella notte. "Auld Lang Syne" è stata l'ultima canzone mai ascoltata nella terra di Lemuria. Ascolta questa prossima dichiarazione bene nel tuo cuore, amici miei:prima che Lemuria affondò completamente, è stato profetizzato che un giorno, in un futuro molto lontano, molti di noi si raduneranno in gruppi e canteranno di nuovo questa canzone, con la conoscenza assoluta che la "vittoria della Terra" è vinta. Oggi porta la celebrazione di questo lungo giorno atteso e l'appagamento di quella incredibile profezia. Oggi, ci stiamo avvicinando alla fraterna "riunione". Nel stesso tempo in cui Lemuria stava sprofondando, Atlantide iniziò a tremare e a perdere pezzi del suo continente. Questo continuò per oltre 200 anni fino alla fase finale quando affondò completamente. Per 2.000 anni dopo le lemuriane e le catastrofi atlantidee, il pianeta continuò a scuotersi. Nel giro di 1.200 anni la Terra perse due grandi masse di terra, una grande battuta d'arresto e un trauma che richiedevano diverse migliaia di anni di recupero per ripristinare il saldo. Per centinaia di anni dopo la distruzione di entrambi i continenti, un incredibile quantità di detriti vennero gettati nell'atmosfera e la Terra non sperimentò la luce del giorno per molto tempo. La temperatura scese a causa della mancanza di luce solare e una grande percentuale degli animali e delle piante morirono.

Perché ci sono così piccole prove oggi dei resti di queste due grandi civiltà?

Le città che non affondarono vennero ridotte in macerie, o vennero spazzate via dai terremoti o dalle enormi onde di marea che spesso hanno inondato 1.000 miglia nell'entroterra, distruggendo la maggior parte delle città e delle abitazioni nei loro percorsi. L'altezza originale dell'umanità su questo pianeta era approssimativamente di 12 piedi(3,6 metri). Gli iperbori erano e sono ancora alti 12 piedi;nessuno di loro vive sulla "superficie" in questo momento. A quel tempo quando Lemuria affondò, i Lemuriani vennero ridotti a 7 piedi (2,1m) e rimangono alti da 7 a 8 piedi fino ad oggi. Da allora, c'è stato un ulteriore abbassamento dell'altezza fisica sul pianeta. La maggior parte delle persone sulla superficie è alta 6 piedi o meno (1,8 m). Questo dipende dalla propria evoluzione,nel momento in cui la civiltà si evolverà, la maggiore altezza del corpo sarà ripristinata. Anche ora, le persone di superficie stanno diventando più alte rispetto a quanto fossero solo 100 anni fa."

Anche nel libro "La mia visita alle terre di Agartha" di Lobsang Rampa sono presenti simili informazioni. Lui e il suo maestro Mingyar Dondup vengono guidati e scortati lungo le cavità sotterrannee da un abitante della Rete Agharta chiamato Leo. Mentre i tre si stanno incamminando nei meandri delle gallerie sotterranee,Lobsang pone una domanda estremamente interessante verso l'abitante di Agartha sull'origine di questa insolita luce che mantiene costantemente illuminati i numerosi tunnel che stanno attraversando: “Qual è la fonte di questa luce?”, chiesi alla nostra Guida. “Veramente nessuno lo sa”, rispose Leo. “Le nostre leggende dicono che questo faccia parte dell’antica scienza perduta ormai da più di milioni di anni. Altri dicono che la sua luce astrale sia la creazione della magia dei saggi. Scienza o magia, c’è davvero una differenza?” “Gli antichi!”, dissi. “Pensavo fosse stata la tua gente a scavare questi tunnels accidentati”.(NOTA:Lobsang si sta riferendo alle civiltà "meno antiche" come Lemuria e Atlantide) “Oh no, non fummo noi”, disse la nostra guida. “Non siamo in queste caverne da lungo tempo; non più di cinquanta o sessantamila anni. Questi e i tunnels vetrosi, erano già qui quando noi arrivammo. Naturalmente, ci sono altri che sono qui da molti più anni di noi, milioni di anni e dicono che i tunnels erano qui quando essi furono costretti a fuggire nelle caverne perché il Sole divenne radioattivo”. Le parole di Leo possono aver scioccato coloro ai quali, nelle scuole, è stato insegnato che la nostra società è la sola civiltà avanzata mai apparsa su questo pianeta. In passato ho sentito dire da qualcuno dei vecchi Lama che altre potenti civiltà, ormai perdute nel tempo, sono sorte e cadute sulla Terra. Ma, non avevo mai udito di civiltà così lontane come dice Leo. Milioni di anni fa? Impossibile. Eppure nel corso di questo viaggio sia Leo che il mio Maestro hanno parlato dell’incredibile età delle caverne e degli esseri che le costruirono. Tuttora, la mia mente è smarrita per le domande che restano senza risposta."

Quello che ha dell’incredibile è che queste testimonianze si amalgamano ed uniscono alla perfezione. Nessuna presenta differenze l’una dalle altre, sono tutte coerenti e indirizzano la storia umana e terrestre verso una nuova prospettiva. Da sempre si parla di civiltà evolute chiamate Atlantide e Lemuria, e da sempre questi nomi costituiscono la base di molte leggende e testi antichi. Sono realmente esistite, hanno davvero vissuto e popolato i continenti terresti, ed anche se i libri storici non menzionano la loro esistenza, ciò non toglie la loro reale esistenza.



CAPITOLO 11. GLI ABITANTI DI AGARTHA E LE SUE CITTA'



Gli Esseri della Terra Cava sono molto evoluti sia spiritualmente che tecnologicamente. Queste civiltà avanzate vivono in pace e fratellanza al centro della nostra Terra. Sottolineiamo il fatto che la specie umana non è la sola ad abitare le Terre Sotterranee. La popolazione di Agharta è costituita da numerose civiltà e razze di altri sistemi stellari dove la loro esistenza si sviluppa su piani dimensionali diversi, ovvero su vibrazioni maggiori rispetto a quella di superficie.

La prima testimonianza è presente nel libro di Lobsang Rampa "La mia visita alle terre di Agartha": "Da lontano vedevo grandi e meravigliose città le cui costruzioni sembravano sfidare le leggi di gravità. Le strutture sembravano di incantevoli gemme e puri cristalli che scintillavano di luce incredibile che s’irradiava dalla maestosità cosmica. Finché non parlò, avevo quasi dimenticato il Maestro il quale era in piedi vicino a me, anche lui sgomento di fronte a quanto era sotto i nostri occhi. “Contempla”, disse in magnificenza, “la Sacra Agharta.” Molti credono che Agharta sia una città situata al centro della Terra. Però Agharta è, in realtà, il nome di una grande Terra e non di una singola città. Qui risiede il potere cosmico delle terre. Tutti i poteri della materia, dell’energia e delle dimensioni tempo-spazio, conseguiti dalle creature viventi, originano da questa fonte cosmica. In questa Terra vive un numero di razze di diverse culture e tradizioni. Esse vivono in una maggiore evoluta e avanzata dimensione, paragonata alla vita umana sulla superficie, in simbiosi perfetta con il Pianeta e le sue realtà viventi. Differenti razze, fuorché quelle provenienti dalla Terra, occupano anche la Terra interdimensionale di Agharta. Qui esistono larghe colonie di extraterrestri che originano da molti e diversi luoghi del nostro Universo. Anche questi gruppi sono correlati con distinti livelli dimensionali.


Un ulteriore conferma è presente nel libro "Telos:rivelazioni della Nuova Lemuria Volume 1",in cui Adama, fornisce interessanti informazioni sul Popolo di Agartha.
"Nella Terra di Mezzo e Interiore risiedono molte civiltà molto antiche che eoni fa provenivano da altri mondi e universi. Sono tutti in uno stato di coscienza ascendente, sebbene molti abbiano mantenuto un certo livello di fisicità. Vivono principalmente in una consapevolezza di quinta e sesta dimensione e superiore. La Rete Agartha è composta da circa 120 Città di Luce “sotterranee”, abitate per lo più da Iperborei. Almeno quattro delle città sono abitate da Lemuriani, e alcune dagli Atlantidei. Anche gli esseri che vivono nelle città sotterranee vicino alla vibrazione superficiale sono in stato di ascensione, ma hanno mantenuto un certo livello di fisicità. Shamballa Minore era stata la città al governo della Rete Agartha ed è abitata anch'essa dagli Iperborei. La città di Telos è ora la città di governo della rete Agartha.

Altre città della Rete Agartha o Terra Interiore:
POSID: avamposto atlantideo primario, situato sotto la regione delle pianure del Mato Grosso in Brasile. Popolazione: 1,3 milioni. SHONSHE: rifugio della cultura uigura, un ramo dei Lemuriani che scelse di formare le proprie colonie 50.000 anni fa. L'ingresso è sorvegliato da un lamaseria himalayana. Popolazione: 3/4 milioni. RAMA: Resti della città di superficie di Rama, in India, situata vicino a Jaipur. Gli abitanti sono noti per le loro classiche caratteristiche indù. Popolazione: 1 milione. SHINGWA: Resti della migrazione settentrionale degli uiguri. Situato al confine tra Mongolia e Cina, con una piccola città secondaria a Mount Lassen, in California"

Un'altra conferma la ritroviamo nel libro "TELOS" : "Gli abitanti della Terra Interna sono Esseri altamente evoluti che vivono sulla superficie interna della Terra Cava. Sono per lo più anime ascese che hanno scelto di continuare la loro evoluzione nei recessi sotterranei della Terra a causa della perfezione delle condizioni esistenti lì."


NOTA:E' bene precisare una cosa importantissima,la Rete di Agartha o Terra Interiore non rappresenta la Terra Cava. La Terra Interiore è costituita da tutta l'area che si trova al di sotto della superficie terrestre di tutto il mondo, comprese le caverne e un vasto sistema di tunnel. Comprende tutte le 800 miglia dalla sommità della superficie terrestre. La Terra Cava invece,come sostiene Adama,"E' solo l'area che esiste nel nucleo centrale della Terra,che è Cava,e inizia a 800 miglia più in basso.Una volta che sei all'interno della cavità vuota della Terra,il diametro dello spazio aperto è di 6.400 miglia.Il diametro dell'intera Terra è di 8.000 miglia"



ASPETTO FISICO DEGLI AGARTHIANI



Secondo le nostre ricerche,l'aspetto fisico degli abitanti Aghartiani sono simili alle fattezze umane di superficie. Generalmente gli intraterrestri sono più alti e robusti, raggiungendo altezze di svariati metri.
Ecco come Adama descrive fisicamente gli abitanti di Telos : "Il tuo aspetto fisico è molto diverso dal nostro? Essenzialmente abbiamo lo stesso aspetto, anche se siamo più alti e più larghi di statura. Abbiamo mantenuto un aspetto giovanile per migliaia di anni, apparendo tra i 20 ei 40 anni di età, come scelto. Nella nostra società nessuno mostra segni di invecchiamento. All'inizio potrebbe sembrarti strano, ma ti ci abituerai piuttosto rapidamente. Possiamo cambiare il nostro aspetto abbastanza facilmente a piacimento. Il dono di vivere in corpi perfetti arriva con la grazia dell'ascensione in una coscienza di quinta dimensione. Quando vieni presentato a qualcuno di 20.000 anni, noterai che sembra giovane come chiunque altro. Da quando abbiamo raggiunto lo stato di immortalità, prolunghiamo la nostra vita nel nostro corpo attuale per tutto il tempo che scegliamo. Quando sentiamo che è il momento di passare a un altro servizio o ad una dimensione superiore, portiamo i nostri corpi con noi nella nostra nuova avventura evolutiva."

Una descrizione invece degli abitanti della Terra Cava,ci arriva direttamente dal libro "The Smoky God" di George Emerson,in cui Olaf Jensen insieme a suo padre descrivono il loro primo incontro con questi Esseri.(NOTA:Questo libro sarà analizzato più dettagliatamente nel capitolo 14).In questo libro auto-biografico vengono narrate le vicende di Olaf Jensen e suo padre, due pescatori norvegesi che, attraverso i Mari del Nord, riusciranno ad accedere e vivere per due anni dentro Agharta.

"A bordo di questa colossale nave c’erano molte centinaia di persone. La nave si chiamava “Naz”, che significa, come abbiamo appreso successivamente,“Piacere” o per darne una più appropriata interpretazione,“Gita di Piacere”. Gli occupanti della nave ci osservarono con curiosità,questa strana razza di giganti attrasse la nostra attenzione allo stesso modo. Non c’era singolo essere a bordo che fosse alto meno di 3,60 m. Avevano tutti la barba, tagliata corta. Avevano un viso dolce e bello, estremamente onesto, con carnagione rossastra.I capelli e la barba di alcuni erano neri, altri colore sabbia, ed ancora altri, gialli. Il capitano, come noi designammo il dignitario in comando di questo grande vascello, era il più alto di tutti. Le donne erano in media alte 3,30 m.. Le loro fattezze particolarmente regolari e raffinate, mentre il colorito era di una tinta delicata, elevato da una salutare luminosità.Sia gli uomini che le donne avevano una particolare gentilezza,nello sguardo e nei modi. Nonostante la loro statura, gigantesca,non c’era segno di imbarazzo nei nostri confronti. Il 1.80 m. di mio padre non arrivava alla cintura di questi esseri. Ed anche se io avevo soltanto 19 anni, ero, senza dubbio, visto come Pollicino."

Ulteriori dettagli sono presenti nel libro "Messagges from the Hollow Earth"di Dianne Robbins (Acquista la versione in inglese QUA). Mikos,un abitante della Terra Cava, fornisce ulteriori informazioni sulle loro attitudini fisiche : "Noi abitanti della Terra Cava non invecchiamo. Conti i tuoi giorni,i tuoi minuti, i tuoi secondi e vieni influenzato da esso, pensando che l'invecchiamento sia collegato al passare del tempo. Man mano che le persone invecchiano, il tempo passa. Man mano che gli edifici si deteriorano, il tempo passa. Questo è il significato di tempo per voi in superficie, ed è tutta un'illusione. Il tempo non esiste davvero - non può esistere - e noi ne siamo un ottimo esempio. I nostri corpi non invecchiano e i nostri edifici non si deteriorano. Questo vuol dire che il tempo sia presente in superficie e non nella Terra Interiore? Lo penseresti vero? Le nostre vite attestano il fatto che attraverso il passare del tuo tempo, i nostri corpi rimangono giovani.Questo significa che "il tempo si è fermato" per noi? O piuttosto significa che stai usando una misurazione inappropriata? .....Nella Terra Cava sappiamo che non esiste l'invecchiamento, perché non lo vediamo mai. Sappiamo che non esiste il tempo come lo vivi tu, perché qui tutto è in un continuo stato di "giovinezza" e "novità". Tutto sembra nuovo come il giorno in cui tutto venne creato, compresi i nostri corpi. Esistiamo in uno stato di perfezione divina, in un ambiente di 'atemporalità'. Non abbiamo mai "fretta" e non siamo mai "in ritardo", e non "ammazziamo il tempo" come fate voi in superficie. Avete mai notato come questo sia uno tra i vostri detti preferiti? È come se il tempo fosse il tuo nemico, e quando ne hai un pò a disposizione,lo uccidi."
"La nostra visione è sempre chiara e possiamo vedere in lontananza per miglia. La nostra vista potrebbe essere paragonata a quella di un falco. Qua,nessuno abitante porta gli occhiali. Vedere per credere, e presto sarai in grado di vederci con la tua visione interiore e meravigliarti per le nostre attitudini fisiche. 

D: Ci darai una descrizione fisica di te stesso?
Sì, i miei occhi brillano di luce cristallina e la mia pelle è morbida come un bambino. Sono alto 15 piedi(circa 5 metri) e più forte di un bue. Posso saltare attraverso ruscelli, guadare fiumi e arrampicarmi sulle montagne più alte senza nemmeno stancarmi. Sono in condizioni perfette, anche se ho superato i 483.000 anni (NOTA:Si,anche noi siamo rimasti scioccati della sua età )- e rimango nella perfezione divina come facciamo tutti qui nella Terra Cava.

D: Che tipo di vestiti indossi?

A: Siamo molto casual nel nostro abbigliamento,preferiamo vestirci comodamente per tutto il giorno. Non abbiamo regole fisse per i codici di abbigliamento, come invece voi amate fare in superficie. Ci vestiamo in base a come ci sentiamo e ci sentiamo sempre bene. Quindi ci vestiamo con abiti larghi, in tessuto morbido dai colori vivaci, realizzati in canapa e altri materiali vegetali."



I POTERI TELEPATICI DEGLI AGARTHIANI



Uno tra i poteri principali degli Aghartiani è la telepatia. Essendo Esseri di Quinta,Sesta o Settima Dimensione,la loro evoluzione è talmente evoluta da aver sviluppato le massime potenzialità di un'anima e una mente realizzata. Questo è il motivo principale per cui tantissime testimonianze sono canalizzate a livello telepatico. Ecco cosa riferisce Mikos, abitante della Terra Cava, nel libro "Messagges from the Hollow Earth"di Dianne Robbins,sulla telepatia. "Non c'è ritardo nelle trasmissioni telepatiche. Senti quello che dico istantaneamente, al momento esatto in cui lo dico. È un modo abbastanza miracoloso per comunicare, e anche abbastanza naturale, come tutti presto realizzerete man mano che vi eleverete in armonia con noi; perché è dentro questa modalità armoniosa che può avere luogo la comunicazione telepatica. Perché è l'armonia dei nostri esseri che si fondono e si fondono l'uno nell'altro in modo che possiamo parlarci quando lo desideriamo. Sei stato dotato oltre misura di talenti e intelligenza che ora stanno emergendo.Molti di voi stanno riguadagnando i doni che erano nascosti alla vostra vista. Uno di questi è la telepatia. Siete tutti telepatici e potete conversare con Noi. Stai cominciando solo ora a farlo, renditi conto di quanto siano veramente dotati gli umani. Così dotati, che in effetti potreste davvero fare tutto ciò che facciamo, perché una volta eravamo te. Una volta abbiamo attraversato tutto ciò che stai vivendo ora. Ma con il nostro ingresso nella Terra Cava, eravamo destinati ad evolvere, proprio come tu sei destinato ad evolvere grazie alla trasformazione frequenziale che sta vivendo la Terra. I tuoi doni innati risplenderanno e ti rallegrerai delle tue capacità. Una volta raggiunta una certa frequenza, la tua coscienza esploderà attraverso la densità e potrai vedere e conoscere tutto, e saremo lì con te , ad avvolgerti con il nostro amore."




CAPITOLO 12. IL MONTE SHASTA E LA CITTA' SOTTERRANEA DI TELOS




Il Monte Shasta è una delle montagne più maestose presenti nella catena montuosa della Sierra Nevada. Si trova nel nord della California(USA)e misura circa 5000 metri. Tuttavia,il Monte Shasta è più di una semplice montagna,è uno dei luoghi più sacri del pianeta. E' una fonte di potere mistico per questa Terra e un punto focale per coloro che ricercano un percorso spirituale. Le persone che vivono nelle vicinanze hanno storie straordinarie su questa montagna,le leggende di un popolo misterioso che vive all'interno della montagna, anche se in una frequenza maggiore, di quinta dimensione. Si dice che siano discendenti di un'antica società del continente perduto di Lemuria,popolando le profondità della montagna godendo di salute illimitata, ricchezza e vera fratellanza. Questa città,costruita nelle profondità del Monte Shasta,è chiamata Telos. Intorno al 1940, il dottor M. Doreal, affermò di aver visitato i Lemuriani all'interno della loro montagna. Ha detto che lo spazio che gli è stato mostrato era alto circa 2 miglia, lungo 20 miglia e largo 15 miglia. Ha scritto che la luce all'interno della montagna era brillante come un giorno d'estate ed è stata creata da una gigantesca massa di luce incandescente sospesa al centro di quella grande caverna. Un altro uomo riferì di essersi addormentato sul Monte Shasta per poi venir svegliato da un Lemuriano che lo condusse all'interno della montagna fino alla sua caverna, che era pavimentata d'oro. Il Lemuriano disse all'uomo che c'erano una serie di tunnel lasciati dai vulcani che correvano sotto terra come autostrade. . . un mondo dentro un mondo.


LE TESTIMONIANZE SU TELOS 



Esistono due libri che testimoniano quanto appena scritto:il primo libro si chiama Telos" di Dianne Robbins,il secondo "Telos:rivelazioni della Nuova Lemuria,Volume 1". Come già detto prima, è molto interessante il fatto che ambedue gli scrittori hanno canalizzato i pensieri e le parole del solito Essere Spirituale, Adama. Maestro Asceso e Sommo Sacerdote di Telos. Dato le informazioni simili, se non uguali, dei due libri, abbiamo deciso di inserire un'unica testimonianza che potesse soddisfare la vostra curiosità e chiarire alcuni vostri dubbi. Nel libro "Telos:rivelazioni della Nuova Lemuria,Volume 1" Adama ci spiega "Telos è una comunità abbastanza grande, con circa un milione e mezzo di persone. Siamo divisi in diversi villaggi e condividiamo tutto con il governo locale. Quella che chiamiamo la città di Telos è divisa in cinque livelli di diverse miglia quadrate ciascuno.


IL PRIMO LIVELLO


La più grande percentuale della nostra gente vive sotto la cupola nel primo livello. Questo è anche il luogo dove si trovano gli edifici amministrativi e pubblici e diversi templi. Al centro di questo livello si trova il nostro tempio principale, chiamato tempio di Ma-Ra, una struttura a forma di piramide.Ospita circa 10.000 persone ed è dedicato al sacerdozio di Melchisedec. La piramide è bianca, con la pietra di copertura, chiamata “pietra viva”, donataci da Venere.


IL SECONDO LIVELLO


È qui che si svolge tutta la produzione e la manifattura per le persone e la città. Diverse scuole, per bambini e adulti, si trovano qui e anche molte delle nostre persone vivono in questo livello.


IL TERZO LIVELLO


Questo livello è dedicato ai nostri giardini idroponici. Tutto il nostro cibo viene coltivato su circa sette acri di terra, producendo una dieta interessante, divertente e che offre una grande varietà. I nostri metodi di giardinaggio sono così efficaci che sette acri di terra sono tutto ciò che serve. Coltiviamo una grande varietà di alimenti e nutriamo un milione e mezzo di persone, creando corpi forti e sani che non invecchiano. Voglio che tu sappia che mangiamo, sì, ma come quinta dimensione, non dobbiamo mangiare come fai tu. Mangiamo solo se e quando vogliamo e possiamo manifestare a nostro piacimento ciò che vogliamo. Il nostro cibo non è denso come il tuo. Sebbene abbia sostanza, gusto, colore e forma, secondo la tua percezione della terza dimensione, sarebbe considerato per te cibo eterico. I nostri giardini idroponici sono in grado di produrre un costante raccolto. Possiamo coltivare il cibo molto più velocemente, utilizzando la tecnologia idroponica avanzata. Usiamo pochissimo terreno, molta acqua e nessun prodotto chimico. Il nostro cibo è totalmente biologico e trasporta le vibrazioni più elevate. La nostra forma di giardinaggio non necessita di fertilizzanti e non impoverisce il terreno. Aggiungiamo minerali organici all'acqua per le piante. I nostri raccolti sono inoltre migliorati e accelerati dalla grande vibrazione di luce, energia e amore di Telos. Questa è la magia della nostra coscienza di quinta dimensione che scoprirete presto, forse in questo decennio o all'inizio del prossimo.


IL QUARTO LIVELLO


Questo livello contiene alcuni giardini idroponici, alcuni manufatti e una vasta area per la natura in un ambiente simile a un parco con piccoli laghi e fontane.


IL QUINTO LIVELLO


Questa zona è dedicata alla natura. Ci sono alberi ad alto fusto e laghi in un'atmosfera simile a un parco. Qui è dove teniamo tutti i nostri animali. A questo livello sono state preservate molte piante e animali che non sono più presenti in superficie. I nostri animali sono vegetariani e non si mangiano a vicenda. Vivono fianco a fianco in totale armonia, senza paura o aggressività verso le persone o tra di loro. Telos è davvero il luogo in cui il leone e l'agnello giacciono fianco a fianco e dormono insieme in totale sicurezza."


SI PUO' ACCEDERE A TELOS?



Sempre nel libro "Telos:rivelazioni della Nuova Lemuria,Volume 1",lo scrittore pone un interessante domanda ad Adama:"Quali sono i requisiti per entrare a Telos?"
"Tutti gli uomini di superficie che sono diventati consapevoli della nostra esistenza sotto il Monte Shasta, iniziano a provare un grande desiderio di visitare Telos e incontrarci faccia a faccia. Sentiamo il tuo grande desiderio di sperimentare le meraviglie e la magia di una civiltà illuminata e di riconnetterti con i tuoi ex membri della famiglia che vivono a Telos o altrove nella quinta dimensione. Sul piano interiore, sentiamo il tuo desiderio e ascoltiamo i tuoi pensieri. "Quando possiamo venire a visitare Telos?" "Quando verranno aperte le porte di Telos agli abitanti della superficie?" Amati, vogliamo condividere con voi che la vostra lunga attesa finirà presto. Prevediamo che potrebbe benissimo accadere prima della fine di questo decennio. Inizieremo a invitare piccoli gruppi dalla superficie per una visita. Vorremmo che sperimentaste ciò che può essere realizzato nel vostro mondo quando la maggioranza della popolazione adotta il nostro stile di vita. Acquisirai una prospettiva completamente nuova su quanto può essere meravigliosa la vita su questo pianeta se vissuta secondo i principi divini e la vera fratellanza. È importante che tu ti renda conto che all'inizio, e per un bel po 'di tempo, le visite saranno fatte solo su invito personale. Non preoccuparti di come verranno espressi questi inviti,arriverà il tuo turno di essere invitato,abbiamo molti modi per comunicare con te, indipendentemente da dove ti trovi a vivere.
Poiché viviamo in una consapevolezza di quinta dimensione, applichiamo un rigoroso codice di accesso per tutti coloro che sono invitati. Siate certi che il vostro invito personale non arriverà fino a quando non avrete soddisfatto i requisiti di questo codice di accesso. Spiegare in dettaglio la piena implicazione dei nostri requisiti non è lo scopo di questo messaggio. Tuttavia, lasciate che vi dia una panoramica generale di ciò che sarà richiesto:prima di tutto, solo coloro che hanno raggiunto quasi una consapevolezza di quinta dimensione nella loro coscienza si qualificheranno. Ciò significa che avranno abbracciato l'amore incondizionato per il Sé e per gli altri, nonché per tutte le parti della vita e di tutti i regni. La coscienza della dualità deve essere rilasciata almeno del 90%. È anche importante bilanciare le energie maschili e femminili e coltivare l'innocuità in ogni area della tua vita. Lascio a te la ricerca nel tuo cuore di cosa significhi tutto questo. Questi sono i vostri compiti, miei cari. Ti condurrà alla scoperta del Sé, alle meraviglie di chi sei veramente e alle qualità del Sé Divino che ti hanno eluso per così tanto tempo. Secondo, devi ripulire e guarire i tuoi corpi emotivi e mentali da ogni negatività, passata e presente. Tutte le registrazioni passate e presenti di dolore, rabbia,colpa,paura, vergogna, dipendenza, disperazione, bassa autostima, impronte negative,ecc., Devono essere abbracciate e rilasciate dalla tua mente subconscia, plesso solare e corpo emotivo. A causa della vibrazione ad alta energia di Telos, qualsiasi emozione o forma-pensiero di una vibrazione inferiore all'amore divino sarebbe amplificata più di mille volte nella tua mente e nei tuoi sentimenti. A meno che queste memorie non siano state cancellate, non sarebbe possibile rimanere nella nostra vibrazione per più di pochi minuti senza subire traumi."




CAPITOLO 13. LA TECNOLOGIA E I MEZZI DI TRASPORTO DEI REGNI SOTTERRANEI




Altro punto molto interessante sono i trasporti e le tecnologie usate dagli abitanti di Agharta per muoversi nelle gallerie e raggiungere le varie città disposte lungo la superficie interna  e nelle Terra Cava. Nel libro "Telos:rivelazioni della Nuova Lemuria,Volume 1",Adama spiega allo scrittore le varie tecnologie usate dagli abitanti delle civiltà sotterranee per spostarsi da un punto ad un altro: " Abbiamo diversi modi di trasporto all'interno della città, come marciapiedi mobili, ascensori inter-livello e slitte elettromagnetiche simili alle vostre motoslitte. Per gli spostamenti tra le città, i residenti prendono “Il Tubo”, un sistema di metropolitana elettromagnetica in grado di raggiungere velocità fino a 3.000 m.p.h.(circa 5000mila chilometri orari)."
E' molto curioso il fatto che quanto appena detto da Adama è confermato da TUTTE le testimonianze con cui abbiamo avuto la possibilità di entrare in contatto.
Nel libro "Telos" di Aurelie Louis troviamo una descrizione simile:"C'è un viaggio gratuito tra le città sotterranee e la Terra Cava attraverso i tunnel, utilizzando i nostri treni elettromagnetici che possono portarci da una parte all'altra della Terra in una piccola frazione di tempo. Il nostro trasporto è rapido ed efficiente e non brucia combustibili. Pertanto, non c'è inquinamento sotterraneo. Desideriamo ardentemente il giorno in cui in superficie potrai viaggiare liberamente verso la Terra Cava, dove sarai accolto con grande gioia e amore. È questo ritorno, alla Terra dell'Eden, che tutti voi chiedete a gran voce. Anche noi aspettiamo questo giorno, poiché tutti noi nelle Città sotterranee ci uniremo a voi nella celebrazione, fondendo tutte le nostre civiltà in Una."
Anche nel Libro di Lobsang Rampa "La mia visita alle terre di Agartha" viene precisato il vero utilizzo di questi tunnels "Con Leo, come nostra guida, ci muovemmo dal tunnel vetroso giù per il nuovo passaggio grossolano e rozzo. Leo spiegò che questi tunnels furono scavati molto più tardi di quelli vetrosi e che erano più diretti alla nostra ultima destinazione. “I tunnels vetrosi non furono fatti per coloro che andavano a piedi. In realtà”, ci disse Leo, “furono costruiti per il trasporto di gente e vettovaglie dalla superficie alle città interne usando antiche macchine volanti chiamate Vimanas. Francamente, non abbiamo idea a quale data risalgono questi tunnels, sappiamo però che esistevano già quando i primi abitanti arrivarono qui sotto, pertanto devono essere incredibilmente antichi. Persino le nostre leggende si perdono in tal senso”. "Per coloro che non hanno familiarità con il nome, i “Vimanas” erano antiche macchine volanti Indiane, altamente avanzate, menzionate nei poemi epici nazionali Indiani: i “Mahabharata”. Il Mahabharata narra la storia di una lunga guerra tra i Kauravas e i Pandavas. Questa guerra era voluta dagli antichi Dei Indiani con l’intenzione di facilitare il problema della sovrapopolazione nel mondo. Nel Mahabharata sentiamo parlare di Bhima che: “Volò con il suo Vimana sopra un enorme raggio brillante come il Sole e faceva un rumore simile al tuono in una tempesta”. Lo stesso grande, antico poema epico Indiano, ci narra anche della grande ascensione del guerriero Arjuna nel paradiso di Indra. Secondo la leggenda, Arjuna non era un dio, ma un mortale. Però durante il racconto della sua particolare avventura, si parla della sua ascesa al cielo in un carro che viaggia verso le nuvole con il rumore del tuono. Nel suo viaggio Arjuna vede altri carri volanti che sono precipitati, e altri immobili, ed altri ancora che volano liberamente nell’aria. Nel Mahabharata, troviamo anche interessanti informazioni sulle armi terribili appartenenti agli antichi Dèi Indiani che, alla luce della conoscenza dei nostri giorni, suonano spaventosamente simili alle armi atomiche. Nel “Ramyana”, secondo grande poema epico Indiano dopo il Mahabharata, si legge che i Vimanas volano a grandi altezze con l’aiuto dell’argento vivo ed un forte vento propulsivo. Questi Vimanas potevano coprire grandi distanze sia nell’aria che sottoterra e manovrati su, giù e avanti. Erano macchine magnifiche adatte solo per i reali e per gli dei. Forse le più provocatorie informazioni, allegate agli antichi scritti sui mitici Vimanas, sono le precise istruzioni sul come costruirne uno. Nel Sanscrito Samarangana Sutradhara, è scritto: “Il corpo del Vimana deve essere forte e durevole, simile ad un grande uccello volante di materiale leggero. Nel suo interno va messo un motore al mercurio con il ferro che riscalda l’apparato inferiore, per mezzo del potere latente del mercurio il quale determina la guida con il movimento del vortice d’aria. Un uomo seduto nell’interno può viaggiare a grandi distanze nel cielo. I movimenti del Vimana sono tali da poter salire verticalmente e verticalmente discendere, muoversi obliquamente avanti e indietro. Ancora più fantastica è l’informazione data dal lavoro dell’antica Caldea. Il “SIFRALA” che contiene oltre cento pagine di dettagli tecnici sul come costruire una macchina volante, comprende parole che tradotte suonano come: bacchette di grafite, bobine di rame, indicatori di cristallo, sfere vibratorie, angoli stabili, e così via.Mi meravigliava il pensiero di guardare quelle incredibili macchine volanti sparate su e giù per gli antichi tunnel che uniscono l’interno e l’esterno del mondo. Ora questi passaggi sono per lo più abbandonati ed inusati, fatta eccezione per coloro che vanno a piedi verso la superficie attraverso le uscite nascoste. Leo disse che ci sono ogni tanto avvistamenti di strani veicoli che volano su e giù per i tunnels simili ai dischi volanti visti sulla Terra. Nel tunnel, gli avvistamenti sono per lo più considerati folclore. Tuttavia non mi sorprenderebbe se i recessi più profondi del pianeta celassero coloro che sanno fare uso dell’antica tecnologia."



FIgura 10 e 11:I progetti tecnici dei Vimana, presenti nei testi sacri. 

Sempre nel libro "La mia visita alle terre di Agartha" sono presenti ulteriori informazioni che spiegano più dettagliatamente il funzionamento di queste "metropolitane ad alta tencologia" : "L’interno del velivolo era piccolo se paragonato alle sue dimensioni esterne: ho pensato che le ventole usate per generare il fluire dell’aria occupassero la maggior parte dello spazio disponibile. Dentro era caldo ed i sedili confortevoli. Ci accomodammo dietro pronti per le successive motivazioni del nostro viaggio. “Potete chiamarmi Toc Hamir”, ci disse l’autista, “il velivolo è fabbricato appositamente per viaggiare nei tunnels.” Ecco la ragione della sua forma cilindrica. La nave si libra su cuscini d’aria generata da ventole, così possiamo viaggiare abbastanza velocemente finché i tunnels mantengono la giusta dimensione. Per i tunnel larghi si possono usare soltanto le ventole di fondo per restare sospesi sul pavimento, ma i tunnels più piccoli consentono l’uso di tutte le ventole attorno alla nave che permettono di incrementare la velocità.”

Queste testimonianze oltre a darci una chiara spiegazione sulla tecnologia delle popolazioni interne ci consegna gli strumenti necessari per risolvere un grande mistero che da sempre intriga l'intera umanità: gli avvistamenti di oggetti aerei non identificati.

Ray Palmer, scrittore ed editore di riviste come Amazing Stories, FATE, Search, Flying Saucers, veniva spesso definito "l'uomo che creò il mito dei dischi volanti". Con il suo background nella fantascienza, Palmer è stato uno dei primi editori a rendersi conto che c'erano soldi da fare sul tema degli UFO. Invece di guardare al cielo in cerca di dischi volanti, Palmer guardò in basso nella Terra Cava come possibile punto di origine. Nel numero di dicembre 1959 di Flying Saucers Magazine, Palmer scrisse: "Flying Saucers Magazine ha accumulato un ampio numero di prove che i suoi editori considerano inattaccabili, per dimostrare che i dischi volanti sono nativi del pianeta Terra e provengono dall'interno cavo a proposito di aperture nel Polo Nord e nel Polo Sud ". Il 12 marzo 1950, il comandante Orrego e i suoi uomini avevano avvistato una flotta di macchine aeree rotonde che giravano intorno alla loro base antartica. Una parte del rapporto dell'ufficiale cileno raccontava questa incredibile storia:"Durante la luminosa notte antartica, vediamo dei dischi volanti, uno sopra l'altro, che girano a velocità tremende. Abbiamo fotografie per dimostrare ciò che abbiamo visto".

Un'altra eclatante prova,giunge dalla spedizione americana Highjump organizzata tra il 1946 e il 1947.Il Segretario della Marina Forrestal organizzò la più imponente spedizione Antartica mai realizzata fino ad allora ed anche in seguito nessuna esplorazione raggiunse l’imponenza dell’operazione Highjump. Vennero impiegati 4.700 uomini, 13 navi e diversi aerei. L'obiettivo era costruire una struttura americana di addestramento e ricerca al Polo Sud,ma secondo altrettante fonti,il governo americano inviò le proprie truppe al Polo Sud per abbattere la presunta base tedesca 211(La base nazista che abbiamo trattato all'inizio nel capitolo 4).
Il 5 Marzo del 1947 il capitano della spedizione, Richard E. Byrd, rilasciò un'intervista sul quotidiano cileno El Mercurio in cui dichiarò : "L’ammiraglio Richard E. Byrd ha avvertito oggi che gli Stati Uniti dovrebbero adottare misure di protezione contro la possibilità di un’invasione del Paese da parte di aerei ostili provenienti dalle regioni polari. L’ammiraglio ha spiegato che non stava cercando di spaventare nessuno, ma la crudele realtà è che in caso di una nuova guerra, gli Stati Uniti potrebbero essere attac cati da aerei che sorvolano uno o entrambi i poli. Questa dichiarazione è stata fatta come parte di una ricapitolazione della sua esperienza polare" Potete ben comprendere che questa dichiarazione ha dell'incredibile perché per un certo verso non ha senso! A cosa si riferiva precisamente? Stiamo parlando delle terre desolate dei Poli,o almeno, è quello che viene fatto credere.


ALTRE TESTIMONIANZE 



Un'altra testimonianza arriva da uno dei due intervistati e testimoni italiani,Massimiliano Steffen.Nel suo libro(che potete acquistare QUA) "Viaggio nella Terra Interna e nei Piani Universali" Massimiliano racconta alcune delle sue esperienze "paranormali" e spirituali che lo hanno condotto ad una forte presa di coscienza e realizzazione. Nel primo capitolo,viene esposto il racconto di un singolare fatto che rivoluzionerà completamente la sua vita:l'incontro con la civiltà dell'entroterra. In un punto ben preciso della storia,quando Massimiliano viene fatto salire su uno dei loro misteriosi meccanismi di trasporto,troviamo un'ennesima descrizione dettagliata su queste tecnologie estremamente avanzate: " Ad un tratto mi resi conto che ai miei occhi, l’intera struttura alla base e nella parte frontale sembrava quasi trasparente. Vedevo un altro giovane uomo seduto su uno strano sedile, ancorato al soffitto che sembrava un’estensione di esso, lui gesticolava davanti alle luci colorate che scaturivano da quel quadro posto davanti a lui...poi, la mia attenzione divenne più espansa e notai dei movimenti intorno a me, guardai sotto e vidi un paesaggio sottostante, era giorno, erano dei boschi verdeggianti che si muovevano sotto ai miei piedi all’indietro. Compresi con sgomento che mi trovavo su un oggetto in movimento, e che volava in avanti, nel frattempo rimasi solo con il pilota, presi coraggio e gli chiesi: «Ma cos’è tutto questo? In quale meraviglia sono finito?», egli mi rispose ancor prima che potessi terminare la frase che, si trattava di un velivolo per piccoli spostamenti, come un ingenuo parlai di nuovo: «Ma è una specie di aereo?» «Sì! A carbone!» mi fece eco il pilota in tono divertito e scherzoso, mentre quell’incredibile veicolo procedeva nel suo cammino." Troviamo anche conferma delle slitte elettromagnetiche di cui parla Adama nella prima testimonianze "Pochi passi e salimmo su un altro veicolo galleggiante a circa 30 centimetri dal suolo. Anche quel velivolo disponeva di un pilota e di un sistema di guida simile a quello del precedente disco, ma estremamente più semplice seppur sempre ignoto."
Anche nel libro "The Smoky God", il pescatore norvegese Olaf Jensen descrive questa tecnologia " Poi ci portarono, via terra,alla città di Eden, con un mezzo di trasporto diverso da tutti quelli che avrei successivamente visto in Europa o in America. Questo veicolo era senza dubbio mosso da qualche congegno elettrico.Non faceva nessun rumore e correva su un singolo binario in perfetto bilanciamento "



INFORMAZIONI SU ALTRE TECNOLOGIE



E’ logico intuire quindi, che la Civiltà Agarthiana non solo possiede avanzati sistemi di trasporto ,ma anche tecnologie in grado di migliorare la qualità della vita in qualsiasi contesto esistenziale . Ulteriori tecnologie vengono descritte dentro un paragrafo nell’opera  "Telos" di Aurelia Louis. La scrittrice pone una domanda ad Adama circa le tecnologie a disposizione dalle civiltà sotterranee:
"D: Che tipo di tecnologia hai?
Sappi che Telos non è così lontano da te. Siamo appena sottoterra, circa un miglio sotto la superficie. La Terra è un grande conduttore e i tuoi pensieri telepatici possono facilmente raggiungerci attraverso gli strati terrestri ogni volta che desideri connetterti con noi. Notare i modelli meteorologici irregolari sulla superficie, cioè come un giorno è luminoso e soleggiato, e il giorno successivo è ventoso, freddo e nuvoloso. Questi cambiamenti irregolari sono dovuti allo spostamento della Terra in una dimensione di vita superiore. Mentre la Terra si sposta, trema e lo scuotimento è ciò che senti sopra il suolo. Noi qui nelle città sotterranee non sentiamo questi spostamenti e scosse irregolari, a causa della struttura tecnologica del nostro ambiente sotterraneo. Le nostre case e le nostre città sono state appositamente costruite per resistere ai movimenti della Terra mentre Lei prende coscienza. La nostra tecnologia è molto avanzata rispetto alla superficie e disponiamo di attrezzature speciali che allineano perfettamente le nostre case e gli edifici alle griglie magnetiche della Terra in modo tale da stabilizzare le nostre strutture in modo che siano antisismiche. Altrimenti, le nostre città sarebbero crollate secoli fa. Anche tu avrai questa tecnologia per salvare la Terra quando emergeremo dalle nostre città e torneremo in superficie. Porteremo con noi tutte le nostre tecnologie nel tentativo di stabilizzare tutte le strutture sulla superficie dove le persone si sono radunate in preparazione per l'ingresso nella "Cintura Fotonica". Questo sarà il nostro contributo da SOTTO, insieme a molte altre meravigliose tecnologie che porteremo, come un condotto dalla nostra fornitura d'acqua sottostante per filtrare e pulire le vostre forniture d'acqua. La nostra acqua pulita incontaminata proviene dagli oceani situati all'interno della Terra Cava, dove l'acqua fresca e limpida abbonda in abbondanza. Attingiamo questa fonte d'acqua e la usiamo a Telos e nelle altre città sotterranee per tutte le nostre necessità. C'è acqua pulita sulla Terra per tutti coloro che risiedono sia internamente che esternamente. Abbiamo anche la tecnologia per purificare gli oceani esterni e pulire l'aria esterna dall'inquinamento. Porteremo con noi tutte le nostre tecnologie quando arriverà il momento per noi di emergere. Non è tutto perduto. La Terra sarà salvata e sarà di nuovo abitabile per tutta la vita, sebbene in questo tempo di cui parlo, tutta la vita risiederà in uno stato di coscienza molto più elevato in una dimensione di Luce superiore. Questi saranno alcuni dei nostri contributi dal basso, mentre ci uniamo a te dall'alto. Abbiamo così tanto che vogliamo portarti e mostrarti, che anche noi diventiamo ansiosi che la nostra emersione abbia inizio. Finora, ci sono solo pochi di noi in superficie, ma man mano che la vostra coscienza di massa cambierà, sempre più di noi emergeranno per lavorare con voi in superficie; Adama incluso. Sì, anche Adama verrà a vivere con te in superficie quando sarà il momento giusto. Fino ad allora, Adama continuerà a monitorare le tue condizioni di superficie e continuerà ad essere informato dagli altri di tutto ciò che accade in superficie. Possiamo usare tutte le nostre vite a nostro vantaggio, perché siamo in grado di tornare alle nostre vite precedenti attraverso il nostro sistema informatico basato sugli aminoacidi per ricordare il passato. Questo è un sistema utilizzato in tutto il Cosmo e la Terra è uno dei pochi pianeti che è ancora all'oscuro riguardo all'accesso all'esperienza della vita passata. Questa è una tecnologia che noi, dal sottosuolo, porteremo in superficie quando emergeremo. Connettersi alle vostre vite passate e imparare dalle lezioni delle vostre vite è necessario per questa attuale incarnazione. Quindi preparati per questa grande avventura in cui attingerai alle tue vite passate. Ci sono molte altre meravigliose tecnologie che porteremo e che renderanno le vostre vite molto più facili e più gioiose di quanto possiate immaginare. Perché abbiamo protetto tutta la nostra conoscenza della vita passata che abbiamo portato con noi quando lo abbiamo fatto. Preparati a vivere la vita più gloriosa che puoi immaginare insieme a noi, i tuoi fratelli e sorelle del tuo passato."

A conferma di quanto appena letto,ritroviamo molti punti in comune anche nel libro "The Smoky God" : "La nave era equipaggiata con un sistema di illuminazione che presumo fosse elettricità, ma né io né mio padre eravamo sufficientemente esperti per comprendere da dove venisse questa fonte di energia e per mantenere quelle belle luci soffuse, così simili alle luci della nostra civiltà di oggi. Devo ricordare, che il periodo di questi avvenimenti era l’autunno del 1829 e noi della superficie “esterna” della terra non sapevamo nulla dell’elettricità. Le condizioni di sovraccarico elettrico dell’aria erano una costante rivitalizzante. Non mi sono mai sentito meglio in vita mia, durante i due anni che mio padre ed io soggiornammo nella parte interna della Terra."




CAPITOLO 14. LE GALLERIE E GLI ACCESSI AD AGARTHA





Come già accennato,molte testimonianze sostengono l'esistenza di segrete gallerie che comunicano sia con Shamballa, con Agartha e i sette continenti della Terra. Come sostiene uno dei nostri testimoni diretti Francescoji Mikado "Il regno sotterraneo si sviluppa attraverso una rete planetaria di gallerie sotterranee composte da un materiale talmente duro e liscio,che non permetterebbe a una lametta di sgraffiarlo". Potrebbe sembrare una dichiarazione abbastanza ambigua, ma è una descrizione molto ricorrente che possiamo ritrovare anche nel libro del Lama Lobsang Rampa "La mia visita alla terra di Agartha". Ecco cosa scrive il Lama tibetano sulle gallerie di Agartha:"Nessuna luce o suono poteva penetrare quest’oscurità. Era un’oscurità sprovvista di ogni forma o sostanza. Improvvisamente il Maestro parlò: “Guarda, c’è una luce!” Sforzai la mia vista, ma il buio non era cambiato. “Non vedo nulla”, dissi. Poi mi accorsi che stavo cominciando a vedere forme e figure. Una strana luce stava lentamente sostituendo l’oscurità. La luce aveva un’estensione molto bella, formata di sottili colori che mi riportavano alla mente una calda giornata estiva con un cielo così blu nel quale ti saresti perduto per sempre. Guardai in alto, aspettandomi di vedere un’apertura verso l’esterno, ma là non sembrava ci fosse una fonte diretta per questa meravigliosa luce. Sembrava come se la stessa aria fosse luminosa. “È così bella”, esclamai ammirato. “Da dove viene?” “Questa è la tecnologia di uomini che vissero su questa Terra molto tempo prima che le creature (che divennero poi umane) emergessero strisciando anche fuori dal mare. Compresi le parole, ma il significato ancora mi sfuggiva. “Ma come può essere”, mi domandai a voce alta? “Non c’erano uomini sulla Terra prima di noi. Solo semplice vita negli antichi mari. È impossibile!” “Non è così, Lobsang”, disse il Lama. “La Terra è incredibilmente vecchia. Molto più vecchia di quello che gli scienziati credono. Ciò che ci fu insegnato come tempo di nascita del nostro pianeta, era semplicemente la più recente onda di vita che fu spazzata via. Ci sono state altre onde senza fine e ce ne saranno altrettante. Non siamo i primi e non saremo gli ultimi”. Il Lama si girò e discese per il passaggio. “Faremmo meglio a continuare”, disse.  Il passaggio nel quale ora ci trovavamo era rozzamente circolare nella forma e lungo abbastanza da permettere a dieci uomini di camminare confortevolmente fianco a fianco. Pavimenti, pareti e soffitti erano costituiti da solida roccia che avevano un’originale tessitura vetrosa ma diversa dal vetro. Il pavimento non era scivoloso e si camminava bene. Potevo ipotizzare che questo tunnel fosse stato in qualche modo fuso e plasmato. Forse un congegno ad alta energia simile ad un raggio laser. Silenziosamente proseguimmo il nostro cammino nel tunnel senza forma. Potevo dire che questo ci conduceva lentamente verso il basso, nel cuore delle montagne. “Nessuno sa chi in realtà ha costruito questo passaggio fra le rocce”, disse improvvisamente Mingyar Dondup. “Fu costruito in tempi così lontani che nulla è rimasto di quella civiltà, la quale è letteralmente svanita nella polvere del tempo. Neppure un nome esiste di coloro che calpestarono il suolo di questo pianeta nei giorni della sua infanzia”. “Ma questo tunnel «fu costruito» con moderne tecniche, Maestro?”, dissi sfregando la mano sulla parete liscia. “Nessuno poteva fare ciò se non in questi ultimi anni”. Ho udito storie di fortezze segrete scavate sotto terra da governi e militari. Alcuni costruiti come rifugi atomici, altri come basi di operazioni segrete. Questo tunnel deve ovviamente avere una motivazione. Non può essere una costruzione dei comunisti cinesi, o volendo osare, dell’Unione Sovietica o degli Stati Uniti. Era troppo lustro e nuovo per essere un’altra follia dell’aggressività e della paranoia umana. “No, nessuna tecnologia umana costruì questo tunnel amico mio”, sorrise il Lama. “Questo tunnel e migliaia di altri simili sparsi per il mondo, erano qui ed erano già antichi quando i primi uomini uscirono dall’Africa. In effetti, questo particolare passaggio, si trovava qui prima ancora delle montagne che gli sono sopra. È fatto di una sostanza che può tendersi e modellarsi qualora la Terra dovesse subire spostamenti e flessioni da parte della pressione tettonica.” “Dove conduce?” “Questo tunnel è l’inizio di un lungo viaggio che ci porterà nel cuore del mondo”, rispose il Lama. “Noi abbiamo il privilegio di essere ammessi a vedere il segreto e le terre nascoste al centro del pianeta. Ci stiamo dirigendo verso la diletta Agharta”. Agartha. Questo nome mi colpì con una forza che mi tolse il respiro. Questo è il regno sotterraneo del centro della Terra dove regna il Re del Mondo,avevo sentito questo nome un migliaio di volte, tuttavia ho sempre creduto poco all’esistenza di questo posto. È come se ad un Cristiano fosse stato detto che poteva camminare attorno ad un isolato e visitare il Paradiso."

Una seconda conferma la ritroviamo nel libro “I misteri di Shamballa” di Vincent Beltràn Anglada. In questo saggio troviamo una spiegazione dettagliata della struttura governativa, politica e spirituale della Città di Luce. Nel secondo capitolo l’autore racconta di essere stato fisicamente all’interno di queste gallerie sotterranee per giungere in una stanza sacra. In questo luogo simile ad un tempio , l’autore racconta di essere stato iniziato alle Conoscenze di Shamballa.

Il giorno in cui potei introdurmi in una di quelle misteriose gallerie sotterranee, ero accompagnato da R., mio amico indù, un Iniziato agli alti misteri della Loggia e un valoroso collaboratore dell'opera del MAESTRO. Ciò avvenne molti anni fa, ma conservo di quell'esperienza mistica di SHAMBALLA un ricordo incancellabile... Le pareti di quella galleria attraverso la quale eravamo penetrati, brillavano intensamente, riflettendo un'intensissima luce bluastra ma che, curiosamente, non feriva le mie percezioni visive. Non era emanata apparentemente da nessuna lampada, il che non mi lasciò indifferente anche se non feci nessuna domanda per rispetto alla mia illustre guida che, come se mi avesse ascoltato, mi disse sorridendo: “Questa Luce è della stessa sostanza dell'etere, la sostanza primordiale che riempie tutti gli universi, la quale, in questo livello dove ci troviamo, emette una sostanza radiante completamente sconosciuta agli scientifici del mondo, che illumina tutti i corpi che riescono ad introdursi in questo livello o che formano parte del suo contenuto. La luce elettrica utilizzata nel mondo fisico deve essere canalizzata o distribuita per mezzo di cavi e complicati sistemi di conduzione. Tuttavia, nei livelli sottili del piano fisico, la luce è prodotta da una folgorazione dell'etere o materia radiante e costituisce la base dell'illuminazione in tali livelli. Il tono bluastro di questa irradiazione che percepisci è una caratteristica radioattiva del sottopiano eterico in cui ci troviamo. “ 

Notate quanto tutte queste testimonianze dirette descrivono i soliti particolari mettendo chiarezza ad ogni argomento trattato. Un'altra testimonianza arriva dal libro "Telos:rivelazioni della Nuova Lemuria Volume 1" scritta dalla scrittrice Aurelia Louise Jones. Anche medium e canalizzatrice, la scrittrice sostiene di aver ricevuto telepaticamente numerose informazioni sul passato di un’antica civiltà evoluta chiamata Lemuria e sulla città sotterranea di Telos(situata sotto la California,USA) da parte di Adama, un Saggio di Telos. La cosa estremamente interessante è che Adama, è lo stesso Saggio che viene canalizzato dalla scrittrice Dianne Robbins, autore del libro"TELOS" e "Messaggi dalla Terra Cava". La scrittrice pone un interessante domanda ad Adama proprio sul funzionamento di questi tunnel:"Adama, come vengono mantenuti i tunnel tra le città sotterranee e quelle della Terra Interna? I tunnel tra le città "sotterranee", la Terra di Mezzo e la Terra Interna richiedono poca manutenzione. Sono stati costruiti per essere esenti da manutenzione. Di tanto in tanto, quando si verifica un grave terremoto o un'eruzione vulcanica da qualche parte sulla superficie del pianeta, alcuni dei tunnel possono essere leggermente danneggiati. Tuttavia, con la nostra tecnologia avanzata, ci riuniamo e risolviamo i problemi molto rapidamente. I tunnel raramente vengono danneggiati. La tecnologia avanzata che utilizziamo è condivisa da tutte le civiltà all'interno della Terra."



GLI ACCESSI PIU' IMPORTANTI




Ci sono presumibilmente diversi ingressi per il Regno di Agharta sparsi in tutto il mondo,ecco gli accessi più importanti:
-Kentucky Mammoth Cave, nel Kentucky centro-meridionale, Stati Uniti.
-Mount Shasta, California, USA (la città Agarthea di Telos si suppone si trovi sotto questa montagna). Come abbiamo visto le conferme sono innumerevoli 

-Manaus, Brasile 

-Mato Grosso, Brasile (la città di Posid si suppone si trovi sotto questa pianura)

 -Cascate di Iguazu, al confine tra Brasile e Argentina

 -Monte Epomeo,Ischia, Italia. 

-Montagne dell'Himalaya, Tibet (l'ingresso alla città sotterranea di Shonshe è presumibilmente sorvegliato da una lamaseria 

-Mongolia (la città sotterranea di Shingwa si suppone si trovi al di sotto del confine tra Mongolia e Cina

-Rama, India (sotto questa città di superficie c'è una città sotterranea perduta da tempo, chiamata anche Rama

-Piramide di Giza, Egitto. 

-Miniere di Re Salomone. -Polo Nord e Polo Sud



GLI ACCESSI AI POLI



Secondo le ipotesi avanzate dagli scienziati e dai teologi,gli accessi principali per la Terra Interiore sembrerebbero localizzati ai Poli. Accessi paragonabili ad enormi voragini larghe chilometri in grado di condurre direttamente verso le terre di Agartha. Tuttavia saremo onesti,le cavità localizzate alle estremità dei Poli ha sempre creato un pò di scetticismo all'interno del nostro Team, perché oggettivamente uno dei punti più contraddittori e poco chiari di tutta la teoria della Terra Cava. Qualcosa secondo noi non ha mai quadrato nel verso giusto: per esempio su Google sono presenti numerose foto satellitari a dimostrazione dell'esistenza di questi giganti "fori" ai Poli, ma come potete ben immaginare, la stragrande maggioranza sono foto finte e ritoccate con programmi digitali. Certo,non neghiamo che alcune di esse fanno seriamente indugiare, ma se realmente questi accessi fossero presenti, le foto disponibili dovrebbero essere centinaia, se non migliaia. E non a malapena una decina.(di cui alcune palesemente ritoccate) Abbiamo controllato numerose foto scattate dallo spazio e in nessuna di esse era presente qualcosa che potesse ricordare un foro di oltre mille chilometri. Come è possibile? Come mai non c'è anima viva di alcun tipo di cavità? Gli accessi ai Poli rappresentano la colonna portante della teoria della Terra Cava, se questo punto fosse smentito, la teoria perderebbe credibilità a tal punto da divenire una delle tante favole. Certo,qualcuno potrebbe urlare al complotto,ma basta ragionare un attimo per rendersi conto di quanto sia impossibile insabbiare una cosa del genere. Anche perché esistono molto linee aeree che attraversano i Poli magnetici, perciò se tutto ciò avesse una logica, la quantità di testimonianze e avvistamenti da parte dei passeggeri o piloti aerei dovrebbe essere spropositata! Immaginiamo che molti di voi stiano iniziando a pensare "Bè è ovvio, non esistono!" .E si,un mese fa anche noi avremmo confermato questa affermazione, tuttavia ad oggi, dopo un approfondito studio sulla Terra cava e su ogni documento disponibile su questo argomento , sosteniamo convintamente CHE LE CAVITA’ESISTONO! Non le vediamo perché "mimetizzate"!
La conferma la troviamo nel libro "TELOS" di Dianne Robbins,dove il Maestro Adama,Saggio della città sotterranea di Telos, chiarirà una volta per tutte questo enigma sugli accessi ai Poli : "Ci sono effettivamente aperture polari ai poli nord e sud, che portano al centro della sfera terrestre. Queste regioni polari sono camuffate da coperture nuvolose, come sapete, per impedire ai vostri militari di localizzare questi ingressi che conducono alle nostre case della Terra Interna. Abbiamo anche installato un campo di forza magnetico attorno alle aperture polari della Terra per camuffare ulteriormente gli ingressi. In questo modo siamo protetti dagli avvistamenti aerei e terrestri. Ci sono davvero molti percorsi che ti porteranno nelle regioni artiche e attraverso le aperture polari(NOTA:Questo è confermato dai documenti che abbiamo analizzato sulle scoperte fatte dai nazisti al Polo) . Tuttavia, Adama non è libero di divulgarli alla gente di superficie in questo momento. Sappi che quando ci verrà comunicato che è ora che tu entri nelle nostre regioni, ti contatteremo e ti indirizzeremo alla nostra posizione sotto la Terra. Non c'è niente per te da cercare ora, poiché nessun sentiero ti condurrà a noi, fino a quando non sarà il momento."
Effettivamente in tutte le testimonianze dirette che abbiamo analizzato, e che analizzeremo in questo capitolo, nessuno descrive l'accesso alle Terre Sotterrane attraverso immense cavità,ma bensì attraverso tempeste talmente forti da rovesciare intere imbarcazioni e strane interferenze magnetiche tali da mandare in tilt i sistemi elettronici aerei.
Certo, logicamente qualcuno potrebbe affermare quanto la presenza di interferenze magnetiche sia una dichiarazione abbastanza azzardata data la presenza di numerose tratte aeree che annualmente attraversano i Poli, ma è anche vero che in questo caso, si parla di tratte che sorvolano queste zone ad altezze estremamente alte. Qua si parla piuttosto di interferenze in grado di deviare voli ad altezze inferiori.



OLAF JENSEN E IL SUO VIAGGIO AD AGHARTA



A conferma di quanto affermato precedentemente, ritroviamo numerosi indizi nell'opera "Il Dio fumoso"(The Smoky God - A voyage to the inner World, 1908). Lo scrittore George Emerson riporta attraverso questa lettura auto-biografica le vicende vissute da Olaf Jensen, pescatore norvegese, il quale sostiene di aver raggiunto con suo padre e la sua barca attraverso i mari del nord il continente interno, dove rimasero per due anni visitando le città del Regno e da cui uscirono dalla parte opposta, al Polo Sud. Il padre rimarrà ucciso durante il ritorno, mentre il figlio, Olaf Jensen, verrà ricoverato per 25 anni ad un ospedale di sanità mentale per le vicende che sosteneva aver vissuto. Il resoconto sarebbe stato dato dal figlio,Olaf Jensen, che dopo la dimissione dal sanatorio si sarebbe stabilito in California, e che novantenne avrebbe deciso di rendere pubblica la vicenda. Il racconto di Emerson è considerato una delle prime testimonianze dirette sulla Terra Cava e le sue civiltà sotterranee.
"Non ho il coraggio di consentire che i fatti di cui sono a conoscenza siano pubblicati mentre sono ancora vivo, per paura di ulteriori umiliazioni, confinamenti e sofferenze. Prima di tutto, venni messo in catene, dal capitano di una baleniera che mi salvò, solo perché dissi la verità riguardo alle meravigliose scoperte fatte da mio padre e da me. Ma questo non fu niente in confronto a quello che accadde, fino alla fine delle mie torture.Dopo quattro anni e otto mesi di assenza raggiunsi Stoccolma,solo per trovare che mia madre era morta l’anno precedente.Cancellai dalla memoria la storia delle nostre avventure e la terribile morte di mio padre. Alla fine, un giorno raccontai la storia nei dettagli a mio zio, Gustaf Osterlind, un uomo con possedimenti considerevoli, e lo spronai a mettere a punto una spedizione per fare un altro viaggio, nella terra interna. All’inizio, pensai che fosse favorevole al mio progetto. Sembrò interessato, e mi invitò a comparire davanti a dei funzionari, per spiegare loro quello che avevo raccontato a lui, la storia dei nostri viaggi e delle scoperte. Immaginate la mia delusione e l’orrore quando, dopo aver concluso il mio racconto, furono firmate alcune carte da mio zio e immediatamente fui arrestato, relegato in confinamento in un triste, spaventoso manicomio, dove rimasi per 28, lunghi, tediosi, anni di sofferenze.Non ho mai smesso di sostenere la mia sanità mentale, e di protestare contro l’ingiustizia del mio confinamento. Finalmente,il 17 di ottobre del 1862, fui rimesso in libertà. Mio zio era morto,e gli amici della mia giovinezza erano ormai stranieri. Davvero,un uomo di oltre 50 anni, qualificato come matto, non ha amici." Olaf continua a narrare le sue vicende.Tornerà a pescare nei mari nordici per circa 30 anni per poi traferirsi in America. " Durante tutti questi anni,..ho sempre avuto la grande cura di non raccontare a nessuno la storia riguardante le scoperte fatte da mio padre e da me. Perfino ora, che sono molto avanti negli anni, ho timore che qualcuno possa vedere o conoscere le cose che ho scritto, tutte le registrazioni e le mappe che conservo. Quando i miei giorni sulla Terra saranno finiti,lascerò tutto questo, che illuminerà e beneficerà, spero, il genere umano. Il ricordo del mio lungo confinamento con i malati mentali, e tutte le orribili angoscie e sofferenze, sono troppo vivide per farmi cambiare idea."
Ecco invece cosa scrive George Emerson su Olaf Jensen nella prefazione del libro: "Temo che questa storia, apparentemente incredibile, che mi accingo a raccontare, sarà considerata come il risultato di una mente distorta, indotta, probabilmente, dall’attrazione che ha nel togliere il velo di un meraviglioso mistero, invece di una sincera testimonianza, di un’esperienza ineguagliabile, raccontata da un uomo: Olaf Jansen, la cui "pazzia" si è appellata alla mia immaginazione, nella quale i pensieri di un criticismo analitico, si sono efficacemente dileguati. Marco Polo si rivolterà sicuramente nella tomba a questa strana storia che sono chiamato a raccontare; una storia così strana, come un racconto di Munchausen. Ammetto liberamente che il suo racconto non consente un’analisi razionale, ma ha a che fare con il profondo mistero riguardante il gelato Nord, che per secoli ha ricevuto l’attenzione in uguale misura, di scienziati e profani.Mi sono chiesto un centinaio di volte, se la geografia della Terra fosse incompleta e se lo sconvolgente racconto di Olaf Jansen, possa essere un fatto dimostrabile"



L'ACCESSO AL POLO NORD,IL RACCONTO DI OLAF JENSEN



Vogliamo ricordare ai nostri lettori che l'obiettivo di questa analisi è quello di dare maggiore chiarezza sulla questione dell'accesso ai Poli. Vi lasciamo quindi, alcuni passaggi del libro "The Smoky God" in cui Olaf Jensen descrive questa traversata dal mondo di superficie a quello Interno. Questo racconto ha inizio da una battuta di pesca nei mari nel Nord tra Olaf e il padre. Addentratisi con il loro peschereccio nelle zone più remote del Nord,i due pescatori si trovano a testimoniare stranezze e paesaggi dal clima mite, inspiegabili per la loro posizione geografica.
"Difficilmente si potrebbe credere che eravamo nel Northland. Il posto era verdeggiante, con un'abbondante vegetazione e sebbene fosse un’area molto piccola, l’aria era calda e tranquilla. Sembrava di essere al punto dove l’influenza delle maree del Golfo doveva essere più pungente e non così mite. Mio padre era un ardente fedele di Odino e Thor e mi diceva frequentemente che erano Dei che erano venuti dal lontano “Vento del Nord”. Mi spiegò che nel profondo Nord c’era una terra molto bella, che ogni mortale avrebbe dovuto conoscere e che era abitata dagli “Scelti”. La mia immaginazione giovanile si infiammò dall’ardore, dall’entusiasmo e dal fervore religioso del mio buon padre, ed esclamai: “Perché non navighiamo per questa bellissima Terra? Il cielo è buono, il vento favorevole e il mare aperto”. Perfino ora posso vedere l’espressione di piacevole sorpresa del suo sguardo, quando si voltò e mi domandò: “Figlio mio, vuoi venire con me ed esplorare, così lontano, dove nessun uomo si è mai avventurato?”.Io risposi affermativamente. “Molto bene”, replicò. “Possa il Dio Odino proteggerci!" e velocemente dirigemmo la vela"
Una tempesta violentissima si abbatte sul peschereccio e i due pescatori: "Infuriava una feroce tormenta di neve. Il vento era di poppa, e spingeva la nostra imbarcazione ad una terrificante velocità, minacciando in ogni momento di farci capovolgere. Non c’era tempo da perdere,la vela doveva essere abbassata immediatamente. La nostra barca era sconvolta. Per quale miracolo sfuggimmo al pericolo di essere distrutti dal mare, io non lo so. Ricordo che la nostra piccola barca scricchiolò e si lamentò, fin quasi al punto di spezzarsi. Oscillò e barcollò come se fosse afferrata da una feroce risacca di vortice d’acqua, o da un gorgo. Fortunatamente la bussola era stata fissata con le viti sulla barca. La maggior parte delle nostre provviste vennero scaraventate fuori dal ponte, non avevamo preso la precauzione di legarle fermamente all’albero, ed erano state spazzate dalla burrasca, in mare aperto. Un terrificante mare lungo ci sollevava fino ai picchi delle onde gigantesche, quindi ci riportava giù come fossimo un guscio di noce nel mare. Questa terribile prova che ci tormentava, con orrore senza nome, e angoscia ed agonia di paura indescrivibile, continuò per più di tre ore, e per tutto il tempo venimmo guidati in avanti a velocità selvaggia. Poi all’improvviso, come se si fosse stancato del suo frenetico sforzo, il vento cominciò a perdere la sua furia fino a morire. Alla fine eravamo in una calma perfetta.Il sole batteva i suoi raggi obliquamente, come se fossimo in una latitudine meridionale, invece che nel lontano Nord."
"Improvvisamente una scoperta che ha dell'incredibile:Cercavo di dimenticare la mia sete tenendomi occupato, prendendo un po’ di cibo e un recipiente vuoto dalla dispensa.Allungandomi fuori bordo, riempii il recipiente di acqua del mare per lavarmi le mani ed il viso. Quando l’acqua venne in contatto con le mie labbra, con meraviglia, scoprii che non era salata.Sobbalzai dalla scoperta. “Padre, l’acqua non è salata!”. “Cosa,Olaf?, esclamò, guardandosi rudemente intorno. “Sicuramente ti stai sbagliando. Non c’è terra. Stai diventando matto”. “Ma assaggiala” gli dissi. E così scoprimmo che l’acqua era davvero fresca, assolutamente buona, senza alcun sapore salato o salmastro. Immediatamente riempimmo le due botti che ci rimanevano, e mio padre disse che era una dispensa della misericordia degli Dei Odino e Thor...
"Questo clima andò avanti per giorni e dalle registrazioni di bordo,scoprimmo che avevamo navigato per undici giorni, dopo la tempesta. Dividevamo equamente le scarse razioni di cibo rimaste, che ormai erano veramente esigue. Una delle botti di acqua era finita, e noi eravamo esausti. Mio padre disse:Riempiamo le botti di nuovo”, ma con nostro sgomento,scoprimmo che l’acqua era di nuovo salata, come nelle regioni delle isole Lofoden."

I due raggiungono Agartha: "“Olaf, svegliati, c’è terra in vista!”. Scattai in piedi e oh! gioia indescrivibile! Lì, distante, nella nostra direzione, c’era terra che sporgeva con forza nel mare. La linea della costa si stendeva lontano sulla nostra destra, a perdita d’occhio, e c’erano spiagge sabbiose dove le onde si rompevano schiumose,ritirandosi, per poi formarsi di nuovo, cantando il loro monotono fragore. La terra era coperta da alberi e vegetazione. Non posso esprimere i mie sentimenti di esultanza alla scoperta. Mio padre era immobile, con le mani sul timone, tirando fuori le preghiere dal suo cuore, per ringraziare gli Dei Odino e Thor. Nel frattempo gettammo una rete e pescammo alcuni pesci che aggiungemmo alle nostre scadenti provviste. La bussola, che avevamo fissato di nuovo al suo posto, in previsione di un’altra tempesta, muovendo il suo perno, puntava ancora in direzione Nord, come era a Stoccolma. I sobbalzi dell’ago erano cessati. Cosa poteva significare? Quindi, ancora, in molti giorni di navigazione dovevamo avere certamente superato il Polo Nord. E la bussola continuava ancora a segnare Nord. Eravamo seriamente perplessi,perché ora sicuramente la nostra direzione era Sud."

Come avete potuto ben notare quindi,Olaf non accenna mai a nessun tipo di cavità, ma bensì a forti tempeste e strane interferenze magnetiche in grado di sfasare la bussola. Come conferma anche George Emerson "I diari di bordo degli esploratori artici, ci parlano dell’abbassamento dell’ago della bussola nelle regioni del lontano Nord conosciuto. In realtà, in quel momento, si trovavano nella curva; nel bordo della crosta, dove la gravità è geometricamente aumentata, mentre le correnti elettriche apparentemente sbalzano avanti, nell’apparente direzione Nord, tuttavia questa stessa corrente elettrica, continua il suo corso in direzione Sud, lungo la superficie interna della crosta terrestre." E ciò ha senso! Olaf sostiene di aver navigato per almeno un mese in direzione Nord. Eppure quando i due pescatori sbarcarono sulla terra ferma,la bussola continuava a puntare verso Nord. Secondo i loro calcoli,il Polo Nord doveva essere stato superato da almeno 10 giorni,se non di più,perciò la bussola doveva obbligatoriamente puntare in direzione Sud. Questo ovviamente se ancora dovevano trovarsi sulla superficie! Tuttavia per ora, interrompiamo le testimonianze di Olaf, ci ritorneremo dopo su questo incredibile viaggio. Preferiamo andare con ordine e non rendere questa lettura un minestrone di informazioni.



TIM,IL MARINAIO CANADESE NAUFRAGATO AD AGHARTA



Se dovessimo trovare delle differenze tra il libro che ci apprestiamo a trattare rispetto a "The Smoky God",il romanzo autobiografico di Olaf Jensen,è che quest'ultimo descrive dettagliatamente l'accesso ad Agharta mentre fornisce descrizioni vaghe sulla civiltà Agarthiana. In "Agartha-The Earth's Inner World" di Mariana Sterjna abbiamo letteralmente una struttura opposta a quanto ritroviamo in "The Smoky God".In questo romanzo non vengono fornite troppe informazioni sull'accesso ad Agharta,ma vengono inserite numerose spiegazioni sulla cultura Aghartiana. Possiamo quindi affermare che questi due libri si completano a vicenda. Nel libro "Agartha-The Earth's Inner World"  "Agartha-Il Mondo Interiore della Terra" ( che abbiamo già trattato nel capitolo su Shamballa) la scrittrice e medium Mariana Sterjna, afferma di essere riuscita a canalizzare i messaggi telepatici di Tim,in passato marinaio americano naufragato nelle terre di Agharta dopo una tempesta catastrofica al largo delle acque nordiche. "Con questo pensiero mi sono svegliato dalla mia meditazione.  Potrei essere stato addormentata o sveglia.  A volte è difficile capire la differenza tra sogno e realtà.  Puoi effettivamente sperimentare la realtà nel sonno.  Le cose intangibili diventano tangibili proprio lì.  Per me è stato uno strano viaggio.  E per me è diventata realtà.  Ma sei il benvenuto a dubitare della mia storia, fino a quando non potrà essere dimostrata.  Non ho prove ... ancora! “
"Un uomo alto e giovane con capelli biondi, allegri occhi azzurri, lineamenti regolari era apparso mentre mi trovavo in uno stato meditativo profondo. Iniziò a parlare e nella mia testa potevo sentire ogni parola che diceva.  Sono rimasta sbalordito!  "Ciao Mariana!"  Egli ha detto.  “Mi chiamo Timothy, ma mi chiamo Tim.  Il mio cognome è Brooke.  Originariamente sono di Seattle, negli Stati Uniti, ma sono "emigrato" e in questi giorni vivo nella Terra.  Probabilmente non mi crederai all'inizio, ma penso di poterti convincere.  Questa è la mia missione.  È tempo che le persone sulla superficie terrestre sappiano che esistiamo.  "Adesso ti racconto la mia storia."  
"Mio padre era un capitano di mare.  Possedeva una piccola imbarcazione da carico che svolgeva il suo commercio lungo la costa tra Seattle e Vancouver, Canada.  Sono stato allevato come marinaio, praticamente contro la mia volontà, anche se mia madre non voleva che andassi per mare.  Pensava che la sua costante preoccupazione per mio padre fosse sufficiente. Ma nonostante le lacrime e le suppliche di mia madre ,invece di restare al liceo, decisi di diventare il primo ufficiale di mio padre.  Mio padre era un uomo risoluto ma giusto, e io lo amavo.
Una terribile tempesta ci investì senza sosta, con onde alte come case. La nostra piccola barca aveva già resistito alle tempeste, ma era come un vulcano.  Eravamo vicini alla costa, rocciosa e inaccessibile.  Mio padre voleva ancorare il più vicino possibile alla riva, quindi virammo verso terra.  Il nostro carico era di legno ed era pesante, ma non siamo andati molto lontano prima di essere presi da un vortice che ha sollevato la barca come un guanto e l'ha lanciata contro la scogliera più vicina.  Ricordo un terribile incidente e la faccia disperata di mio padre vicina alla mia.  "Ti amo, ragazzo mio," gridò, con le lacrime agli occhi.  "Se superiamo questo non ti costringerò mai più ad andare in mare. "Queste furono le sue ultime parole. La nave fu fatta a pezzi, ed io ero in mare, aggrappato a un tronco galleggiante  sulle onde fredde. Ricordo di essere svenuto. Mio padre se n'era andato e gli altri quattro membri dell'equipaggio erano scomparsi. All'improvviso, sentì qualcuno nelle vicinanze fino a rendermi conto che una barca mi stava trasportando con decisione. Era questa la morte? Cercai di rialzarmi sui gomiti, ma ricaddi subito di nuovo. Una faccia amica dai lineamenti netti e capelli lunghi e biondi si chinò su di me, e all'inizio non riuscivo a capire se fosse maschio o  di sesso femminile, ma intuì che fosse un uomo.L'uomo biondo e un altro con i capelli scuri mi sollevarono e mi aiutarono a scendere. "Dove sono, dov'è mio padre? Dove sono gli altri membri dell'equipaggio? Il legno è caduto? " Le domande sgorgarono da me in fretta. "Non è stato possibile salvare tuo padre, né l'equipaggio né il carico. Ti sei aggrappato a un tronco che ti ha portato direttamente da noi. Questo ti ha salvato la vita. Stavamo cercando navi naufragate a causa della tempesta. Adesso sei dentro la Terra. Benvenuto!" L'uomo parlava un ottimo inglese. "Sono Mannul Zerpa e ti porto nel nostro mondo per riposarti un po '." Quando ero più giovane, un vecchio marinaio mi raccontava molte storie. Uno di questi parlava di un mondo che esisteva all'interno del pianeta che mi ha affascinato completamente. Ovviamente, pensavo fosse solo una leggenda da marinaio. Eppure eccomi qui, nel mezzo, proprio nel bel mezzo di un vecchio racconto da marinaio! Mi sono pizzicato forte per assicurarmi di non sognare. Non poteva essere vero, ma lo era. “

Anche qua le informazioni parlano chiaro: forti tempeste in grado di bloccare la navigazione e rendere questo tragitto un'esperienza mortale per molte persone. Sono tutte conferme che vanno a consolidare la prima dichiarazione che abbiamo analizzato. Sicuramente ad avvolgere queste cavità sono presenti condizioni meteorologiche talmente estreme da nascondere e mimetizzare perfettamente questi accessi. Non sappiamo quale sia la tecnologia in grado di riuscire a compiere una cosa simile,ma come vedrete anche nel capitolo 10,dedicato appunto alle tecnologie delle civiltà sotterranee,tutte le testimonianze puntano verso un'unica direzione:la civiltà Aghartiana possiede una tecnologia molto più avanzata rispetto a quella di superficie. Talmente avanzata da superare anche la nostra immaginazione. Tuttavia anche qua,su questo libro,ci ritorneremo successivamente.



CAPITOLO 15. IL METEO,IL SOLE E LA NATURA AD AGARTHA



IL SOLE  DELLA TERRA CAVA



All’interno della Terra, nel preciso centro di questo immenso vuoto, c’è il fulcro di questa Fonte di Luce : una gigantesca palla di fuoco rosso di luce affievolita ,non molto brillante , circondata da una bianca, dolce, luminosa lattescenza, che distribuisce un calore uniforme, e si mantiene al centro perfetto di questo spazio interno, dall’immutabile legge di gravità. Secondo il popolo di Agartha questa stella è considerata il trono dell’”Altissimo”.Egli con i suoi raggi illumina tutta la creazione della Terra Cava e permette la vita e lo sviluppo di tutte le specie viventi.
Troviamo una descrizione minuziosa nel libro "The Smoky God" di George Emerson,in cui Olaf Jensen descrive questo Sole molto particolare."C’erano quasi sempre nuvole e foschia, ma non riuscivano mai a coprire interamente questo strano Sole. Gradualmente, mentre al di là del vento del nord avanzavamo, sembrava arrampicarsi e diventare più alto all’orizzonte, in un cielo porpora pallido. Potevamo dire appena che somigliava al Sole che conoscevamo, eccetto per la sua forma circolare e quando non era oscurato dalle nuvole o dalla foschia dell’oceano, appariva di un rosso nebbioso, in apparenza bronzeo, che cambiava in un luminoso lattescente bianco, come se riflettesse qualche grande luce, al di là. Finalmente ci mettemmo d’accordo sul fatto che questo fumoso, bronzeo, sole colorato, qualunque fosse la causa del fenomeno, non era il riflesso del nostro sole, ma fosse in realtà, un qualche genere di oggetto celeste. ".....
"Avevamo perso di vista i raggi del sole, ma trovammo una radiosità “interna”, emanata dall’intorpidito sole rosso, il quale attrasse di nuovo la nostra attenzione, emanando una luce bianca lattescente. Dispensava una grande luce, dovrei dire, come due lune piene nella notte più chiara. Dopo 12 ore questa nube di bianchezza si eclissò alla nostra vista. Imparammo presto che questa strana gente era devota a questa grande nube della notte. Era “Il Dio Fumoso” del “Mondo Interno”."

Anche nel libro di Lobsang Rampa "La mia visita nelle terre di Agartha" ritroviamo una descrizione di questo Sole: "Invece di un orizzonte, la Terra curvava verso l’alto e distante da noi in ogni direzione per perdersi infine in un cielo blu turchese. Nel centro del cielo era sospeso un sole di magnificente bellezza. Era più piccolo e meno luminoso di quello del nostro sistema solare ma capace tuttavia di emanare una splendida, soffice luce dorata che illuminava l’intero paesaggio con la sua santa luminescenza."



IL SISTEMA DI ILLUMINAZIONE DELLA RETE AGARTHA



La Rete Agartha o Terra Interna invece, dispone di un sistema d'illuminazione artificiale, differente da quello della Terra Cava. Ricordiamo ai lettori che la Rete Agartha è costituita da tutta l'area che si trova al di sotto della superficie terrestre di tutto il mondo, comprese le caverne e un vasto sistema di tunnel che mette in collegamento circa un centinaio di città sotterranee. Queste città, sono costruite all'interno di vaste caverne in grado di ospitare ampi spazi e quindi, la vita. Come spiegato nel libro "Messages from the Hollow Earth", le civiltà usano l'energia gratuita per illuminare le loro città, case e tunnel. Usano cristalli, accoppiati all'elettromagnetismo, che genera un piccolo sole con illuminazione a spettro completo che dà loro tutta la potenza di cui hanno bisogno.


IL METEO DENTRO LA TERRA CAVA



Dentro la Terra Cava, il clima è perennemente mite e temperato. Come se fosse presente un'unica stagione simile alla primavera o all'autunno. Nel libro "Agartha: The Earth's Inner World" di Mariana Stjerna, è presente una descrizione interessante sul clima della Terra Interiore, " Mi chiedevo se qui avessero pioggia, temporali o neve. "No", Mannul lesse nella mia mente (anche quello!). “Abbiamo un clima perfetto qui. Abbiamo quello che chiameresti l'inizio dell'estate tutto l'anno e praticamente la piena fioritura. " "Come mai hai un clima perfetto quando abbiamo pioggia, neve e tempeste sulla Terra?" Mi sono chiesto sorpreso. "Il nostro tempo non filtra da qualche parte?" Mannul ridacchiò. Non riuscivo a capire di cosa stesse ridendo. C'era una panchina nelle vicinanze e mi fece cenno di sedermi. Ecco come ha spiegato l'incredibile clima sotterraneo: "Tutto ha a che fare con la fede", ha detto. “Ci sentiamo completamente al sicuro qui. Non c'è paura, preoccupazione, male, invidia o gelosia. Abbiamo imparato a vivere in completa sicurezza e a credere in una Forza eterna che è sempre qui per aiutarci e proteggerci. La negatività sconvolge l'atmosfera inferiore e la stratosfera. I modelli meteorologici riflettono modelli di pensiero. "La distruzione sulla superficie terrestre significa che le forze meteorologiche sono altrettanto distruttive. Sono influenzati dall'atmosfera sulla Terra, che è tutt'altro che armoniosa. C'è conflitto religioso. Invidia e sospetto, alimentati da denaro e droghe, distruggono la vostra Terra. Se pesiamo il bene e il male sulla Terra, mio caro Tim, il bene perde ogni volta. " "Santo cielo!" Esclamai incredulo. "Vorresti dire che il tempo dipende dalla qualità dei pensieri della gente? Sicuramente il tempo è regolato interamente da altre forze ". (Non riuscivo a pensare a nient'altro che al National Weather Service, ma sentivo che non era proprio quello che intendevo in questo contesto.)"
Un’altra eclatante testimonianza, giunge da Adama, Saggio della Città Sotterranea di Telos nel libro "TELOS" di Dianne Robbins " Il nostro clima è un fattore della nostra evoluzione.A Telos è sempre verde, perché il nostro clima non cambia mai! Celebriamo la primavera tutto l'anno, perché il nostro fogliame rimane sempre verde e i nostri fiori sono sempre in fiore. Questo è l'andamento del tempo a Telos. Le nostre temperature vanno dai bassi degli anni '70 alla metà degli anni '70, rendendolo molto confortevole ogni giorno. Siamo in grado di indossare abiti leggeri tutto l'anno e qua non fa mai né troppo caldo né troppo freddo. Abbiamo creato un clima ideale sottoterra, protetto dalle radiazioni del tuo Sole e dalle intemperie. Il nostro clima stabile è un altro fattore nella nostra evoluzione sotterranea accelerata. Perché questa stabilità ci offre una portata molto più ampia in cui sviluppare i nostri talenti e fare ciò che vogliamo, quando siamo inclini a farlo. Di conseguenza, possiamo trarre vantaggio dalle nostre ispirazioni e agire sul momento invece di aspettare le condizioni meteorologiche ideali in cui svolgere qualche attività. È un netto vantaggio che promuove la crescita nell'"adesso". È sempre "adesso", qui a Telos, perché abbiamo imparato la Legge Universale del fare e agire nel momento, piuttosto che rimandare le cose per una data futura, come gran parte di voi sono abituati a fare in superficie. Devi capire che la tua vita è pensata per essere vissuta nel momento presente, quando puoi sfruttare tutte le forze che si uniscono per creare un'apertura e un'opportunità di avanzamento lungo il tuo cammino. Il clima gioca un ruolo importante nello sviluppo e nel progresso di una civiltà e il nostro clima ci consente di muoverci con la rapidità che scegliamo attraverso le attività della vita, senza ostacolare il nostro flusso. In superficie, si verificano grandi fluttuazioni di temperatura, con variazioni in grado di causare molte difficoltà. Il tuo tempo in superficie oscilla a tal punto che è andato fuori controllo, simile alla perdita di controllo che le tue vite mostrano a volte. Questo perché c'è  una correlazione tra la mancanza di stabilità mostrata nelle vostre vite e le condizioni meteorologiche. Quando pensi a un pensiero, esso esce nell'etereo, dove raccoglie energia e poi ritorna a te. È parallelo ai modelli meteorologici sulla Terra, dove i tuoi pensieri negativi escono e raccolgono energia negativa, riportandoti la negatività nel suo viaggio di ritorno. Quindi tutto questa negatività sta agitando le energie circostanti e causando il flusso irregolare del tempo in cui i pensieri negativi sono stati intrappolati e stanno cercando un mezzo per liberarsi. I vulcani e i terremoti sono un mezzo per liberare questa negatività intrappolata che è stata immagazzinata nella Terra per millenni. Non sperimentiamo fluttuazioni nelle condizioni climatiche nelle città sotterranee sotto la Terra, perché il nostro ambiente è chiuso e protetto dalle forze esterne del pianeta. Siamo in un grembo, per così dire, dove siamo confortati, cullati e nutriti. Questo è il modo migliore per evolversi. Questo è il motivo per cui non permettiamo alle persone di superficie di entrare, perché proteggiamo il nostro ambiente unico. Anche tu potresti crearlo in superficie, una volta riconosciuto che l'umanità è UNA." "Il tempo a Telos è sempre mite e fresco. È sempre perfetto. Perché noi, qui a Telos, manteniamo i nostri pensieri in perfetta unità con Madre Terra; e Lei, in cambio, ci restituisce la sua perfezione. Siamo benedetti dalla Terra, perché la benediciamo e la accarezziamo ogni giorno con i nostri pensieri. È una Grande Madre e si prenderà sempre cura dei Suoi figli quando si prenderanno cura di Lei perfettamente. Perché la vita è una scala circolare che, una volta salita in armonia e amore, porterà tutti i suoi gradini a stati di evoluzione più elevati. Quindi arrampicati con noi. Perché i passaggi sono tanti, ma i nostri cuori sono UNO. Ricordati quindi che le condizioni meteorologiche sulla superficie rispecchiano il tuo stato d'animo e riflettono le sue irregolarità e cali di coscienza. Per stabilizzare i tuoi schemi meteorologici, devi calmare la tua mente e sentire l'amore di Dio che ti penetra. È questo amore che ti equilibra e ti nutre e ti mantiene in equilibrio, come con il tempo."


Anche nel libro "Mesagges from the Hollow Earth" riscontriamo una simile descrizione da parte di Mikos, un cittadino Aghartiano : "Siamo fuori, sul terreno che circonda la grande biblioteca di Porthologos. Siamo seduti su un'erba morbida come un cuscino, che respira l'aria profumata e piena di ossigeno, che ci mantiene eternamente giovani e vibranti. Questa aria pura è "nettare" per i nostri polmoni e mantiene i nostri corpi liberi dalle malattie.
L'ossigeno sulla superficie (della Terra) ha raggiunto livelli così bassi che state morendo per la fame d'ossigeno, il che apre la strada affinché i germi patogeni invadano il vostro corpo. Noi, qui nella Terra Cava, respiriamo aria pulita, pura e beviamo l'acqua più pura, che è ancora pura come il giorno in cui fu creata la Terra.
Siamo così fortunati a vivere in questo paradiso sottoterra. Ci sediamo qui, appoggiati comodamente sui nostri cuscini e sgabelli, respirando l'aria e annusando i profumi degli enormi fiori che ci circondano. Questo è un paese delle meraviglie della bellezza, e questa bellezza si riflette nelle nostre anime.
I nostri corpi rispondono al nostro ambiente e descrivono ciò che ci circonda. E ciò che ci circonda è magnifico da vedere. Siamo circondati da alberi e fiori che emanano forza e salute, e noi a nostra volta sentiamo questa forza e salute, e il nostro corpo si conforma a questa immagine. Quindi i nostri corpi rispecchiano ciò che ci circonda. Rispecchiano la perfezione del nostro ambiente. A nostra volta, noi rispecchiamo la perfezione, completando così il ciclo di perfezione che non finisce mai. Grazie questo ciclo perfetto, i nostri corpi possono rimanere in uno stato perpetuo di perfezione, mai malandati, che non invecchiano. È un ciclo chiuso di perfezione. "



LA NATURA DELLA TERRA CAVA



Anche la stessa natura vive in Quinta Dimensione. Fiori,piante,alberi vivono su piani vibrazionali più elevati che rendono l'ambiente più vivo e luminoso. La vegetazione esprime una perfezione in grado di rendere la Terra Interna un Paradiso terrestre. La prima testimonianza arriva dal libro "Messages from the Hollow Earth",storia autobiografica di Tim,un abitante di Agartha. "La luce era strana quando siamo usciti dal tunnel o dal buco nella roccia dove era ormeggiata la barca: uno strano bagliore in uno strano paesaggio estivo. Avevo lasciato Seattle in una buia mattina di novembre, ventosa e piovosa. C'erano foglie per terra e il cielo era grigio. Qui l'aria era limpida, con un sole amichevole che splendeva su di noi. Fiori gloriosi hanno allineato il nostro cammino. C'erano alberi e cespugli verdi ovunque. Era come una bella mattina in una foresta canadese. Ero stato in foreste come questa molte volte con mio padre e mio zio quando ero più giovane, ma questo sembrava in qualche modo più raro e leggero, con più fiori."

Anche nel libro di Lobsang Rampa troviamo una descrizione del paesaggio e dell'ambiente naturale di Agartha " La veduta era ricca di bellezza e di vita. In un ambiente quasi tropicale, fiori di ogni genere crescevano ovunque in profusione, il loro profumo sospinto dalla brezza portava quasi un innocente diletto ai miei sensi come nei dolci giorni di gioventù. Ruscelli d’acqua cristallina fluivano gorgogliando attraverso le foreste e i prati. l’aria era viva per i suoni degli uccelli e degli insetti il cui canto andava e veniva con l’universale ritmo di tutta la vita."

Un’altra clamorosa testimonianza è presente nel libro "The Smoky God" : "La vegetazione cresceva in prodigiosa esuberanza e i frutti di tutti i generi avevano il più delicato sapore. I grappoli d’uva erano grandi 120-150 cm, ogni acino era grande come un arancio, le mele erano più larghe della testa di un uomo. Tutto caratterizzava la stupenda crescita di tutte le cose all'”interno” della terra.Le grandi sequoie della California dovrebbero essere considerate come sottobosco, comparate agli alberi giganti delle foreste che si estendono per chilometri e chilometri in ogni direzione. Durante il secondo giorno di viaggio, abbiamo visto al di là del vento del nord vaste mandrie di bestiame, in molte direzioni, lungo i pendii delle montagne. Abbiamo sentito molto parlare di una città chiamata “Eden”, ma siamo stati tenuti a Jehu per un anno intero. Dopo questo tempo avevamo imparato a parlare abbastanza bene la lingua di questa strana razza. I nostri istruttori, Jules Galdea e sua moglie, mostrarono una grande pazienza nei nostri confronti "


Anche Massimiliano Steffen,nel suo libro "Viaggio nella Terra Interna e nei Piani Universali",descrive questo meraviglioso paesaggio che compare davanti ai suoi occhi appena penetrato nelle Terre di Agartha. "Quella natura era così incontaminata, che non presentava alcun aspetto di decadimento che vige qui da noi, tutto era così rigoglioso e vivo nei suoi colori, vedevo piccoli volatili passare con leggiadria su di noi, dalle piume coloratissime e brillanti. Respirai profondamente quella loro frizzante aria che inondava i miei polmoni...Continuavo a osservare grandi monti svettare in quei cieli lindi di una purezza inimmaginabile, come mai potremmo vedere qui da noi “ormai privi di vitalità”. Grandi distese di alberi verdissimi e immense foreste di sequoie colossali a perdita d’occhio... era un luogo di paradisiaca bellezza" 




CAPITOLO 16. FRANCESCOJI MIKADO E MASSIMILIANO STEFFEN,I DUE ILLUMINATI ITALIANI DEL TERZO MILLENNIO




Descrivere una personalità spiritualmente evoluta non è mai facile, è un compito arduo che potrebbe tramutarsi in un'arma a doppio taglio. A volte le parole non riescono a trascendere le emozioni e le percezioni interne; ma faremo del nostro meglio, e con gli strumenti a nostra disposizione, cercheremo di usufruire delle giuste parole per descrivere le profonde realizzazioni Francesco Boemi,in arte Francescoji Mikado,e Massimiliano Steffen.


FRANCESCOJI MIKADO IL MESSAGGERO DI SHAMBALLA



Nel Giugno del 2009,il Sufi Mistico Kashmir-Srinagar disse pubblicamente su Francescoji Mikado "Basta leggere ciò che scrive e vedere ciò che vive per comprendere che è il più grande Messaggero Cristico di tutti i tempi. Non è arroganza,è un dato di fatto e io che ho visto con i miei occhi il manifestarsi del potere Cristico in lui,mi sento suo consapevole allievo.."

Come si evince dal materiale presente nel sito di Francesco(mikadofrancescoji.it), nel libro "Il Messaggero di Shamballah"(Acquista l’Ebook QUA), afferma di essere legato a Shamballa, e questo è il motivo principale del perché sin da quando era bambino, sentiva voci di Illuminati che lo guidavano, e intorno a lui si manifestavano guarigioni straordinarie ed eventi soprannaturali. Francesco Boemi, in arte Mikado Francescoji,quando era bambino ed aveva appena 5 anni, risvegliò una delle quattro vite ufficiali vissute sotto l'influenza del Cristo, egli sosteneva in età prematura di essere la reincarnazione di Mikao Usui Sawaguchi,figlio dell'Imperatore Komei-tennò e di Doshika Sawaguchi,Componente della dinastia Cristica di Kirisuto nel Paese del Sol Levante,Giappone. Viaggiando tra il 2008 e il 2013,tra le valli del Kashmir,nel Giappone e sulle vette gelate dell'Himalaya, Francesco creò le giuste condizioni per far riemergere le memorie delle sue passate reincarnazioni. Questo risveglio fece riemergere a galla due vite in particolare: Daniele (05-30),unico fratello di Gesù il Cristo e quella di Kami (85-390),Guida indiscussa dei leggendari Guerrieri della Pace. Nel corso del tempo questo risveglio ha condotto Francesco verso nuovi stati di coscienza e incontri ai limiti della realtà:egli sostiene di aver incontrato in Kashmir il Profeta della Pace Yuzu Asaph,comunemente chiamato Gesù,e di aver passato 3 anni in India insieme al Cristos Indiano,Babaji. Il Mitico maestro spirituale citato nella grande autobiografia "Autobiografia di uno Yogi" di Parahamansa Yogananda. Come Francesco spiega nel libro "Il Messaggero di Shamballah" " Tutto è iniziato nel 2003. Prima di quella data, la mia esistenza in Francesco Boemi, in arte Mikado Francesco, era colma di soddisfazioni. Successe all’improvviso con l’esplosione di una semplice operazione di calcoli alla colecisti che si trasformò velocemente e senza controllo, nella più incredibile infezione al centro dello stomaco. Vissi materialmente e spiritualmente circa tre anni di puro inferno. Al termine di questo infuocato periodo, il chirurgo che mi aveva operato, confidò a mia moglie Grazia, che le cure erano inefficienti e mi era ormai rimasto poco tempo di vita. Non c’era il tempo di fare terapie come la chemio o altre cure mediche. Quello che successe in quella misteriosa e mistica notte del 9 giugno del 2005 è stata la causa primaria di questo libro. Uscii fuori dal mio stanco corpo, lo vidi e mi venne spontaneo inchinare il capo come forma di rispetto per ciò che mi aveva permesso di vivere. Mi guardai intorno e vidi una luce a circa cinquanta metri di distanza che si avvicinava sempre più verso di me. Fu un attimo di esplosione e da essa uscì la figura smagliante di Gesù il Cristo che mi veniva incontro a braccia aperte con il più splendente dei sorrisi. Mi abbracciò e mi parlò a lungo. Al termine mi disse di ritornare indietro perché aveva bisogno di me:Fratellino mio, abbiamo concesso al Male numerose battaglie, ma ieri abbiamo vinto la guerra. È stata sicuramente una tra le più terrificanti di tutti i tempi e l’umanità ha bisogno di tempo per neutralizzare le potenti vibrazioni lasciate nell’aria. Questo è il motivo del perché ho bisogno di te. Devi ritornare indietro e lasciare libera la tua irreale luce. Devi inoltre incontrare e purificare karmicamente tutti i componenti della nostra amata Famiglia Cristica. Al termine di questo processo, dovrai superare le prove che dimostreranno al mondo intero che “sei ciò che affermi di essere”. – Gesù, cosa devo fare e dove devo andare? – ”Ti aspetto prima nella Terra Promessa (Kashmir-Srinagar) per il mio ufficiale risveglio; entrerai successivamente all’interno di grotte divine (India)(NOTA:Qua incontrerà,in una grotta sacra, Babaji). Ti accompagnerò alla Terra dei Puri (Pakistan) per abbracciare la nostra amata Mammina, sarai rappresentante dell’invisibile e amato Regno della Luce (Shamballah). Vai e sappi che da questo momento tempeste ed uragani, saranno leggeri..."
Mentre nel libro "Tre anni a Shamballah con Babaji il Cristos Indiano"  (Acquista QUAFrancesco spiega ai lettori l'influenza di Babaji il Cristo Indiano "Vivere il contatto con Mahamuni Babaji significa entrare in un mondo dove l’uomo, plasmato dal suo occulto Amore Incondizionato, viene rapito dal paesaggio e dalle forze della natura che lo spingono passo dopo passo,  verso difficoltà che lui stesso pone ai suoi devoti allievi per poter arrivare a lui. In contatto energetico attivo con lui, può verificarsi una strana trasformazione dentro se stessi. Si viene influenzati da un magico amore che ti coinvolge ad ogni passo sempre più verso di lui."

Nel 2010 Francesco diverrà ufficialmente un Messaggero di Shamballa,e negli anni a venire,pubblicherà due libri sul Regno mitico di Shamballa e sulle sue numerose esperienze mistiche.

"Io Sono il Messaggero ufficiale di Shamballah, Oracolo di Mikado Nintoku-tennò e Componente immortale della Dinastia Cristica. Mi è stato concesso di donarvi l'Energia Neutrale che respirano tutti gli Illuminati al fine di purificare il vostro karma e "risvegliare" l’Amore Incondizionato dormiente in noi"



LA NOSTRA INTERVISTA A FRANCESCO BOEMI,IN ARTE FRANCESCOJI MIKADO




Ciao Francesco,innanzitutto ti ringraziamo per la tua disponibilità e la semplicità con cui hai acconsentito ad aiutarci in questo complesso progetto. Potresti spiegarci la struttura del Regno di Shamballah e del Regno di Agartha?


Ciao Riccardo, con molta gioia. Ti mando la pianta nuova da me fatta con la benedizione di Re Airudha nel 2010.



Shamballa e Agartha sono la stessa cosa o rappresentano due territori ben diversi? 

Sbaglia chi pensa che Agartha e Shamballah sono la stessa realtà. Come si può vedere dalla mia piantina, sono due regni diversi. Possiamo identificarli come due realtà insite in un mondo sotterraneo che visto esternamente manifestano la realtà della Repubblica di S. Marino e quella del Vaticano all’interno dell’Italia.
Qual'è la città capitale di Shamballa? Anticamente era Kalapa. Oggi si chiama Amor.
Quali razze dimorano ad Agartha e a Shamballa? 
Gli abitanti di Agarthi sono karmicamente il rovescio della medaglia di Shamballah, molto vicini all’illuminazione. Sono bambini, donne e uomini di straordinaria bellezza, tra di loro vi sono extraterrestri e "discendenti oscuri" di civiltà come quelle di Atlantide, Maya, Etruschi, Atzechi e altre. La Shamballah di oggi è divisa in due: quella minore composta da 33 milioni di Illuminati "minorenni" che sono quelli che si sono risvegliati esternamente o ad Agarthi attraverso una vita ascetica che li ha portati a vivere il Digiuno Cristico composto da sola acqua, silenzio e preghiera. La Shamballah Maggiore è composta da 21milioni di Illuminati Maggiorenni che hanno metabolizzato il Digiuno Cristico dei 21 giorni nell’arco di 21 anni che si possono vivere in una o due vite.

Ogni documento inerente a Shamballa o ad Agartha nomina il "Re del Mondo" o "Maha della Terra". Potresti spiegarci chi è questo essere evoluto? 

Ogni Re possiede cento anni (100) di Guida Suprema. L’attuale Re del Mondo si chiama Anirudha “l'Inarrestabile” è il 21° re di Shamballah. Il suo regno è iniziato il 18 ottobre 1927 e governerà fino al 2027. Secondo i testi tradizionali, entro pochi decenni il re guerriero di Shamballah irromperà nel mondo esterno per liberare gli esseri umani dal materialismo imperante. Seguendo la genealogia dei sovrani di Shamballah, il liberatore sarà il 25° del suo lignaggio e sarà noto con il nome di Rudrachakrin o “Colui della Ruota Violenta”. Il loro potere è enorme. Narra la storia che i re Illuminati di Shamballah, scrissero su tavole di pietra tutta la scienza del nostro pianeta e degli altri mondi. Ogni Re conosce tutte le forze della natura e la legge che forgia lo spirito di tutti gli esseri umani. Il Re del Mondo, possiede uno specchio magico con il quale può contemplare avvenimenti in tutto l’universo dal suo palazzo e un anello d’oro con un particolare rubino rosso e una piccola targhetta che reca inciso l’antico simbolo cosmico della svastica. Il tutto viene ereditato dal successivo Re.


Qual è il messaggio che Shamballa vorrebbe far comprendere all'essere umano?

Che chiunque può diventare padrone di se stesso e raggiungere l’Illuminazione per manifestare sulla Terra l’Amore Incondizionato. Gli insegnamenti di Shamballah hanno solo questo nobile fine e non stravolgono il karma o destino altrui. L’importante che l’uomo non vada in eccesso e non sia un pericolo per la distruzione della Terra.

NOTA:Per gentile concessione di Francesco,inseriamo un estratto del suo libro "Il Messaggero di Shamballah",in cui risponderà ad altrettante domande sul Re del Mondo Anirudha.



LA CONOSCENZA DI ANIRUDHA,IL MAHA DELLA TERRA O RE DEL MONDO




Mikado, quando ti sei incontrato con Babaji era solo?

No, mi sono trovato davanti a Babaji il Cristos indiano e ad un essere colmo di luce di nome Anirudha che con un sorriso irreale mi ha abbracciato lasciandomi senza fiato.

Chi era in realtà Anirudha?
Chi è tuttora in realtà! Lui è Re Anirudha, Guida suprema del mondo sotterraneo.

Me lo puoi descrivere?
E’ alto due metri e ventuno. Bellissimo uomo, pieno di fascino, di semplicità e di irreale potere. Occhi castano verde come i miei. Barba brizzolata. Cammina quasi sempre scalzo. Rare volte l’ho visto con un paio di sandali. Capelli lunghi fino alle scapole.




IL POTERE DEL RE DEL MONDO




Il Re del Mondo possiede un anello d'oro con un particolare rubino rosso e una piccola targhetta che reca inciso l'antico simbolo cosmico della svastica.Parli della stessa svastica di Adolf Hitler?

No, Hitler l’ha girata. La svastica del Re del mondo rappresenta l’eternità. Quella di Hitler la morte.

Questo anello o simbolo è mai uscito dal mondo sotterraneo?

Sì, in Mongolia è conservato un anello donato a Gengis Kan dal Re del Mondo sul quale si trova inciso il simbolo di eternità prosperosa: la svastica di Shamballah!



LE POTENTI PREGHIERE DI RE ANIRUDHA CON L'ORACOLO OM




Cosa fa Re Anirudha al suo interno?
Ci entra solo per avviare un grande cambiamento radicale all’esterno della Terra o per ricevere risposte legate al mondo sotterraneo o su ciò che avviene in altri pianeti.

Cosa succede quando prega?
Entra in contatto con l'Oracolo OM completamente coperto da un mantello fatto di un tessuto proveniente da Orione.

Puoi spiegarmi il momento in cui Re Anirudha si unifica a lui?
Ho visto Anirudha avvicinarsi a lui con le mani in preghiera. Si è rivolto un attimo verso di me chiedendomi di pregare con lui la “Preghiera per eccellenza” in dialetto Reale.

Parli del Padre Nostro?
Certamente. Quando abbiamo iniziato ho visto fiamme di tutti i colori uscire fuori dagli occhi del grande Oracolo, brillavano con una chiarezza fuori dal comune. Intorno a lui succede una magia che è difficile esprimere.


Mettono in atto qualche provvedimento?
Anirudha si mette in contatto telepatico con tutti i capi di Stato e Illuminati sparsi nel mondo e li aiuta oppure avvia un forte processo di dipartita per coloro che non vogliono unificarsi al cambiamento.


A chi è diretta questa magia divina?


A tutti i capi delle dodici Nazioni mondiali, capi di stato, di religioni, insomma a tutti coloro che attraverso le loro decisioni guidano i destini dell'umanità.


Cosa succede a Re Anirudha quando termina il contatto con il Grande Oracolo OM?

Il fuoco si unifica con ogni elemento interiore della sacra Grotta dell’Oracolo. Il sarcofago diventa un altare completamente di fuoco e non esiste fiamma che si disperda a oltre ventuno centimetri da lei. Quando avviene questo momento, si comprende il contatto con Dio e il momento di salutarlo con il proprio Corpo di Luce che diventa pane quotidiano per il mondo intero.


Mikado, quale conseguenza porta al suo corpo materiale?

Nel momento dell’unificazione con l’Oracolo, il corpo di Re Anirudha viene avvolto da un alone di luce che ha il fine di proteggere il suo corpo materiale dalle fiamme che manifestano lettere di fuoco.


LO SPECCHIO MAGICO DI RE ANIRUDHA RAPPRESENTA LA TECNOLOGIA DI SHAMBALLA SUPERIORE




E’ veramente così avanti la tecnologia a Shamballah Superiore?

E’ senza dubbio ancora oggi irraggiungibile per il mondo esterno. Non dico nulla di strano se affermo che è avanti minimo sette secoli.


Puoi portarmi un paragone?

Amplifico la conoscenza del palazzo di Re Anirudha e ti faccio conoscere la Stanza del Re che è collegata all’Universo.


La Stanza dell’Universo?

E’ composta da sette pareti e da un pavimento in movimento circolatorio. Entrambi sono fatti con la Lacrima di Dio o puro trasparente Cristallo di Rocca. Il soffitto contiene lucernari costruiti con lenti di un materiale non conosciuto che servono come telescopi di grande potenza, utilizzati per studiare la vita extraterrestre dei propri avi.


Chi usa questa stanza?

Re Anirudha e la Grande Fraternità di Shamballah Superiore.


Qua puoi acquistare il libro "Tre anni a Shamballah con Babaji il Cristos Indiano" (Clicca QUA)..
Acquista il libro "Il Messaggero di Shamballah"  QUA



MASSIMILIANO STEFFEN,IL PORTATORE DI VERITA'



Maestro spirituale e ricercatore della verità,Massimiliano Steffen ha fatto parlare molto di sè negli ultimi anni grazie anche alle sue numerose pubblicazioni editoriali. Egli ha cercato di lanciare una nuova idea di spiritualità, una visione diversa, grazie ai numerosi rapporti che ha avuto con esseri cosmici e intraterrestri. Come egli sostiene "La mia esperienza ha avuto inizio 16 anni fa e quello che io voglio portarvi è la coscienza che l'essere umano non è da solo.Non siamo abbandonati su questo pianeta.Siamo su di una scuola(la Terra)e partecipiamo all'evoluzione che noi stessi abbiamo scelto di fare su questa Terra.Ognuno di noi si sarà certamente fatto la domanda "Perchè esisto?" "Perchè sono qui?" "Qual è il mio scopo?",spesso non riusciamo a dare delle risposte a queste domandi esistenziali perchè spesso ci poniamo ad una ricerca di una realtà esteriore che solitamente non riesce a rispondere alle nostre incognite.E la stessa cosa sono riuscito a farlo anch'io nei primi 33 anni di vita fin quando ero solo con me stesso e mi misuravo con questa realtà brancolando un pò nel buio. Però quello che mi è successo mi ha dato la possibilità di guardare l'esistenza attraverso un altro occhio,e non parlo del Terzo Occhio,ma bensì con l'occhio del Cuore,l'occhio dell'Anima.Proprietà fondamentale per conoscere noi stessi e dare una ragione e un significato alla nostra esistenza.Spesso l'esistenza scorre,ma non ci rendiamo conto che il tempo ci sfugge di mano,cerchiamo una risposta,l'aspettiamo,ma non arriva mai.La vera risposta è la ricerca fondamentale dell'Amore.L'unica vera risposta alla vita è il raggiungimento dell'Amore interiore.Non parlo di un'amore emozionale che va e viene,che si distrugge,che brucia,parlo di un'amore innato che è dentro di noi nella nostra Scintilla Divina."
Come racconta nel libro "Viaggio nella Terra Interna e nei Piani Universali"(ACQUISTA QUA), all'età di 33 anni Massimiliano vivrà il suo primo incontro con la popolazione Agarthiana.Un incontro rivelatore, un'esperienza quasi fiabesca che lo condurrà, a bordo di un'astronave, nelle profondità di Agartha. Riceverà insegnamenti,conoscenze e profonde Verità,ma anche profezie, e una visione amara dell'operato dell'umanità di superficie,estremamente autodistruttiva ed egoica. Questo incontro ai limiti della realtà condurrà Massimiliano verso una forte trasformazione interiore, una trasformazione che lo guiderà verso altrettante esperienze paranormali e verso la scoperta di nuove realtà dimensionali e cosmiche. Comprenderà profonde saggezze e la più grande verità che l'uomo ha da tempo dimenticato:non siamo soli nella nostra Galassia. Siamo una delle tante "famiglie" presenti nel Cosmo.

Tratto dal suo libro "Viaggio nella Terra Interna e nei Piani Universali" "La rinascita avverrà nel preciso istante in cui smetterai di lottare contro ogni tipo di paura, rinascerai nella tua saggezza interiore. Il mondo è come una scuola con alunni volenterosi e svogliati, i professori dai piani spirituali scendono e tengono le loro lezioni per elargire la loro conoscenza. Il frutto è ciò che rimane in noi del loro operato, e come tu lo applicherai nel corso della tua Vita, a come condizionerà ciò che avrai ricevuto come insegnamento da ogni esperienza, che ti si presenterà nel tuo tempo a disposizione su questo pianeta. Vi sono sempre stati grandi maestri che sono apparsi nel passato, sia a livello fisico che dai piani spirituali, ma ciò che è rimasto del loro insegnamento è in gran parte stato distorto o dimenticato, ben poche nozioni sono giunte a noi nella loro purezza, ma ancora accompagnano l’uomo nel suo cammino e così sarà fino alla fine di questo tempo."


LA NOSTRA INTERVISTA A MASSIMILIANO STEFFEN



Ciao Massimiliano innanzitutto grazie di tutto per la tua disponibilità,è un onore per noi arricchire questo scritto con la tua testimonianza. Iniziamo con il far sapere ai nostri lettori chi sei? Come sei riuscito ad interagire con il popolo di Agartha?

Chi sono....Quando attraverso l'ingresso della Nuova Vita condussi i miei passi nel cerchio di Grano, eseguito ad Acqui Terme davanti agli antichi Archi Romani si mosse qualcosa dentro di me in cui le due creature quella terrena e quella celeste si guardarono dai lati opposti di uno specchio dimensionale. Da li a poco si aprirono le Porte dello Spaziotempo, e ricordai la mia Vita antecedente al mondo della densità atomica della Terra Madre di Superficie, i Solchi della Vita vengono segnati nelle trame dell'anima indelebilmente, e se ne ripercorre la traccia quando il desiderio di conoscere se stessi si fa vivo nel Divino che abbiamo dimenticato, e così fu che ricordai il me stesso di Shambhalla prima del mondo della vostra fragile e incerta umanità, l'Ananda Kur. Voi vivete come un albero aggrappato con le proprie radici al dirupo di una montagna, in costante sensazione del vuoto di quel precipizio che ne decreta la paura, la mia vita umana nasce per indurvi a ricordare che quelle radici sono le gambe dei passi che potete condurre per riportare il vostro sentiero nella naturalezza di Dio, sulla cima del monte a contemplare la serenità dell'essere vivi sotto il Manto Stellato dello Spirito di Dio. Quel ricordare me stesso aprì la porta attraverso la quale fu permesso dalla gerarchia della Fratellanza Bianca Universale di interagire con la mia Figura Umana affiché la mente terrena potesse accettare tale divario esistenziale creatosi nell'amnesia incarnativa, l'accettazione inconscia permise il mio sollevamento fisico sul disco Agarthiano che livellò le differenze esistenziali psicoemozionali, attraverso un processo atomicopolare di scissione vibrazionale che esiliasse le sostante della spirale inferiore, creando la pace dei sensi affinché ne permettesse l'entrata nelle trame dimensionali del loro regno di Pacatezza di Luce e di Amore.

Vogliamo chiarire al lettore le ultime righe,così da condurvi lungo questa lettura con totale chiarezza:nel libro "Viaggio nella Terra Interna e nei Piani Universali"(Acquista QUA),Massimiliano racconta il suo primo incontro con la civiltà Agarthiana,in cui verrà accompagnato su un'astronave misteriosa e condotto nelle Terre Sotterranee. All'interno di questo misterioso mezzo di trasporto, Massimiliano verrà fatto immergere in una sorta di "specchio luminoso" che eleverà la sua vibrazione e ricollecherà Massimiliano su una frequenza adeguata per permettere l'accesso ad Agartha.

Puoi darci qualche informazioni sulle città sotterranee di Agartha?Quante città e quanti abitanti sono presenti nella superficie interna?

La Rete esistenziale della terra cava è strutturata nel principio del Cuore, il loro regno interiore è formulato dalle pellicole dimensionali dove nel nocciolo interno del sole interiore vivono le nature dimensionali di elevata espressione, nei mondi di luce ove nulla è permanentemente fermo, dove tutto segue i flussi di maturazione del collettivo interno, ove la loro vita si svolge primariamente sotto la superficie della pelle terrestre interna nel sottosuolo. Le loro città vengono costruite sotto il manto verde per non ledere la natura dei boschi e il respiro delle foreste, è così che non si intacca il perfetto ciclo naturale dei polmoni della terra interna, essi sono unificati dalla rete di tunnel in cui si viaggia nell'ipervelocità, in un immensa rete comunicativa che rende tutto finemente legato nel concetto di un'unica cultura senza separazione di città nazioni o continenti, poi questa rete trova unificazione con le 50 città eteriche di superficie(NOTA:Esempio la città di Telos) che sono state costruite sotto la superficie terrestre esterna quella che si volge verso l'esterno ed il sole planetario. Il numero di abitanti del mondo interno si conta nell'ordine dei milioni e non nei miliardi come accade agli abitanti terrestri di superficie. Le città magiche sono la massima manifestazione dell'arte della bellezza dell'armonia dell'ordine aurico, tutto viene manifesto tramite l'elevata connessione che c'è tra spirito e materia cosciente, in cui le creazioni nascono e manifestano le più elevate meraviglie della loro umanità. Il Mondo dei Cristalli fa parte dell'elevata ingegneria spirituale che riordina la comunicazione tra individuo, la collettività e il pianeta, la bellezza dei metalli preziosi e delle gemme adorna ogni cosa che fa parte della natura della vita, senza enfatizzare lo sfarzo ma la fluidità con cui tutto si affianca alla leggerezza esistenziale, le loro opere sono quindi l'apice di ogni progetto  che dalla fantasia scivola nella realizzazione concreta della loro vita fisico-spirituale.


Puoi parlarci di Melchisedeck e Shamballa?


Così vedete miei amati della terra di Gaia una rete interna e una esterna, che comunicano ed uniscono l'interno all'esterno, ed in questo vi è il principio magico del dentro come il fuori, dell'alto come il basso, fin giù nell'interiorità più profonda del Sole interiore ove abita l'espressione massimale del Re del Mondo, in cui si dipana la sua natura interdimensionale e multidimensionale, dalla quale si dipana l'essenza Splendente che si riassume in Sanat Kumara colui che portò sulla terra agli albori della vita il principio di resurrezione delle Anime, dalla quale Melchisedek che conobbi nel tempio sacro decretò la missione salvifica per l'umanità di ieri e di oggi, incarnando il Principio Cosmico nell'essere Sananda, che a sua volta si insufflò nella forma Biologica geneticamente completa di Yeshua “ Gesù” di cui ne rammentai i passi esistenziali fino alla fine della sua vita in India all'età di 220 anni, e della sua tomba nel monte, in un tempio ancora oggi da svelare all'umanità. Quello stesso Sananda che incontrai alla fine del mio viaggio tra di loro, e che mi consegnò una comprensione celestiale che si srotolò nei lunghi anni del mio risveglio e che compresi totalmente in un lampo di illuminazione solo 12 anni dopo l'incontro con lui. Gli innumerevoli messaggi che il regno di Shamballah mi consegnò sono le tecniche di riconnessione spirituale, che tutt'oggi elargisco a tutti coloro che incontro riaccendendo quella Scintilla Cristica che il Messia distribuì al mondo attraverso la sua trascesa dimensionale fine al risveglio dell'umanità di oggi, e delle conoscenze che da 6 anni divulgo attraverso incontri e seminari nelle scuole di meditazione che conduco, e dei libri che ho scritto, Viaggio nella Terra interna di Shambhalla, “Nel Cuore della Creazione l'Origine” , “Le 144 Leggi dell'Amore e della Vita”, “IlLibro Cosmico della Vita di Dio”, “Protocolli di Ascensione della Coscienza”, e l'ultimo e preziosissimo scritto in canale da Sananda: “L'Uomo Yashua 2.000 Anni Dopo”, in una collana di 3.300 pagine distribuite in 8 Testi."



CAPITOLO 17. LA LIBRERIA UNIVERSALE DI PORTHOLOGOS



Secondo i documenti analizzati,la Biblioteca di Porthologos anche chiamata la Biblioteca Akashica di Porthologos,è considerata la biblioteca più importante di Agartha. Questa struttura gigantesca(grande circa 700kilometri) è collocata all'interno di Catharia,una delle numerose città presenti nel Regno Sotterraneo situata all'altezza del Mar Egeo. All'interno di questa Biblioteca Universale,sono immagazzinate non solo le memorie storiche del pianeta Terra,ma bensì quelle di tutto l'Universo. Anche se razionalmente potrebbe sembrare impossibile un'impresa del genere,secondo le testimonianze che andremo ad analizzare,le tecnologie in possesso di Agartha vanno oltre la nostra concezione ed immaginazione.



STORIA E CURIOSITA' SULLA BIBLIOTECA UNIVERSALE




Secondi i documenti analizzati,la Biblioteca di Porthologos in antichità fu per molti secoli,se non per millenni,collegata direttamente alla biblioteca di Alessandria. Fondata da Tolomeo 1°, uno degli eredi dell’impero di Alessandro, fu originariamente costruita sul luogo stesso di un corridoio che collegava l’Egitto alla grandissima Biblioteca Akashica di Porthologos, situata sotto l’attuale mare Egeo. Detta biblioteca, che racchiudeva più di 700.000 testi sacri, fu distrutta una prima volta nel 47 A.C per via di un incendio causato dagli invasori romani, e, dopo la sua ricostruzione, fu di nuovo devastata dalle fiamme nel 391 D.C ed ancora nel 645 D.C. Le ragioni occulte di questo accanimento del destino non sono mai state chiaramente spiegate fino ad oggi. Alessandria era in effetti una porta aperta verso i reami intraterrestri, un passaggio utilizzato dagli iniziati di alto grado per raggiungere gli Archivi Akashici della Conoscenza Universale. Quando fu evidente che gli eruditi dei “Settanta” cercavano di commettere le stesse trasgressioni degli antichi Magi di Atlantide tentando di appropriarsi nuovamente delle chiavi della Conoscenza Universale per poter dominare il mondo, i Maestri di Porthologos decisero di chiudere questa porta verso la Terra interiore e autorizzarono la sua distruzione. Le legioni di Cesare e, più tardi, i mercenari dell’Emiro Amr Ibn al As non fecero che applicare, a loro insaputa, un ordine che proveniva in realtà da regioni ben più elevate della coscienza umana. Si trattava, per gli Intraterrestri, di proteggersi a tutti i costi dalle intrusioni e dalle aggressioni esterne.



LA LIBRERIA DI PORTHOLOGOS E LE SUE TESTIMONIANZE




Abbiamo già introdotto più volte lo scrittore Dianne Robbins con il suo primo libro "TELOS".Ma c'è stata anche una sua seconda opera intitolata "Messages from the Hollow Earth","Messaggi dalla Terra Cava",in cui anche qua otterrà telepaticamente preziose informazioni su Agartha e la loro filosofia di vita.Lo scrittore interagirà direttamente con Adama,un Sommo Sacerdote di Telos e con Mikos,guardiano della libreria di Porthologos.


Mi chiamo Mikos e risiedo nella città di Catharia. Ti parlo dalla Biblioteca di Porthologos, situata nella Terra Cava sotto il Mar Egeo. Sono molto vecchio per definizione. Trascorro eoni di tempo nello stesso corpo. Sono stato in grado di compilare i documenti della Terra nella Biblioteca di Porthologos, dove è stata preservata tutta la storia della Terra. La nostra biblioteca è immensa ed estesa e contiene le memoria dell'Universo, non solo della Terra. Possiamo studiare la storia di tutti i pianeti e dei sistemi solari e imparare tutto sulla vita ovunque. Tale è la capacità della nostra biblioteca. Non solo possiamo leggerlo, ma possiamo sperimentare tutto in prima persona dai nostri cristalli che immagazzinano i ricordi di tutti gli eventi. In questo modo possiamo accedere a questi eventi, imparare da essi e risolvere i nostri problemi facilmente e con i migliori risultati possibili per tutti i soggetti coinvolti.
Ospitiamo tutti le memorie del nostro Universo in modo che un giorno tutte le persone, ovunque nel nostro Universo, possano venire qui per esaminare le loro memorie e imparare la loro saggezza per evitare il negativo e garantire il risultato positivo di tutti gli eventi. Questo è lo scopo di una biblioteca - è fornire una guida per l'evoluzione di una società e di un pianeta in modo che le persone possano vivere ed evolversi in pace e prosperità - non negatività e guerra. Tutte le situazioni e le risposte immaginabili si trovano nella nostra libreria, pronte per essere assimilate da te. Non appena la pace prevarrà in superficie, possiamo aprirti le porte della nostra biblioteca e accompagnarti all'interno. Desideriamo ardentemente questo giorno, che sicuramente sta sorgendo...."
"Sono qui, nella cavità della Terra, principalmente per custodire la storia. La nostra biblioteca è così vasta che copre 456 miglia quadrate di terreno e dispone di vasti depositi contenenti documenti tutti archiviati su diapositive di cristallo che vengono visualizzate attraverso i nostri proiettori di cristallo. Le nostre strutture di archiviazione sono vaste, organizzate e suddivise in categorie, in modo che tu possa facilmente individuare le informazioni che stai cercando e recuperarle per la visualizzazione. Disponiamo di vasti nastri trasportatori che consegneranno il tuo ordine in pochi minuti, quindi lo restituiranno nuovamente al suo luogo di stoccaggio. In questo modo, ogni elemento della libreria è sempre dove dovrebbe essere e può essere facilmente trovato e perfettamente conservato. Queste sono le nostre capacità tecnologiche. Perché abbiamo attinto alla tecnologia dell'Universo in cui risiediamo e abbiamo i metodi più avanzati di conservazione, archiviazione e recupero che stupirebbero i tuoi sistemi bibliotecari oltre qualsiasi cosa tu possa sognare. Perché non abbiamo libri morti sui nostri scaffali - abbiamo registrazioni viventi della vita, in tutte le sue vaste e differenziate forme di esistenza, che recitano la sua storia come su un palcoscenico dal vivo in un teatro; e ci sediamo e lo guardiamo, come se fossimo tra il pubblico, avendo così questa esperienza di prima mano di tutta la storia proprio qui e ora. È davvero una meraviglia
Questo è il modo migliore per conoscere la vita nella nostra Galassia, e fa sì che la storia prenda vita, salta fuori ne cattura la tua attenzione e tu ne diventi parte, la senti e la vivi. È il modo migliore per imparare. Le tue lezioni di storia della Terra in superficie sono noiose rispetto al nostro modo di apprendere e spiegano la tua perdita di attenzione e di interesse nelle aule scolastiche, a parte il fatto che le tue informazioni sono informazioni sbagliate basate sulla teoria o sul pregiudizio di qualcuno, piuttosto che fatti reali."
"Ora entriamo nella Biblioteca di Porthologos e saliamo la scala di cristallo, dove la porta si apre sull'Universo. Sì, la Biblioteca è multidimensionale! Quando entri, vedi la Via Lattea fluttuare intorno a te e puoi guardare nei cieli al di là, che racchiude il nostro intero Universo. Vedi le stelle, i soli e altri sistemi solari che ruotano attorno al nostro Sole Centrale; e ti senti parte di "Di Tutto Quello che E'", come in effetti sei. E sì, c'è di più. La Libreria di Porthologos è un portale interdimensionale che può portarti ovunque proietti i tuoi pensieri e le tue intenzioni per andare a vedere "di prima mano". Sì, è magia in superficie, ma qui è naturale e reale e accettato come parte della vita"

Abbiamo altre due testimonianze estremamente simili tra di loro. Una di queste presenta un piccolo dettaglio differente che poi analizzeremo,nel libro "Agartha:The Earth's Inner World" "Agartha:Il mondo interiore della Terra". E' un libro molto simile a quelli già descritti precedentemente:un racconto avvincente che abbiamo già in precedenza analizzato, talmente pieno di dettagli temporali che dubitiamo sia un racconto falso. Tuttavia,grazie alla guida di un abitante Agarthiano e compagno di viaggio di nome Mannul,nel corso della lettura anch'egli avrà l'opportunità di visitare questa sacra Biblioteca. Tim parla anche della sua ubicazione che a differenza della prima testimonianza, sembrerebbe ubicata nelle vicinanze della città Telos.

Come ben sapete,Telos si trova nel Nord-America.Tutt'altra zona rispetto al Mar Egeo. Ma come è stato confermato nella prima testimonianza su Porthologos,si parla di una Biblioteca Multidimensionale perciò non ci sorprenderebbe sapere che ci sono più accessi per entrare in questo Magazzino della Conoscenza.


"Il veicolo si fermò un attimo in aria. Sopra di esso il mare affondò fino a terra a pochi centimetri da un arco, scolpito con la parola "Porthologos". Questo era uno degli innumerevoli ingressi all'enorme terreno. Sono uscito dal veicolo e i miei tre compagni ci seguirono. L'acqua brillava vicino a dove era presente la biblioteca che si estendeva sotto Telos..."
" Siamo nella più grande biblioteca del mondo ", ci spiega Mannul."E' la nostra biblioteca speciale, che in origine era un'enorme caverna. Ci sono ovunque attori che rispondono sopra a dei palcoscenici, combinando film e realtà in una riserva infinita di conoscenza. C'è una rete di passaggi per le nostre domande. Agiscono fuori. Scene come risposte." "Aspetta!Non ci sono libri qui?" gridò impressionata Nancy.  "Non è una biblioteca come voi abitanti della superficie siete abituati a conoscere"

L'ultima eclatante testimonianza sulla Libreria la ritroviamo nel libro "Telos:rivelazioni della Nuova Lemuria Volume 1".


"A Telos, una delle mie occupazioni è quella di essere responsabile di una vasta libreria che contiene piastre di cristallo su cui è registrata tutta la storia della cultura di Lemuria, dall'inizio alla fine. La nostra biblioteca contiene anche tutte le memorie della storia "Vera" del nostro pianeta di cui la superficie dell'umanità sa molto poco. Ho una squadra meravigliosa che lavora con me, piuttosto grande, e siamo stati impegnati per un po 'di tempo duplicando tutte le nostre memorie in varie lingue, preparandoci per il momento in cui saranno messe a disposizione per espandere la tua conoscenza e saggezza . La storia completa e accurata del tuo pianeta non è mai stata conosciuta dai tuoi storici degli ultimi 12.000 anni. Quello che pensi di sapere è piuttosto limitato e rappresenta solo frammenti distorti della vera storia.  Molti dei tuoi storici hanno fatto del loro meglio per scrivere queste piccole percentuali della storia della Terra, ma nessuno di loro era illuminato abbastanza per percepire o semplicemente comprendere con precisione la storia passata. Quando ti sarà consentito questo tipo di esplorazione, sarai in grado di accedere a tutte queste informazioni. Sorridiamo già, sapendo che sarai sorpreso, sbalordito e stordito oltre misura. Prima della fine di Lemuria, tutte le memorie sono state archiviate nella Libreria di Telos per essere preservate per la conoscenza e la saggezza delle generazioni future. Abbiamo una biblioteca vivente, non solo per questo pianeta, ma anche per la galassia e questo intero universo. È la mia previsione che entro i prossimi 20 anni o prima, i duplicati delle nostre memorie saranno reintrodotte in superficie per tutti voi per poterle consultare e studiare. Otterrai molta saggezza da informazioni così ampie e accurate. La tecnologia per leggere queste piastre di cristallo sarà resa disponibile anche per te. I set completi di queste memorie saranno rese disponibili in molti posti di questo pianeta. Questo è un compito enorme che ci impegniamo a organizzare per il tuo vantaggio. Il nostro lavoro è un lavoro d'amore ed è con grande gioia che eseguiamo questo servizio per offrire l'accesso alla storia della Terra in un futuro non troppo lontano."



CAPITOLO 18. UN MESSAGGIO DIRETTO AGLI ABITANTI DELLA SUPERFICIE DA PARTE DI MIKOS, UN ABITANTE EXTRATERRESTRE DI AGARTHA




Nel libro "TELOS" di Dianne Robbins, ritroviamo un messaggio di Mikos,abitante di Agartha, che abbiamo prontamente tradotto per voi lettori e che abbiamo lasciato per intero:

"Saluti, miei compagni di viaggio sulla Terra! È Mikos, che vi parla oggi dall'interno della Terra Cava, che è la nostra casa. Siamo qui da milioni di anni, evolvendoci lentamente negli Esseri Divini che siamo. La nostra evoluzione ha fatto passi da gigante a causa dell'isolamento di essere avvolti nel grembo di Madre Terra. Tutte le nostre vite sono state trascorse in pace e beatitudine, grazie alla nostra posizione. Esistiamo qui in pace e tranquillità a causa della vicinanza al battito del cuore della Madre Terra. Più profondamente si va nella Terra, più profondamente si sente il battito della Terra. E più si sente il battito del suo cuore, più si risuona con le sue qualità di divinità. Quindi questa vicinanza ci ha portato, nel corso dei millenni, alla nostra unità con tutta la vita e alla nostra gioia di esistere. Tutta la vita conosce questa unità, eppure la maggior parte della vita deve ancora sentirla nei loro corpi esterni. Mentre il battito del cuore di Madre Terra riverbera attraverso la Terra, raggiunge la superficie, dove puoi sentirlo e sperimentarlo. Tuttavia, per sentire e risuonare con questo battito di vita, devi essere in pace. I vostri corpi esterni devono essere in coordinazione e sincronicità l'uno con l'altro, vibrando tutti alla stessa velocità e sentendo tutti la grazia di Dio e l'immersione nell'unità della Creazione. Quando i tuoi corpi sono a riposo, di notte, risuonano al ritmo profondo al loro interno. Puoi evolverti solo quando sei in uno stato di pace. Ed è per questo che noi, che siamo immersi nelle profondità della Terra, siamo stati in grado di evolverci; perché siamo stati in sincronia con il ritmo di tutta la vita e con noi stessi. Una volta eravamo alla deriva nello spazio, vivendo su un altro sistema solare nella Via Lattea. A quel tempo, c'era quella che chiamereste le "Star Wars"(Guerre Stellari). Le persone erano impegnate in battaglie per controllare la nostra sezione della galassia. Queste battaglie portarono grandi distruzioni ai pianeti e mandarono fuori rotta i sistemi solari. Questo era un periodo buio per la nostra galassia e esseri come noi desideravano che la pace venisse ripristinata in modo che potessimo continuare la nostra evoluzione. Questo è quando abbiamo scoperto la Terra. Abbiamo lasciato il nostro sistema solare e viaggiato qui, che all'epoca era un pianeta poco conosciuto al di fuori dei suoi parametri. Quando siamo scesi in superficie, siamo rimasti sbalorditi e in soggezione per la bellezza e la tranquillità della Terra. Abbiamo esplorato la superficie e abbiamo trovato i tunnel aperti che conducono nella cavità interna. Queste erano già gallerie esistenti da altre civiltà, perché la Terra è molto antica e le sue civiltà altrettanto. Dovete sapere che tutti i pianeti hanno aperture ai poli nord e sud e noi siamo migrati attraverso i poli e abbiamo trovato il nostro "nido" all'interno. L'interno è così pulito, così puro e così tranquillo che da quel momento in poi non lo abbiamo più lasciato. Nel corso dei secoli abbiamo ampliato e sviluppato i tunnel che portano alle Città sotterranee e alla superficie, come mezzo di viaggio per i nostri abitanti e per i vostri. Sebbene non molti viaggiatori di superficie abbiano utilizzato questi tunnel, esistono per il futuro, quando più di voi e più di noi si mescoleranno e faranno il viaggio per visitarsi l'un l'altro.  È così che avviene sulla maggior parte dei pianeti della tua galassia, dove le persone viaggiano liberamente sia verso la culla che sul bordo, per scambiarsi informazioni e imparare gli uni dagli altri. La tua Terra ha una bella storia, che risale a millenni di tempo. Sfortunatamente, la sua storia non è sempre pacifica, perché una volta scoperta, le persone hanno combattuto grandi guerre cercando di controllarla, estrarre e rimuovere le sue preziose risorse. Quindi sappi che questi tempi di stupro della Terra sono finiti. A questi esseri non è più consentito l'ingresso in questo settore della Galassia che è in costante aumento nella Luce... Tutte le forme di vita attualmente sulla Terra stanno optando per l'ascensione. Tuttavia, alcuni ascenderanno con la Terra e con noi in questo momento, e gli altri che sono stati inconsapevoli delle loro scelte interiori e non disposti ad ascendere in questo momento, lo faranno in un secondo momento. Sappi che l'ascensione della Terra è assicurata e che ci sposteremo tutti più vicino a Helios, il nostro Sole. Le persone nella Terra Cava sono felicissime dell'aumento della frequenza che ha avuto e sta avendo luogo negli ultimi anni. Desideriamo connetterci con te nel fisico, e ora questa connessione è completamente assicurata. Possiamo anche "garantire" questo, come diresti sopra. Sì, sei al di sopra di noi, ma la profondità della posizione è irrilevante. Perché con l'arrivo della pace sul pianeta, tutta la vita sarà assicurata in rapida evoluzione per compensare i giorni perduti dell'oscurità. L'umanità ha imparato bene la lezione, ha appreso la futilità della guerra e dei litigi, e ora grida per la fine della follia. E la fine sta arrivando. Stai assistendo alle ultime eruzioni in superficie. Da questo punto in poi, inizierai a vedere l'unione di persone, luoghi e principi, mentre tutti si uniscono in UNA TERRA UNITA. Questo è il giorno che Dio stava aspettando. Questo è il giorno per cui il vostro santo Dio stesso ha pregato. Questo è il giorno in cui apriremo le uscite del tunnel e verremo da te, con le nostre vesti dai colori vivaci e sandali scintillanti, portando doni di immense ricchezze e dispositivi necessari che riporteranno il tuo pianeta al suo stato originario ancora una volta. Perché possiamo risolvere tutti i tuoi problemi di inquinamento e malattia in pochi istanti. Sei stato dotato oltre ogni misura di talenti e intelligenza che ora stanno emergendo. Molti di voi stanno riguadagnando i doni che erano nascosti alla vista. Uno di questi è la telepatia. Siete tutti telepatici e potete conversare con noi. State appena iniziando a rendervi conto di quanto siano veramente dotati gli esseri umani. Così dotato, che in effetti potresti effettivamente fare tutto ciò che facciamo, perché una volta eravamo te. Una volta abbiamo attraversato tutto ciò che stai vivendo ora. Ma con il nostro ingresso nella cavità della Terra, eravamo destinati ad evolvere, proprio come voi siete destinati a evolvere con l'accelerazione della frequenza della Terra.  I tuoi doni innati risplenderanno e ti rallegrerai delle tue capacità. Una volta raggiunta una certa frequenza, la tua coscienza esploderà attraverso la densità e vedrai tutto e saprai tutto, e saremo qui con te finalmente, avvolgendoti nel nostro amore. Risiediamo qui, nella Terra Cava, tra grandi ricchezze, e viviamo in grandi palazzi infusi di Luce. A te sembrerebbe una terra di fantasia, ma per noi è reale, poiché l'abbiamo creata dal nostro Dio "Io". Abbiamo creato case per Dei e Dee, ed è qui che dimoriamo. Abitiamo tra le ricchezze che i tuoi occhi non possono ancora concepire. Ogni comodità possibile è a portata di mano e il nostro ambiente è più bello di quanto tu possa immaginare. Le nostre case sono immerse nella lussureggiante campagna che abbonda tutt'intorno a noi, e sono inserite nell'ambiente naturale, circondate da laghi e ruscelli. Gli alberi e i fiori sono vibranti di colori e forme sfarzose che accarezzano le nostre case e la nostra terra. Tutto è “monumentale”, come lo definiresti tu. Anche i nostri alberi e le nostre montagne sono alte il doppio delle vostre(NOTA:a conferma delle scoperte scientifiche che abbiamo trattato ad inizio), naturalmente, i nostri corpi sono più alti e più grandi strutturalmente. La nostra frutta e verdura è enorme rispetto alla tua. Tutti i nostri alimenti sono biologici, poiché siamo in sintonia con Madre Terra, e lei ne dirige personalmente la crescita. Viviamo in grandi palazzi fatti di pietre cristallizzate che sono incastonate con i gioielli della Terra. Queste pietre cristallizzate creano un campo magnetico e una radiosità che nutre e riequilibra i nostri corpi e ci riempie della Forza Vitale che emana dal Grande Sole Centrale del nostro Universo. Tutte le cose nelle nostre case irradiano la purezza di Dio e ci sintonizzano sulle vibrazioni di Dio. Perché è l'amore di Dio che riempie le nostre case e l'amore di Dio che crea la ricchezza nelle nostre vite. Le nostre case sono rotonde e traslucide e si fondono con la campagna. In apparenza ci danno totale privacy. Ma una volta dentro, possiamo vedere in tutte le direzioni intorno a noi. Questo ci dà una sensazione di visione ampia, piuttosto che sentirsi chiusi e "bloccati", come nelle case della superficie. Non solo possiamo vedere fuori dalle nostre case, ma possiamo vedere oltre la Terra, fino alle Stelle nel cielo. La nostra visione non ha confini o barriere, ovunque ci troviamo nella Terra Cava. I nostri occhi e i nostri sensi sono liberi di vagare per l'Universo, mentre i nostri corpi rimangono all'interno del globo. I nostri campi di grano brillano e prosperano nelle nostre terre, che sono perfettamente toccati dal “sole” e dalla pioggia per produrre il più succulento dei raccolti che sono così piacevoli al nostro palato e così corroboranti per il nostro corpo. Il nostro cibo pulsa con la forza della vita e, quando mangiato da noi, trasferisce la forza vitale nelle nostre stesse cellule, il che si traduce in perfetta salute e longevità di anni. Questo è il segreto della vita, questa è la fonte nascosta della giovinezza che tutti stavate cercando sulla vostra superficie. Si trova nella Terra stessa, che aspetta solo di darti la sua Forza Vitale se solo seguirai le leggi della natura per piantare e raccogliere i raccolti, usando solo la natura stessa per dirigere il processo e supervisionare la crescita. Con le grandi forze della natura che lavorano con te, non hai bisogno di aggiungere nulla al terreno, e i raccolti sono sempre magnifici per dimensioni, nutrimento e gusto. Questa forza che ci dà il cibo ci permette di compiere imprese erculeiche con i nostri corpi che considerereste impossibili. Possiamo camminare e correre per distanze estremamente lunghe senza stancarci e nuotare per ore alla volta. Non siamo stanchi alla fine di una giornata di "lavoro", perché niente che facciamo è "lavoro". È tutto gioia e serenità e la contentezza si avverte alla fine di ogni giornata. Le nostre vite sono davvero meravigliose e abbiamo molto per cui sentirci benedetti. Ma abbiamo creato noi stessi questa utopia, e così puoi, e lo farai anche tu. Perché il tuo futuro deve essere glorioso. Stai per sfondare questa densità verso il paradiso. E questo paradiso è proprio qui sulla Terra. In questo momento solo la metà del pianeta risiede qui, ma presto l'intero pianeta sarà nel paradiso che stavi cercando. Perché il paradiso non è altrove; la sua posizione è proprio qui sulla Terra. Proprio qui dove vivi. Devi solo portarlo qui attraverso la tua coscienza superiore. Perché il paradiso è solo una frequenza, e ora stai salendo rapidamente verso l'accesso a quella frequenza. E noi, qui nella Terra Cava, stiamo applaudendo il vostro desiderio e determinazione di crescere in consapevolezza e raggiungere la frequenza di ascensione che sta precipitando sulla Terra dal Grande Sole Centrale. Tuo Padre / Madre, Dio e Dea, Alfa e Omega, ti stanno riportando a casa, nei loro seni d'amore, dove dimoreremo tutti per il resto dell'etern0.




CAPITOLO 19. IL VIAGGIO SI CONCLUDE



Questo viaggio è arrivato alla tappa finale. E' stato un viaggio magico ai limiti della realtà, un viaggio che ci ha condotti nei meandri più profondi della nostra Terra e che ci ha fatto volare dentro un'altra dimensione, o per meglio dire, in un altro Regno.

 Come un gruppo di viaggiatori che hanno condiviso nel corso del viaggio numerosi momenti meravigliosi, ora, quest'esperienza evolutiva ha raggiunto la sua ultima fermata, in cui è giunto il momento di salutarci. Ma certo si fa per dire, perché potrete continuare a rimanere in contatto con noi, con il Team del IlBen-Essere, e rimanere aggiornati su tutto il materiale informativo che rilasceremo quotidianamente, attraverso le nostre pagine social di Facebook (QUA) e Instagram (QUA). Cari Lettori, ci auguriamo che abbiate  apprezzato queste conoscenze che solo negli ultimi tempi stanno iniziando a venire a galla dato il processo di trasformazione che stiamo affrontando interiormente ed esteriormente. Speriamo che queste preziose verità siano state assimilate intuitivamente e siano riuscite a stimolare la vostra coscienza e la vostra percezione della realtà. Infine vogliamo esortare i nostri lettori a diffondere questo documento  a tutte le persone e gli aspiranti spirituali  che ritenete pronti ad assimilare queste conoscenze.


Un saluto da Riccardo Ciattini, Creatore della pagina e del Team IlBen-Essere. 


Commenti
* L'indirizzo e-mail non verrà pubblicato sul sito Web.